rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Calcio

Il Casteltermini acciuffa la Parmonval nel finale, Rinaudo: "Pareggio amaro, siamo calati nella ripresa"

Il tecnico biancazzurro non nasconde il suo dispiacere per il risultato: "Non siamo riusciti a chiudere la partita, se non sfrutti le occasioni le gare si complicano". Il Ds Castronovo: "Squadra a due facce ma vediamo il bicchiere mezzo pieno"

È un pari amaro quello conquistato dalla Parmonval nello scontro diretto contro il Casteltermini. Al Lombardo la squadra biancazzurra dopo aver dominato il primo tempo passa in svantaggio al 32’ per via dell’incursione in area di Cantavenera: manco tempo di un giro di lancette e la squadra di Mondello pareggia con Fontana, che ribadisce in rete una respinta corta di De Miere su una stoccata da fuori di Serio.

La rimonta viene completata sul gong del primo tempo da Carioto che si guadagna il rigore da lui stesso trasformato. Nella ripresa la squadra cala di intensità col Casteltermini che si protende in avanti alla ricerca del pari, trovato all’88 con un colpo di testa di Antinoro che va in tap-in dopo la traversa colpita da Keba. In virtù di questo risultato la Parmonval sale a quota sei punti, collocandosi appena fuori dalla zona playout.

Il tecnico della squadra di Mondello Giuseppe Rinaudo, in un’intervista sulla pagina FB della società,  non ha nascosto la sua amarezza per il risultato finale:” Sicuramente è un pareggio amaro - ha affermato - penso che avessimo l’opportunità di chiudere la partita soprattutto nel primo tempo in cui abbiamo avuto almeno quattro gol. È normale che quando non capitalizzi poi le partite possono diventare difficili come è successo oggi. Oggi siamo stati una squadra dai due volti, nel secondo tempo ci siamo abbassati e abbiamo rischiato tantissimo fino a quando non abbiamo preso il pareggio. Il calcio è questo si sa, andiamo avanti e cercheremo di fare sicuramente meglio la prossima gara”.

L’allenatore biancazzurro individua nell’uscita di Rappa per infortunio il punto di svolta del match: “Sicuramente, Totò a centrocampo è il nostro metronomo - conclude - stava dettando i tempi e dando le geometrie alla squadra, facendola respirare e creando molte palle per le punte, purtroppo si è fatto male ed ha dovuto abbandonare il terreno di gioco, da lì gli equilibri sono cambiati”.

Castronovo: “Squadra completata da poco, dobbiamo consolidarci tecnicamente”

Anche il ds Giovanni Castronovo ha espresso le sue considerazioni sul match: “Il pari può avere anche un gusto dolce - ha affermato - visto che abbiamo rischiato di capitolare nel finale. È stata una partita dai due volti: nel primo tempo abbiamo avuto una supremazia territoriale quasi totale. Nel secondo tempo la squadra si è abbassata troppo, siamo stati rinunciatari: l’uscita di Rappa per infortunio ha pesato nell’economia della squadra ma ingiustificatamente ci siamo abbassati ed è uscito il Casteltermini che è riuscito a pareggiarla. Intanto ci prendiamo un punto che in un campo difficile fuori casa resta positivo: resta il rammarico perché se avessimo continuato la ripresa con lo stesso trend del primo avremmo portato a casa i tre punti. Bisogna lavorare e capire cosa è mancato sotto il profilo mentale, senza con questo togliere nulla al Casteltermini e dare i meriti agli uomini di La Bianca. Vediamo il bicchiere mezzo pieno”.

Il direttore sportivo biancazzurro ha poi parlato della situazione dell’organico: “Consideriamo che abbiamo completato la squadra in settimana, è arrivato Ivan Tarantino, uomo di grande sperienza che è cresciuto da noi ha giocato 15 anni qua, ma deve entrare nei meccanismi della squadra come Davide Carioto che è qui da una settimana. Certi sincronismi si devono oliare. Quest’anno poi Morello e Rappa non hanno giocato mai assieme ci sono situazioni tattiche da consolidare. Abbiamo pagato lo scotto della partita di mercoledì, non dimentichiamolo, anche se è stato fatto un turnover molti effettivi hanno giocato a Marineo e forse questo nella parte finale l’abbiamo pagato. Guardiamo il lato positivo dell’eliminazione dalla Coppa, ovvero concentrarsi solo sul campionato: da martedì lavoriamo con la settimana tipo e ci prepariamo ad un altro scontro difficile contro il Castellammare, che oggi ha perso in casa e verrà al Lo Monaco con voglia di rivalsa. Purtroppo per noi loro sono una specie di bestia nera, non siamo mai riusciti a batterli: spero che sabato sia la prima volta”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Casteltermini acciuffa la Parmonval nel finale, Rinaudo: "Pareggio amaro, siamo calati nella ripresa"

PalermoToday è in caricamento