rotate-mobile
Calcio

Cus, non basta il cuore contro la capolista Mazarese, Ferrara: "I ragazzi hanno fatto una grande partita"

A Mazara del Vallo la squadra universitaria si arrende solo nella ripresa, giocata per tanti minuti in inferiorità numerica per il doppio giallo a Salamone per perdita di tempo. Le reti sono state segnate nella ripresa da Modou e Angileri. Il tecnico: "Espulsione inaudita, ora testa al derby con la Parmonval"

Non basta gettare il cuore oltre l’ostacolo al Cus Palermo, che in trasferta tiene testa alla capolista Mazarese per 70’ prima di dover cedere il passo nei minuti finali del match. I biancorossi fanno la loro partita andando vicini al vantaggio nel primo tempo in più occasioni: all’inizio ci prova Cortese di testa, sfiorando la porta. Poi è Mercante che sempre di testa sugli sviluppi di una punizione va vicino alla rete: la palla viene respinta sulla traversa da Giordano. Sul finale di tempo lo stesso portiere mazarese fa un miracolo su un bel tentativo di Russo.

Nella ripresa la storia della partita cambia quando al 55’ Salomone viene espulso per un secondo giallo comminato dall’arbitro per una perdita di tempo: il Cus che aveva perso già il portiere Mortillaro per infortunio si ritrova così in 10 uomini. I padroni di casa escono alla distanza e passano nel finale: le reti di Modou e Angileri regalano così i tre punti alla Mazarese che si conferma in testa al girone assieme al Canicattì a quota 16 punti. Il Cus, ancora a caccia del primo successo, resta fermo a quota tre punti, amche per un calendario che in queste ultime uscite si è rivelato veramente aspro.

Il tecnico cussino Giancarlo Ferrara ha espresso le sue considerazioni sul match, senza nascondere una punta di rammarico: “I ragazzi hanno fatto una grande partita -afferma a PalermoToday - abbiamo giocato per 65-70 minuti anche meglio di loro gestendo bene le situazioni della partita e soffrendo poco. Poi l’arbitro purtroppo si è inventato un secondo giallo su un fallo laterale, ammonendo per la seconda volta il mio difensore per una perdita di tempo, una cosa inaudita. Siamo rimasti in 10, noi abbiamo sofferto e loro hanno preso coraggio. Siamo riusciti a gestirla bene su un calcio piazzato abbiamo preso il primo gol: forse potevamo stare più attenti ma ci può stare ma loro erano tutti dentro l’area, quindi, non era facile tenere le marcature. Resta il rammarico - conclude - perché giochiamo bene ma raccogliamo poco: dobbiamo stare più attenti e ripartire subito da martedì.  Ci aspetta un derby difficile sabato contro la Parmonval: dobbiamo prepararci al meglio e crederci sempre. Siamo una squadra giovane e possiamo sbagliare: degli errori dobbiamo fare sicuramente tesoro per cercare di evitarli in futuro. Speriamo di poter recuperare qualcuno per sabato, ci prepariamo a questa partita che per noi sarà come una finale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cus, non basta il cuore contro la capolista Mazarese, Ferrara: "I ragazzi hanno fatto una grande partita"

PalermoToday è in caricamento