rotate-mobile
Giovedì, 1 Dicembre 2022
Calcio

Palermo, contro il Sudtirol Corini tentato dal trequartista: dubbio Saric, pronto Floriano

I rosanero domani in campo al Barbera, l'allenatore potrebbe schierare un 4-2-3-1: il 36enne ha chances di partire titolare, visto che l'ex Ascoli è rientrato dall'impegno con la sua nazionale e ha sostenuto solo un allenamento, oltre la rifinitura, con il resto del gruppo

Dopo la sosta per gli impegni delle Nazionali il Palermo torna in campo al Renzo Barbera, dove domani alle ore 14 affronterà il Sudtirol. Una sfida che può segnare, per la squadra di Corini, un nuovo inizio. Il ritiro di Manchester, in questo senso, è stato fondamentale per incrementare la sintonia del gruppo. L'allenatore rosanero ha già comunicato la formazione ai suoi ma in conferenza stampa non si è chiaramente sbilanciato. L'impressione, tuttavia, è che Corini sia tentato dall'utilizzo di un trequartista, tornando dunque al 4-2-3-1.

In realtà il 4-3-3 utilizzato nelle ultime uscite si presta, comunque, alla possibile evoluzione tattica, come chiarito dallo stesso Corini: "A volte si parla di sistemi, di moduli, ma poi il calcio è veramente occupare e liberare spazi. L'impiego del trequartista è una soluzione di gioco che abbiamo utilizzato dall'inizio del campionato, nel nostro sistema base - ha dichiarato Corini - Lo abbiamo sviluppato anche in un altro sistema, leggermente diverso, ruotando il centrocampo può sempre aversi un 4-2-3-1. Il giocatore che può giocare sotto la punta può essere un centrocampista di inserimento, un trequartista o una seconda punta. Questo ci può dare, a livello di variabilità di gioco, attitudini e caratteristiche che apportano qualcosa di diverso nella stessa struttura tattica". 

La "riflessione", come l'ha chiamata lo stesso Genio, è stata fatta su Saric, visto che il calciatore è rientrato mercoledì dall'impegno con la propria Nazionale e si è allenato in gruppo solo da giovedì: "Faccio i complimenti a Saric che ha fatto l’esordio in Nazionale, ha disputato 70 minuti e secondo me aveva bisogno di giocare per il proprio percorso di crescita. È arrivato stanco dal viaggio, che ha subito ritardi. Mercoledì ha fatto un differenziato e ieri ha fatto il primo allenamento col resto del gruppo. Poi, oggi, la rifinitura". La sensazione è che Saric possa partire dalla panchina, con Floriano favorito sull'ex Ascoli. 

Non ci sarà in difesa Bettella, non convocato, così come Accardi, ancora ai box. "Dispiace per Davide, comunque faccio i complimenti al mio staff perché ho praticamente tutti a disposizione. Avrei anche potuto portare Davide in panchina, ma sarebbe stata una forzatura e preferisco non rischiarlo". In difesa, dunque, dovrebbero giocare Buttaro a destra, Nedelcearu e Marconi centrali, Mateju favorito su Sala nel ruolo di terzino sinistro. A centrocampo Stulac in cabina di regia affiancato da Segre, quindi Elia, Floriano e Di Mariano a supporto di Brunori. 

In conferenza Corini ha dichiarato di voler rivedere il Palermo di Manchester, con la stessa grinta e intensità che si sono viste all'Etihad Campus: "Ho visto una grande crescita nei ragazzi. Si sono allenati benissimo, la squadra volava in campo. Ho visto anche ancora l’arrabbiatura per la sconfitta di Frosinone. C'è stata grande applicazione negli allenamenti, i ragazzi hanno tanta voglia di fare bene. Vogliamo rimettere queste cose anche in campo domani".

Il Sudtirol non è un avversario facile, visto che da quando è arrivato Bisoli in panchina la squadra altoatesina ha totalizzato sette punti, frutto di due vittorie e un pareggio: "L’approccio deve sempre essere importante. Lo scorso anno il Sudtirol ha fatto 90 punti - ha proseguito nella sua analisi Corini - Hanno avuto qualche difficoltà iniziale ma adesso con Bisoli si sono ripresi. È un allenatore esperto, bravo, ha valorizzato il suo gruppo. Noi, comunque, abbiamo le qualità per poter vincere questa partita. Da loro mi aspetto un 4-4-2 molto compatto, le due punte lavorano bene in fase di non possesso, togliendo linee di passaggio. Anche dietro svolgono un ottimo lavoro, sui cambi di gioco sono abbastanza veloci: il Sudtirol è una squadra fastidiosa. In contrattacco sono molto pericolosi, così come sulle palle inattive. Occorrerà una partita di grande equilibrio e di grande efficacia per poter portare l'inerzia dalla nostra parte e cavalcarla sino alla fine ".

Qui Sudtirol

Bisoli, in conferenza stampa, ha annunciato che i suoi scenderanno in campo senza paura: "Arriviamo da due settimane importanti, nelle quali siamo riusciti a migliorare la condizione fisica dei nostri giocatori. Serve del tempo per smaltire il carico di lavoro: a Palermo la squadra avrà una condizione ottima, senza però ancora aver raggiunto il massimo possibile. Gli allenamenti sono stati di grande intensità e questo ci aiuterà a tenere alto il ritmo per un maggior numero di minuti. Il recupero di Belardinelli? Ha fatto delle prove di allenamento positive e potrebbe tornare tra i convocati già per questa partita. A Palermo affronteremo una squadra forte, che secondo i pronostici lotterà per la partecipazione ai playoff. Conosciamo e rispettiamo l’avversario - ha concluso Bisoli - Lo affronteremo, però, senza paura. Anche Pisa e Como sono delle squadre di grande valore e le abbiamo affrontate senza timore.”

Le probabili formazioni

PALERMO (4-2-3-1): Pigliacelli; Buttaro, Nedelcearu, Marconi, Mateju; Segre, Stulac; Elia, Floriano, Di Mariano; Brunori.

SUDTIROL (4-4-2): Poluzzi; Berra, Zaro, Masiello, D’Orazio; De Col, Crociata, Tait, Rover; Mazzocchi, Odogwu.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo, contro il Sudtirol Corini tentato dal trequartista: dubbio Saric, pronto Floriano

PalermoToday è in caricamento