Martedì, 23 Luglio 2024
Calcio

Palermo ancora frenato, Tutino: "Ternana forte ma non siamo contenti"

Anche Lanna (Corini era squalificato) ha commentato la prestazione dei suoi, ammettendo le criticità del primo tempo: "Non c’era grande lucidità, sono stati molto bravi gli avversari. Pigliacelli ci ha tenuto in piedi, ha fatto benissimo"

Luci e ombre ieri sera al Renzo Barbera: il Palermo è stato schiacciato nel primo tempo ma nella ripresa è cresciuto e poteva anche segnare il gol del vantaggio. Ma di certo, se il risultato è rimasto inchiodato sullo 0-0 il merito è del portierone rosanero, Mirko Pigliacelli, che ha letteralmente murato la porta. In sala stampa Salvatore Lanna ha parlato al posto dello squalificato Corini, soffermandosi sulla differenza di prestazione della squadra tra primo e secondo tempo.

“Nel primo tempo non c’era grande lucidità - ha dichiarato Lanna - sono stati molto bravi gli avversari. Mirko ci ha tenuto in piedi, ha fatto benissimo. Nella ripresa siamo riusciti a pressare meglio, siamo stati corti, la sensazione è che fisicamente ne avessimo più di loro. Ci portiamo a casa questo punto, secondo me la squadra è cresciuta. Abbiamo perso le distanze nel primo tempo, poi nel secondo l’abbiamo rimessa a posto. È un momento importante della stagione, dobbiamo farci trovare pronti. Brunori? Non ho fatto caso a quando è uscito, era comunque rammaricato per non aver trovato il gol".

Ad inizio ripresa c'è stato l'esorido in rosanero per Aurelio, al posto di Masciangelo, non ancora al top della condizione: "Aurelio all’inizio era un po’ emozionato - ha ammesso Lanna - poi è venuto fuori e ha fatto bene. Vido ha avuto un ottimo impatto, avrebbe meritato il gol. Verre è venuto in panchina ma non stava benissimo, pensiamo di recuperarlo pienamente per Pisa: può darci la qualità e gli inserimenti giusti. Dobbiamo migliorare nel giro palla, deve essere più veloce. Nella ripresa le occasioni le abbiamo create, ma dobbiamo continuare a lavorare”.

In sala stampa anche Tutino, che nel primo tempo è andato vicino al primo gol in maglia rosanero scheggiando la traversa:

“Sapevamo di affrontare una squadra forte - ha detto l'attaccante campano - con calciatori importanti per questa categoria: il cambio di allenatore ha dato la giusta scossa. Non siamo contenti del risultato, soprattutto perché giocavamo di fronte ai nostri tifosi. Siamo al terzo pari di fila, in questo torneo è importante perché le gare sono tutte piuttosto complicate. Dare continuità è fondamentale, anche se volevamo la vittoria. Dobbiamo essere più lucidi negli ultimi venti metri, occorre continuare così. Siamo rammaricati perché potevamo vincere, ma va detto che potevamo anche perderla perché loro hanno avuto nel primo tempo diverse occasioni. Dobbiamo andare a Pisa convinti di fare la nostra partita. Voglio guardare il lato positivo della mia prestazione: ho calciato tre, quattro volte in porta e ho sfiorato il gol anche se per me anche fare l’assist è importante. Non voglio avere l’assillo del gol, perché prima viene il Palermo e poi vengo io: sento la fiducia della società e dell’ambiente, voglio restare concentrato".

Cristiano Lucarelli, allenatore della Ternana, ha elogiato l'atteggiamento dei suoi al termine della gara: il tecnico livornese è atterrato lunedì in tarda serata a Palermo e ha chiesto ai suoi un atteggiamento propositivo in campo:

“In questo momento siamo contati a livello numerico - ha commentato Lucarelli - l’impegno non era facile: il Palermo ha un bravissimo allenatore, una società importante alle spalle e un grande stadio che ha spinto. Con questi ragazzi però ci conosciamo bene e sanno come voglio che il match venga approcciato dal punto di vista della fame, dello spirito giusto. Pigliacelli è stato molto bravo, abbiamo creato diverse occasioni: al netto del momento è stata una grande partita. Resta il rammarico di non aver vinto, ai punti avremmo meritato noi. È un punto di ripartenza, per cercare di riportare la nave in porto. Ringrazio i tifosi per essere stati presenti qui, in questo martedì sera. Noi abbiamo provato a farli contenti, negli ultimi giorni sono successe tante cose: si è parlato troppo di altro e non di calcio. Sono arrivato a mezzanotte a Palermo, lo spirito visto in questa partita è stato importante, con tutte le difficoltà che avevamo. Numericamente era una situazione complicata. Mi aspettavo un match di gambe, testa e cuore ma i ragazzi hanno messo anche dei contenuti tecnici importanti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo ancora frenato, Tutino: "Ternana forte ma non siamo contenti"
PalermoToday è in caricamento