rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Calcio

Nedelcearu e i suoi primi 6 mesi in rosanero: "Quella di Ferrara è stata la settimana più difficile della mia vita"

Il difensore romeno ha parlato ai microfoni della società, tracciando un primo bilancio della sua esperienza in rosanero. "Ringrazio tutti quelli che mi sono stati vicini dopo la perdita di mio padre. Qui sto bene perché siamo una grande famiglia. La città è stupenda e poi... che bello il sole a dicembre. Il pubblico merita i palcoscenici migliori"

La sua sarà un'assenza molto pesante contro il Brescia, non solo per le recenti ottime prestazioni che hanno dato sicurezza al reparto ma anche per il carisma che riesce a trasmettere in campo a tutto il gruppo. Ionut Nedelcearu salterà la sfida contro i lombardi, in programma il prossimo 26 dicembre alle ore 12,30: il rumeno era diffidato e contro il Cagliari ha rimediato un cartellino giallo. Il gigante rosanero ha rilasciato un'intervista ai microfoni ufficiali del club. Tanti i temi trattati: dalla scelta di giocare a Ferrara contro la Spal, poche ore dopo aver appreso della morte di suo padre, al suo ambientamento a Palermo.

"Era molto importante vincere contro il Cagliari - ha esordito Nedelcearu - è stato un match fondamentale per noi. Abbiamo dato continuità alla nostra striscia di risultati positivi, adesso vogliamo andare a Brescia con l' atteggiamento giusto. Vogliamo vincere anche lì per chiudere quest' anno in maniera ottima".

All'alba di domenica 11 novembre, dal ritiro di Ferrara, ricevette la notizia della scomparsa di suo papà. Nonostante lo stato emotivo, decise comunque di scendere in campo contro la Spal, disputando peraltro un'ottima gara. "Quella di Ferrara è stata la settimana più difficile della mia vita - ha dichiarato il difensore - e ringrazio il mister e tutti i compagni perchè grazie al loro aiuto sono riuscito ad affrontare quello che è accaduto. Ho deciso comunque di andare in campo perchè giocare a calcio è il mio lavoro: nella vita può capitare qualsiasi cosa, bisogna restare forti e superare i momenti difficili".

In tanti sono stati colpiti da come Nedelcearu abbia affrontato la tragedia della perdita. "Molti tifosi - racconta - mi hanno manifestato il loro affetto, li ringrazio tantissimo perchè li ho sentiti vicini. In tanti mi hanno scritto, ad alcuni sono anche riuscito a rispondere e mi scuso con chi non ha ricevuto la mia risposta. Il campionato che stiamo disputando è un torneo complicato, adesso pensiamo solo al Brescia: ragioniamo gara dopo gara. Il mio personale bilancio dei primi sei mesi in rosanero è positivo, qui sto bene e sono felice: siamo un bel gruppo, unito, forte. Siamo una grande famiglia. Palermo è una città fantastica, non manca nulla: è grande, c'è il mare, la cultura, la storia. Il clima è strepitoso, anche a dicembre. I tifosi sono straordinari - conclude il difensore romeno - e vengono in molti anche in trasferta: questo pubblico merita qualcosa di più, anche di superiore rispetto ad un'eventuale serie A. Speriamo di renderli felici presto".  

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nedelcearu e i suoi primi 6 mesi in rosanero: "Quella di Ferrara è stata la settimana più difficile della mia vita"

PalermoToday è in caricamento