rotate-mobile
Domenica, 23 Giugno 2024
Calcio

Flop Palermo, delusione Corini: "Abbiamo la morte nel cuore, questi playoff li meritava la Reggina"

Il tecnico racconta la grande amarezza nello spogliatoio dopo il pareggio per 2-2 contro il Brescia che taglia i rosa dagli spareggi promozione: "C'è rammarico, il traguardo era a un centimetro. Avevo avvertito i ragazzi, a fine primo tempo, che non stavamo facendo le cose che avevamo provato"

Non nasconde tutta la sua delusione in sala stampa Eugenio Corini, al termine del pari amaro contro il Brescia: il risultato pone fine alla stagione e alla corsa dei rosanero ai playoff. Si chiude un campionato che ha visto luci e ombre, grandi rimpianti e tanto rammarico. "Ci siamo appoggiati alla partita - ha esordito Corini in conferenza stampa - abbiamo disputato un primo tempo sufficiente e sapevo che nel secondo tempo il Brescia avrebbe messo in campo tutto. Abbiamo sbagliato un’uscita e abbiamo subito il 2-1, che non dovevamo mai prendere. Poi dopo poco il pareggio: c’è grande rammarico perché abbiamo sentito il peso di un obiettivo che era lì. La Reggina meritava i playoff, lo dico con grande onestà, per il percorso che ha fatto. Non siamo stati bravi perché non abbiamo portato in campo quello che abbiamo costruito in dieci mesi di crescita. A fine primo tempo ho detto ai ragazzi che non stavamo facendo le cose che avevamo provato, nonostante il doppio vantaggio e il terzo annullato".

Palermo-Brescia 2-2: cronaca e pagelle

Il Genio poi torna sull'amarezza negli spogliatoi a fine partita: "La delusione è grande, il traguardo era ad un centimetro e abbiamo preso una 'musata' incredibile. Ho spinto l’ambiente, mesi fa, perché conosco la piazza: so cosa vuol dire indossare questa maglia. Oggi c’è delusione, lo stadio era pieno: abbiamo fatto un percorso comune importante, in un campionato molto complicato. Con la morte nel cuore ci portiamo questa esperienza a casa - ha aggiunto Corini - ma nelle difficoltà possiamo diventare più forti: su questo lavoreremo con la società, per portare il Palermo dove tutti vogliamo andare. Da stasera dobbiamo capire di cosa c’è bisogno, cosa significa stare qui e lavorare in una piazza come Palermo. C’è una visione che va fatta sul campionato appena concluso, adesso è chiaro alla società e alla direzione tecnica. Abbiamo cambiato praticamente tutta la rosa, esperienze come quella di stasera possono fortificarti".

In sala stampa anche il capitano, Matteo Brunori: "E' difficile esprimere un giudizio così a caldo, c'è rammarico e una grandissima delusione: eravamo ad un passo da un sogno che avevamo tutti. Ci dispiace per la gente, moltissimo. Occorre analizzare gli errori e ripartire, è stato un campionato difficile. Ci prendiamo le nostre responsabilità, tutti volevamo giocare i playoff. Non possiamo fermarci adesso, voltiamo pagina e pensiamo al futuro. Quando perdiamo, perdiamo tutti: la colpa è di tutti. Il mister a fine primo tempo non era contento, nonostante il doppio vantaggio. Non so dare una motivazione sul blackout, dispiace enormemente perchè ho avuto lo stesso brivido dello scorso anno dopo il gol: si era riaccesa una scintilla importante. I venti gol in stagione? Preferivo farne dieci in meno e andare ai playoff".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Flop Palermo, delusione Corini: "Abbiamo la morte nel cuore, questi playoff li meritava la Reggina"

PalermoToday è in caricamento