rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Calcio

Marineo acciuffa la Nissa sul filo di lana: biancorossi sempre a meno quattro dalla zona play-off

Partita rocambolesca al Virciglio di Campofranco: la squadra di mister Tumminia passa in vantaggio nel primo tempo con Sanyang, subendo nella ripresa la rimonta firmata da Retucci e Pardo. Il gol di Li Castri al 92' fissa il risultato sul 2-2. Il tecnico: "Potevamo anche vincere ma ho visto l'atteggiamento giusto"

Pomeriggio agrodolce per l'Oratorio San Ciro e Giorgio di Marineo che al Virciglio di Campofranco strappa un punto sul filo di lana alla Nissa di mister Bognanni, pareggiando per 2-2 proprio nei minuti finali, dopo una partita combattuta nella quale i biancorossi hanno creato diverse occasioni.

Nel primo tempo a creare i primi pericoli è capitan Maggio, che ci prova sia di testa che su punizione: nel primo caso non trova la porta, nel secondo impegna Keba in due tempi. Al 25' Marineo trova l'affondo giusto: Rama pesca Sanyang in profondità e l'attaccante gambiano batte Keba dal limite con un tiro chirurgico segnando il suo secondo gol consecutivo. Pochi minuti dopo Marineo va vicina al raddoppio con Cocuzza che incrocia una conclusione che Keba riesce a neutralizzare. Al 45' la Nissa si rende pericolosa andando vicina al pareggio con Rizzi che costringe Ceesay al miracolo in controtempo.

Nella ripresa i padroni di casa entrano con spirito diverso e riescono a pareggiare grazie a Retucci che al 53' lavora palla in area e scocca una conclusione letale che bacia il palo prima di entrare in porta. All'81 i nisseni trovano il gol del vantaggio: la firma è del subentrato Pardo che insacca in rete l'assist di Retucci. Il Marineo si getta in avanti con la forza della disperazione e al 93' acciuffa la partita quando tutto sembrava perso: su una punizione dalla trequarti di Bognanni, con la squadra protesa in avanti compreso Ceesay, il veterano Daniele Li Castri brucia tutti e batte Keba di testa.

In virtù di questo risultato Marineo sale a quota 30 punti nel girone A di Eccellenza, rimanendo sempre a quattro punti di distanza dal quinto posto, adesso occupato da Enna e Mazarese. Il tecnico biancorosso Giuseppe Tumminia a fine partita ha espresso le sue considerazioni sul match: "Abbiamo fatto una gara importante - afferma a PalermoToday - che potevamo anche vincere se non fosse stato per una perla di Retucci che si è inventato un eurogol e per una nostra disattenzione sul loro secondo gol dove dovevamo più furbi nel non fare ripartire con facilità la Nissa su una punizione all'altezza del centrocampo. Nel primo tempo abbiamo avuto una buona supremazia concludendo più in porta rispetto a loro: perdere sarebbe stata l'ennesima beffa perché anche oggi abbiamo espresso un buon calcio. I miei ragazzi ci hanno creduto fino alla fine e siamo stati premiati conquistando un punto prezioso".

L'allenatore del Marineo è soddisfatto della reazione della squadra e proietta l'attenzione verso i prossimi impegni di campionato: "Oggi ho rivisto l'atteggiamento giusto che rispecchia la nostra identità  - conclude - dimenticando subito l'amara sconfitta contro lo Sciacca dove eravamo un po 'spremuti e con molte defezioni. Adesso testa alle prossime 9 finali, da giocare con questa voglia e con questo spirito e quello che viene ci prenderemo, noi fino ad oggi abbiamo sempre dato il massimo e anche oggi si è visto in campo. Sicuramente dopo tante gare ravvicinate queste che restano ci consentiranno di lavorare con tranquillità senza gare infrasettimanali che in precedenza ci hanno provocato un calo psicofisico che oggi mi sembra superato e soprattutto ritornare ad allenarci nelle settimane-tipo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marineo acciuffa la Nissa sul filo di lana: biancorossi sempre a meno quattro dalla zona play-off

PalermoToday è in caricamento