rotate-mobile
Lunedì, 27 Maggio 2024
Calcio

Palermo, contro la Reggina Corini vuole una prova di maturità: "Bisogna saper volare"

Al Barbera la sfida con gli amaranto di Pippo Inzaghi: i rosanero puntano al nono risultato utile di fila. L'allenatore: "Serve un ulteriore step di crescita". Le probabili formazioni: in attacco il duo Brunori-Di Mariano, dubbi a centrocampo. Massolo e Tutino fra i convocati, out Gomes e Masciangelo

"Quando si inizia a volare bisogna avere la capacità di continuare a farlo: dobbiamo reggere la pressione e ci siamo preparati per questo. Occorre restare ben saldi ai principi che ci hanno consentito di avere questa crescita". Eugenio Corini detta ai suoi la ricetta da seguire per proseguire il percorso di crescita: i rosanero vogliono restare imbattuti e proseguire nella striscia di risultati utili consecutivi.

Palermo-Reggina, trasferta vietata ai tifosi amaranto

L’allenatore rosanero, nella conferenza stampa della vigilia, ha analizzato il momento della sua squadra. In città si è riacceso l’entusiasmo, anche grazie alle operazioni di mercato messe a segno dalla dirigenza. "Quando dico che bisogna saper volare mi riferisco ad un ulteriore step di crescita da parte nostra: abbiamo raggiunto quel livello ma dobbiamo migliorare ancora se vogliamo restarci. Stiamo facendo questo tipo di lavoro tutti insieme e anche con il pubblico. So cosa vuol dire creare questo clima. Ce lo siamo meritati e dobbiamo continuare a meritarcelo. Il calcio è bello perché riesce ad accendere gli animi, vedere questa piazza riattivarsi è qualcosa di bellissimo".

Nei convocati ci sono Massolo e Tutino, così come Segre nonostante il piccolo problema al ginocchio avvertito in settimana. Out invece Gomes e Masciangelo:

"Massolo e Tutino hanno avuto uno stato febbrile, già ieri non avevano più febbre e hanno lavorato da casa. Raggiungeranno la squadra in ritiro questa sera alle 19. Gomes è rientrato in gruppo ma non è del tutto pronto, dalla prossima settimana rientrerà pienamente: al 99% sarà pronto per la trasferta di Genova. Masciangelo sarà reinserito in gruppo durante la prossima settimana, è arrivato e deve ricondizionarsi dal punto di vista atletico. La trattativa è stata lunga e complicata, abbiamo preferito stabilire un programma atletico specifico per poi aggregarlo completamente. Segre ha avuto questa piccola distrazione al ginocchio ma è pienamente disponibile Mi riservo qualche ora per decidere chi inizia la partita".

Qui Palermo

Contro il 4-3-3 della Reggina, Corini dovrebbe confermare l’iniziale 3-5-2 ibrido ormai collaudato. In difesa ci saranno Mateju, Nedelcearu e Marconi; a destra confermatissimo Valente, a sinistra Sala (con la possibilità nella ripresa magari di vedere in campo il nuovo acquisto Aurelio). È a centrocampo che si concentrano i dubbi del Genio: Segre ha rimediato una lieve distorsione e quindi alimenta le riflessioni del tecnico. Tuttavia, Corini potrebbe comunque confermare il centrocampo di Ascoli ed inserire nella ripresa Verre e Tutino in avanti. Dunque in mezzo spazio a Segre, Damiani e Saric. In attacco il duo Brunori-Di Mariano. Alla corsa e al pressing del numero dieci difficilmente l’allenatore rinuncia, peraltro Tutino non è di certo al massimo visto lo stato febbrile dei giorni scorsi.

