rotate-mobile
Martedì, 6 Dicembre 2022
Calcio

Per la prima volta a Palermo arriva il Sudtirol: ai rosanero servono tre punti per ripartire

Sabato alle 14 i rosanero affronteranno il club altoatesino con la voglia di ottenere una vittoria che darebbe slancio al gruppo

Sabato alle 14 il Palermo affronterà in casa il Sudtirol. La formazione guidata da Bisoli ha gli stessi punti in classifica dei rosanero, 7, frutto di due vittorie e un pareggio. Tre le sconfitte, proprio come il Palermo. Un ruolino di marcia pressoché speculare per entrambe le squadre, neopromosse. Per il Sudtirol, in particolare, si tratta della prima storica partecipazione al campionato di Serie B.

Un inizio non semplice per il club altoatesino, che dopo un avvio abbastanza complicato, con tanto di eliminazione precoce in Coppa Italia, ha congedato Zauli che ha guidato la squadra nel precampionato. Poi la scelta di puntare sul viceallenatore Leandro Greco, ex centrocampista della Roma, con tre sconfitte nelle prime tre giornate. Quindi il Sudtirol ha deciso di ingaggiare mister Bisoli (con Greco rimasto comunque come collaboratore nello staff tecnico).

Bisoli, classe '66, dopo aver raggiunto la salvezza con il Cosenza nello scorso campionato di Serie B, ha firmato un accordo annuale con opzione per la seconda stagione con la società. Sin da subito il nuovo tecnico ha provato a dare autostima ai giocatori. In effetti, da quando è arrivato lui a guidare il Sudtirol le cose sono notevolmente cambiate. Vittoria contro il Pisa all’esordio in casa, vittoria a domicilio a Como e pareggio casalingo contro il Cosenza. Avversari non semplicissimi da affrontare, contro i quali la squadra ha risposto con risultati oltre le aspettative.

Ora un altro banco di prova importante, la difficile trasferta al Renzo Barbera. Non ci sono, per la verità, buone notizie per Bisoli dall’infermeria. Già da tempo fermi ai box Sprocati, Siega, Vinetot, Voltan, Marconi e Belardinelli, alla lista degli indisponibili si è aggiunto anche Hans Nicolussi Caviglia. Il centrocampista, arrivato ad agosto dalla Juventus Next Gen, ha rimediato un infortunio muscolare la cui natura e gravità devono ancora essere valutate.

Il Palermo, dal canto suo, proverà a voltare pagina. Il rodaggio può dirsi concluso, il ritiro di Manchester è servito a compattare un gruppo che adesso sembra aver ritrovato fiducia. I rosanero, nel giro di un mese, avranno da calendario tre match su quattro in casa. Il Barbera, in questo senso, può diventare assai prezioso per cercare di scalare posizioni in classifica (per la verità abbastanza corta al momento).

In campo servirà trovare quella identità invocata da Corini: serve un cambio di passo, soprattutto dal centrocampo. Il ritiro inglese è servito per mettere a punto alcuni automatismi che andavano registrati. Occorrerà maggiore velocità nella costruzione della manovra offensiva, il giro palla in mezzo al campo dovrà essere più fluido per cercare di trovare trame interessanti e inserimenti decisivi.

Da questo punto di vista, ci si attende molto da Stulac e Di Mariano. Il primo è il motore della squadra e serve che lo sloveno giri a pieno regime. Il palermitano, invece, deve mettere in campo tutto il suo estro a supporto di Brunori e compagni. Insomma, giocare da vero dieci e da leader: Di Mariano può diventare determinante anche nella gestione dello spogliatoio.

Oggi, come comunicato dal club di viale del Fante, a partire dalle 12 aprirà la vendita dei biglietti per assistere alla partita, valevole per la settima giornata di campionato. I tagliandi saranno disponibili alla vendita fino alle ore 13:55 di sabato 1° ottobre o comunque fino a esaurimento disponibilità.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per la prima volta a Palermo arriva il Sudtirol: ai rosanero servono tre punti per ripartire

PalermoToday è in caricamento