Venerdì, 17 Settembre 2021
Calcio

Il Palermo vola agli ottavi di coppa, Filippi elogia la squadra: "L'atteggiamento è quello giusto"

Il tecnico su Fella: "Giocatore importantissimo, felice di averlo ritrovato". Soddisfazione anche per Valente: "Contento per il gol e per la vittoria"

Giacomo Filippi - foto Fucarini

Cercava risposte dalla squadra e dai giocatori meno impiegati e in entrambe i casi le ha avute. Per Giacomo Filippi Palermo-Monopoli 2-1 è stata, al di là del passaggio del turno, una prestazione positiva in cui ha visto quello che voleva vedere dai suoi ragazzi.

Il tecnico rosanero ha apprezzato in particolare il piglio con cui la squadra è scesa in campo: “Sono soddisfatto per la vittoria -ha affermato - ho trovato una squadra coesa e attenta. Gli errori poi ci possono stare, capitano anche in Champions League, ma l’atteggiamento è quello giusto. Bene ne primo tempo mentre nel secondo tempo è forse subentrata un po’ di paura ma abbiamo giocato comunque bene”.

Filippi ha poi parlato di Giuseppe Fella, mattatore della partita con un gol e un assist, che oggi era tra gli uomini più attesi: “Beppe è importantissimo - ha detto - averlo ritrovato era la cosa in cui speravamo tutti, che si riprendesse quanto prima sotto l’aspetto fisico, il giocatore non si discute. Oggi è stato determinante sia con che senza palla: è un valore aggiunto”.

L’allenatore partinicese ha poi detto di non ritenere il turnover degli avversari un fattore nella storia del match: “Credo che sia riduttivo dare peso all’avversario rimaneggiato: loro avevano cambiato 7/11 noi 9, poi loro hanno inserito gli altri titolari. Do merito ai ragazzi che hanno fatto un’ottima partita nei due tempi”.

L’attenzione della squadra adesso è tutta puntata sul big match di domenica pomeriggio al Barbera contro il Catanzaro nel quale il Palermo arriva ancora una volta con gli uomini contingentati: “Sul centrale di domenica proveremo in questi giorni alcune soluzioni: mancheranno Peretti e Accardi che forse potremo recuperare in extremis. Per ora c’è una maledizione dei centrali ma quelli che abbiamo sono affidabilissimi e quindi lavoreremo con quello che c’è”.

Valente: “Nessun dualismo con Giron”

Titolare per la prima volta in stagione, Nicola Valente ha risposto benissimo giocando tutta la partita e trovando il gol del raddoppio, decisivo nell’economia del match. L’esterno sinistro rosanero ha espresso la sua soddisfazione per il gol segnato, un’iniezione di fiducia dopo l’infortunio di inizio stagione: “Ho vissuto il periodo come tutti i calciatori infortunati, si vive male, però ho fatto ogni giorno il mio lavoro al meglio per tornare e competere coi miei compagni. Sono felicissimo per il gol che vale moltissimo. So che è visto come un gol importante, per me lo è ancora di più perché mi permette di lavorare meglio e tornare meglio di prima”.

Valente ha anche parlato del dualismo tra lui e l’altro esterno sinistro della rosa, Giron, che nelle prime uscite ha ben figurato: “Io mi metto dove sta il mister, posso giocare ovunque. Lavoro ogni giorno per ritrovare la condizione, che adesso è quella di un giocatore fermo 40 giorni per un problema fastidioso. Adesso devo solo lavorare per mettere in difficoltà il mister: io e Giron siamo entrambi ottimi giocatori, se sta giocando perché lo merita. Non vedo nessun dualismo con lui, ha dimostrato di essere un gran giocatore: sta a me mettere difficoltà il mister nel lavoro di quotidiano”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Palermo vola agli ottavi di coppa, Filippi elogia la squadra: "L'atteggiamento è quello giusto"

PalermoToday è in caricamento