Qui Reggio

"Dispiace molto per i nostri tifosi, penso che sia brutto per noi perché giochiamo in uno stadio da Serie A”. Ha esordito così, in conferenza stampa, Pippo Inzaghi, allenatore della Reggina, alla vigilia del big match col Palermo. “I nostri tifosi in trasferta sono sempre stati numerosi e si sono sempre comportati bene. Non vedo il motivo perché domani dobbiamo giocare in uno stadio così senza i nostri tifosi. Ci privano di una cosa fondamentale, ma cercheremo di fare una grande partita anche per chi non ci sarà. Non penso neanche alle assenze, abbiamo sempre sopperito ad ogni mancanza. Domani mancherà qualche titolare, ma chi entrerà farà la propria parte. A parte Terranova, gli altri devono ambientarsi: vedremo se ci sarà lui o Cionek".

Superpippo ha elogiato, infine, il lavoro della dirigenza rosanero: "Il Palermo ha fatto un mercato top: Verre e Tutino sono due giocatori da A. È chiaro il loro obiettivo: è iniziato un po’ in ritardo in estate, visto che si è fatto tutto all’ultimo, ma penso che il Palermo lotterà per andare in A perché se la merita. Sarà una partita difficile noi abbiamo 8 punti in più, ma non dobbiamo fermarci. Domani dobbiamo divertirci, andare a Palermo a fare una grande gara. Se loro ci saranno superiori gli daremo la mano, ma sono sicuro che la squadra vorrà fare una grande gara".

I precedenti

Quella di domani sarà la sfida numero 40 tra Palermo e Reggina. Le due squadre si sono affrontate praticamente in tutte le categorie del nostro calcio. Al momento, il bilancio complessivo sorride ai rosanero che hanno vinto ben 13 volte, a fronte dei 18 pareggi e delle 8 affermazioni amaranto.

La forbice si allarga in maniera significativa se si prendono in considerazione solamente le gare giocate in Sicilia. Su 20 precedenti, 11 volte hanno vinto i padroni di casa, 5 volte i match si sono conclusi con un pareggio e 4 volte hanno vinto gli amaranto.

Per ritrovare un successo calabrese in campionato (in Coppa Italia la vittoria esterna arrivò nel 2002, 0-1 rete di Leon) bisogna risalire addirittura al 1971. Si giocava in B e la decise una rete di Merighi. L’altro successo, sempre in B, risale al 1966: una doppietta di Rigotto firmò il 2-1 finale.

L’ultimo precedente al Barbera risale al 2014: finì 1-0 e la decise Paulo Dybala. Curiosità, in porta per la Reggina c’era Mirko Pigliacelli. La Reggina, in quella stagione, retrocesse in serie C mentre i rosanero trovarono la promozione in serie A.

Inzaghi, da allenatore, tra le altre volte ha battuto i rosanero nell’aprile 2015: in un Palermo-Milan l’allenatore vinse 2-1 grazie alle reti di Cerci e Menez, attuale calciatore della Reggina allenato proprio da Pippo Inzaghi.

Sono quattro i diffidati in casa rosanero: Mateju, Segre, Gomes e Brunori. Il bomber rosanero non segna in casa su azione dal 9 settembre, nel match vinto contro il Genoa: in quella circostanza, peraltro, venne registrato il record stagionale di presenze al Barbera. Record che, con ogni probabilità, verrà superato domani pomeriggio. Brunori, tra l'altro, può considerarsi un ex: nella seconda parte della stagione 2011/2012 ha vestito la maglia della Primavera della Reggina: sei gol in otto presenze complessive. Diversi gli ex in campo: Pigliacelli, Cionek, Terranova, Di Chiara, Colombi.

Le probabili formazioni

PALERMO (3-5-2): Pigliacelli; Mateju, Nedelcearu, Marconi; Valente, Segre, Damiani, Saric, Sala; Brunori, Di Mariano.

REGGINA (4-3-3): Contini; Pierozzi, Terranova, Gagliolo, Di Chiara; Majer, Crisetig, Liotti; Canotto, Menez, Rivas.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo, contro la Reggina Corini vuole una prova di maturità: "Bisogna saper volare"

PalermoToday è in caricamento