rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Calcio

Francavilla ko, Filippi rinsalda la panchina: "Ma io mi sento sempre in discussione"

Il tecnico rosanero analizza la prestazione della squadra: "Siamo stati bravi ad approfittare dei loro errori, abbiamo voluto la vittoria a tutti i costi". Il match-winner Brunori: "Oggi era importante mandare un segnale, felice per il mio gol"

Per quanto moderata non può che esserci soddisfazione in casa Palermo dopo la vittoria per 1-0 contro la Virtus Francavilla, conquistata in una partita difficile divenuta una salita con pendenza al 70% dopo l’espulsione di Perrotta. Per Giacomo Filippi adesso l’obiettivo è quello di trovare continuità di risultato già a partire dalla sfida contro la Vibonese.

Il tecnico rosanero ha espresso le sue considerazioni sulla partita: “Siamo stati bravi ad approfittare dei loro errori - ha affermato - noi dobbiamo mettere solo la testa sott’acqua e nuotare: non possiamo rilassarci un attimo se no si rischia di incappare in prestazioni come quella del secondo tempo di domenica. Stavolta c’è da prendere l’atteggiamento della squadra, il sacrificio e la voglia di lottare. Se siamo in dieci dopo venti minuti è normale che serve una partita di sacrificio e non possiamo palleggiare. Elogio i ragazzi per lo spirito, per l’atteggiamento, la voglia e la dedizione che hanno avuto per ottenere questo risultato, determinate per il nostro cammino”

L’allenatore del Palermo nel ribadire l’apprezzamento alla squadra per la prestazione guarda già avanti alla prossima sfida: “La mia panchina è sempre in discussione - ha spiegato - io mi sento sempre in discussione, come ho detto anche ieri nella conferenza pre-gara. Nel calcio italiano i tecnici vengono mandati via anche quando si vince quindi non mi sorprenderebbe nulla. Io comunque elogio i ragazzi per come hanno voluto e ottenuto questa vittoria, si sono aggrappati a tutto, nonostante l’espulsione di Marco, che c’era. La coesione di questa squadra si è vista subito nelle difficoltà, faccio i complimenti ma dobbiamo pensare alla partita di domenica prossima. Fare punti per trovare continuità è un obbligo”.

Il tecnico partinicese ha poi spiegato come le attitudini che vuole vedere dalla squadra si siano viste anche in partita: “Il mio Palermo lo vedo nella voglia di lottare, in allenamento non si risparmiano mai e voglio vedere questo. A me interessa vedere che ogni giocatore ha dato l’anima in campo - ha detto - per i tifosi, per la squadra, per loro stessi, per tutti: quando si fa questo siamo a tre quarti dell’opera, il resto i ragazzi lo sanno fare bene. Penso che tutti state sottovalutando un avversario tosto: i numeri dicono che ha 14 punti ed è una difesa impermeabile. Siamo riusciti a contenerli e segnare, sfruttando una loro disattenzione perché ci abbiamo creduto”.

Filippi spera particolare di vedere una squadra capace di essere sempre un collettivo: “Abbiamo speso tanto ma abbiamo cambiato cinque elementi, poi sei - ha concluso - sono rientrati Almici e Valente. La rotazione sta avvenendo in maniera continua e costante, tutti coloro che vengono chiamati non si risparmiano. Purtroppo siamo incappati in qualche prestazione storta fuori casa come squadra: non so se guardare il bicchiere mezzo pieno o mezzo vuoto ma noi dobbiamo essere bravi a giocare di squadra, solo così possiamo colmare le lacune individuali di qualche elemento, che possono sempre capitare in una partita. Dobbiamo essere costanti, equilibrati e mentalmente lucidi”.

Brunori: “La vittoria ci dà consapevolezza dei nostri mezzi”

Autore di un gol tanto bello quanto pesante, il numero 9 del Palermo, entrato nella ripresa a posto di Soleri, è stato l’uomo che ha cambiato le sorti della squadra rosanero. A fine partita ha espresso tutta  la sua soddisfazione elogiando la squadra: “Sicuramente oggi era importante mandare un segnale -ha affermato - anche se la partita non si era messa bene dopo il rosso a Perrotta. Siamo stati bravi a reagire e crederci. Non mi sento il bomber ma cerco di dare il massimo per la mia compagnia. Sono felice per il gol ci ho creduto fino all’ultimo”.

Per Brunori, giunto al quarto gol in campionato, il successo contro la Virtus Francavilla ha un valore importante: “Oggi era fondamentale - ha proseguito - dovevamo per forza dare un segnale ma questo non deve essere solo oggi. Bisogna essere più costanti. Questo successo però ci dà consapevolezza dei nostri mezzi, bisogna crederci sempre anche quando si è uno in meno”.

L’attaccante italo-brasiliano ha infine parlato del clima dello spogliatoio in questo periodo: “Tra di noi parliamo - conclude - siamo un gruppo molto unito e sicuramente c’è il confronto quotidiano come succede ovunque. Per la continuità non c’è una ricetta, sembra scontato ma serve il lavoro e la determinazione vista oggi e che bisogna riportare su tutti i campi”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Francavilla ko, Filippi rinsalda la panchina: "Ma io mi sento sempre in discussione"

PalermoToday è in caricamento