rotate-mobile
Calcio

Caos Palermo, società a caccia del sostituto di Baldini: la suggestione Ranieri e l'idea De Rossi

A 16 giorni dall'inizio del campionato il City Football Group deve trovare il nuovo allenatore. Per il tecnico di Testaccio, almeno per il momento, non ci sarebbe nulla di concreto. Un'altra pista porta all'ex calciatore della Roma che più recentemente ha lavorato come assistente di Roberto Mancini nella nazionale. Tutto aperto anche per il dopo-Castagnini

Un improvviso tam-tam cominciato nel tardo pomeriggio, le voci che si rincorrono. Fino alla definitiva conferma arrivata a ora di cena: Silvio Baldini lascia la panchina del Palermo di sua spontanea volontà e con lui anche il direttore sportivo Renzo Castagnini, che lo aveva riportato in città nella convinzione, poi rivelatasi esatta, di aver trovato l'uomo della svolta per la corsa alla Serie B. All'improvviso la squadra si ritrova senza una guida. Un problema non da poco a 16 giorni dall'inizio del campionato che complica i piani tecnici del City Football Group, chiamato a dare un'immediata risposta per spegnere sul nascere il fuoco delle inevitabili perplessità che sorgono in questi casi. Da qui i rumors su due nomi noti: Ranieri e De Rossi.

La nuova proprietà deve fare una scelta delicata in tempi stretti. Sostituire l'allenatore non è certamente cosa facile, così come non è facile scegliere chi prenderà il posto del dirigente che ha costruito l'ossatura tecnica attuale. Castagnini meriterebbe un articolo a parte a riconoscimento di un lavoro triennale che, nonostante lo scetticismo, si è rivelato nei fatti di alto livello.

Al momento sponda Palermo non trapela nulla. Una chiusura ben sintentizzata ieri dai "no comment" del direttore generale Giovanni Gardini e del presidente Dario Mirri alle specifiche domande dei giornalisti presenti al Renzo Barbera sui possibili sostituiti. Le prime speculazioni sono uscite già pochi minuti dopo l'ufficialità delle dimissioni del duo Baldini-Castagnini: la possibilità di un ritorno di Claudio Ranieri a Palermo, a quasi quarant'anni dalla sua esperienza in rosanero da calciatore, è più che altro una suggestione. Di concreto non c'è nulla, almeno per il momento. Un altro nome quello di Daniele De Rossi, ex centrocampista giallorosso più recentemente impegnato come assistente del tecnico Roberto Mancini nella nazionale. Ma per ora non ci sono conferme, né in un senso né in un altro.

Anche per il ruolo di direttore sportivo la partita è quanto mai aperta. Tra i nomi emersi ci sono quelli di Giorgio Zamuner, già accostato al Palermo durante le trattative per il passaggio al City Football Group, e Riccardo Bigon, che ha lavorato assieme al dg Gardini all'Hellas Verona. Al momento però non vi sono certezze: lecito è comunque pensare che, a questo punto, Luciano Zavagno, uno dei dirigenti più importanti del settore tecnico dell'intero City Football Group, possa avere ancora più potere a livello decisionale in questa fase delicata, in attesa di nominare qualcuno che possa coadiuvarlo.

Per il resto si può solamente guardare allo scenario e vedere i profili liberi. Guardando alla panchina, tra gli specialisti di cadetteria spiccano i grandi ex rosanero Beppe Iachini ed Eugenio Corini. Aurelio Andreazzoli, che ha stravinto l'unico campionato disputato da capo allenatore in B, è libero dopo la salvezza raggiunta all'Empoli. Un altro nome interessante è quello di Luca D'Angelo, che ha lasciato Pisa dopo quattro anni sfiorando l'anno scorso la promozione in Serie A. Insomma, le possibilità sono tante - e vale anche sul fronte dirigenziale - ma il tempo stringe e la sensazione è che le decisioni possano essere prese in poco tempo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos Palermo, società a caccia del sostituto di Baldini: la suggestione Ranieri e l'idea De Rossi

PalermoToday è in caricamento