rotate-mobile
Giovedì, 30 Maggio 2024
Calcio

Palermo-Cagliari, al Barbera ritorna Liverani: dubbio Bettella per Corini, pronto Mateju

L'allenatore rosanero scioglierà le riserve dopo il provino di domattina: l'ex difensore del Monza è in dubbio, avendo rimediato un affaticamento muscolare. Ha sostenuto la rifinitura al Tenente Onorato ma sarà decisiva la seduta di domani

Tornare a vincere in casa per chiudere il 2022 al Renzo Barbera nel migliore dei modi: è questo l’obiettivo del Palermo per la gara di domani sera, contro il Cagliari di Fabio Liverani. I rosanero non vincono in casa dallo scorso 5 novembre, quando sotto il diluvio riuscirono ad avere la meglio sul Parma. La squadra di Corini vuole confermare i passi in avanti visti nel primo tempo di Ferrara e proverà ad ottenere tre punti che sarebbero fondamentali per la classifica. La gara, originariamente in programma alle 18, inizierà alle 18.45: alle 16, infatti, andrà in scena la finale del Mondiale in Qatar tra Francia e Argentina e con lo spostamento si consentirà ai tifosi un’organizzazione del tragitto più agevole.

Contro la Spal, la settimana scorsa, Corini ha schierato un 3-5-2 puro che potrebbe essere confermato anche nella giornata di domani. In realtà, l’unico vero dubbio di formazione sembra essere legato all’impiego in difesa, dal primo minuto o meno, di Davide Bettella: il calciatore, come rivelato dall’allenatore, ha rimediato un affaticamento muscolare e quindi occorrerà valutare molto attentamente il suo eventuale utilizzo.

Dalla presenza di Bettella dipenderà anche il modulo iniziale scelto: se il difensore non dovesse farcela a figurare nell’undici titolare, non è escluso che si possa tornare alla difesa a 4. L’ex Monza è regolarmente presente nell’elenco dei convocati e alla rifinitura odierna ha lavorato con il gruppo. Ma le riserve verranno sciolte soltanto dopo la prova di domattina, che fornirà le risposte decisive.

Nel caso in cui non si volesse rischiare, è pronto Mateju a tornare titolare: il ceco giocherebbe con Nedelcearu e Marconi se venisse confermata la difesa a tre, o da terzino destro nella eventuale composizione a quattro. L’ex difensore del Crotone è rientrato giovedì dalla Romania, in permesso societario per dare l’ultimo saluto al papà, scomparso all’alba di domenica scorsa prima del match contro la Spal.

“Nedelcearu contro la Spal è stato emozionante – ha dichiarato Corini che prima dell’inizio della conferenza ha espresso la propria vicinanza alla famiglia di Sinisa Mihajlovic - voleva esserci a tutti i costi nonostante il grave lutto. Ha certificato cosa noi vogliamo essere. Ionut è tornato a lavorare con noi giovedì e lo ringraziamo sempre per la sua professionalità”.

A centrocampo confermato dal primo minuto Stulac, probabilmente con Segre e Gomes: lo sloveno ha convinto Corini e sarà ancora in cabina di regia. “Stulac ha fatto 65 minuti buoni contro la Spal – ha precisato l’allenatore rosanero - mi aspetto molto da lui: con il Cagliari inizierà la partita, voglio dargli continuità. Saric, invece, è stato rallentato dall’infortunio, deve lavorare, lo stiamo aspettando e sono convinto che nel tempo riuscirà a fare vedere le sue qualità”.

In avanti ci saranno Valente, Brunori, Di Mariano: il capitano rosanero, fresco di convocazione per lo stage in Nazionale, era stato ampiamente cercato proprio dal Cagliari prima dell’arrivo in Sardegna di Lapadula.

Corini chiede ai suoi di proseguire sulla strada della crescita costante: i miglioramenti, sul piano del gioco, sono stati tangibili nelle ultime settimane. Contro la Spal, peraltro, è arrivata una rimonta da situazione di svantaggio che ha mosso la classifica: nelle precedenti circostanze, in situazioni analoghe i rosanero avevano rimontato solo parzialmente le gare, perdendo poi sempre al termine dei novanta minuti.

“Quando parlo di crescita c’è anche questo – ha sottolineato Corini - recuperare un risultato certifica un miglioramento costante. Stiamo costruendo la nostra storia attraverso le esperienze, che ci fanno crescere: andare sotto e rimontare è un mattoncino che si aggiunge. Questo fa parte del nostro percorso quotidiano, attraverso queste situazioni si consolida la nostra crescita”.

La formazione di Corini dovrà fare grande attenzione a Pavoletti, una sorta di “bestia nera” del Palermo:  i rosanero sono tra i suoi bersagli preferiti, avendo segnato ai siciliani con tre maglie diverse (Varese, Sassuolo e Genoa nell’ordine di reti). Anche Lapadula, partner d’attacco di Pavoletti, ha già timbrato al Renzo Barbera: il nazionale peruviano segnò di tacco, su tiro cross di Suso, in un Palermo-Milan della stagione 2016/2017. In quella stagione, peraltro, andò in scena l’ultimo Palermo-Cagliari al Renzo Barbera: la gara terminò col risultato di 1-3.

L’ultimo precedente al Barbera tra le due formazioni in serie B risale, invece, alla stagione 2003/04: in quella gara andò a segno Eugenio Corini su calcio di rigore. Una sola vittoria nelle ultime cinque gare al Barbera: i rosanero sono chiamati ad ottenere nuovamente i tre punti, invertendo così il trend attuale.

Occhio ai cartellini gialli: Nedelcearu è già in diffida, mentre Brunori, Segre e Gomes hanno attualmente rimediato tre ammonizioni e al prossimo giallo andranno in diffida.

Qui Cagliari

"Lavorare dopo una vittoria ci ha dato maggiore serenità – ha dichiarato Fabio Liverani - anche se non ha cambiato molto la nostra situazione in classifica e dobbiamo dare continuità. I tre punti contro il Perugia saranno importanti se li valorizzeremo nelle prossime due gare da qui alla sosta. A Palermo non sarà facile: servirà tanta attenzione e determinazione per tornare con il risultato pieno. Palermo è una tappa indimenticabile della mia carriera, ho grandi ricordi che mi legano a quella piazza. Non mi sono mai lamentato delle assenze, per me rappresentano un'opportunità per chi ha giocato meno e può conquistarsi maggiore spazio. Tutti i ragazzi che sono qui sono validi, magari chi sinora ha avuto poco spazio può rivelarsi una sorpresa. Andiamo avanti con chi abbiamo a disposizione con l'obiettivo di fare la partita giusta. La squadra deve giocare serenamente, non abbiamo ottenuto i risultati che volevamo ma ho sempre visto una squadra viva, questo mi dà sempre grandi speranze. Questo è un campionato molto equilibrato - ha concluso Liverani - abbiamo due gare per salutare il 2022 e regalare più serenità e sorrisi a tutti".

Le probabili formazioni

PALERMO (4-3-3): Pigliacelli; Mateju, Nedelcearu, Marconi, Sala; Segre, Stulac, Gomes; Valente, Brunori, Di Mariano.

CAGLIARI (4-3-1-2): Radunovic; Zappa, Capradossi, Obert, Barreca; Nandez, Viola, Makoumbou; Falco; Lapadula, Pavoletti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo-Cagliari, al Barbera ritorna Liverani: dubbio Bettella per Corini, pronto Mateju

PalermoToday è in caricamento