rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Calcio

Gallo e Di Mariano, la fascia sinistra del Lecce promosso in A è a trazione palermitana

Il terzino classe 2000 e l’esterno offensivo nipote di Totò Schillaci (che ha servito l’assist per il gol decisivo di Majer contro il Pordenone) sono stati protagonisti nella cavalcata giallorossa che si è conclusa ieri con la vittoria in campionato. A loro si aggiunge anche Barreca, originario di Collesano

Lecce-Pordenone, 1’ della ripresa: dopo un primo tempo tirato i giallorossi sbloccano la partita con il colpo di testa di Zan Majer che fa esplodere lo stadio Via del Mare e porta la squadra salentina alla vittoria del campionato e alla promozione in Serie A. L’assist per il gol che scrive la storia della stagione di Serie B è del palermitano Francesco Di Mariano, funambolico esterno offensivo nonché nipote di Totò Schillaci.

Il classe 1996 ha messo così il suggello alla sua seconda promozione consecutiva in massima serie dopo quella ottenuta nella scorsa stagione via playoff con il Venezia, squadra con cui ha assaggiato la serie A a inizio anno prima di tornare in cadetteria. Per Di Mariano, nonostante un infortunio all’adduttore che lo ha bloccato nella parte centrale del campionato, è stata una stagione positiva condita da giocate importanti, partendo defilato alla ricerca del suo piede forte sulla fascia sinistra. Una zona di campo che quest’anno ha condiviso con altri due giocatori palermitani: uno di nascita e uno di origine.

Tra i titolare infatti ieri sera, come in tutto il finale di stagione, c'era il giovane terzino Antonino Gallo. Promessa del vivaio del Palermo, il classe 2000 è approdato in giallorosso dopo il fallimento della società rosanero nel 2019. Dopo un inizio con zero presenze, seguito da un prestito semestrale alla Virtus Francavilla nella stagione segnata dalla pandemia, Gallo è tornato in giallorosso e dopo un inizio in sordina è stato lanciato titolare da Eugenio Corini nella stagione 2020/2021, iniziando da lì un’ascesa che lo ha portato anche a raggiungere la convocazione in Under 21 (come un altro palermitano, Giacomo Quagliata) senza riuscire però ad esordire per via di un infortunio che ha condizionato l’inizio della sua stagione, poi chiusa in crescendo. Per lui adesso si aprono le porte di quella Serie A già sfiorata quando arrivò in terra salentina.

Antonino Gallo foto LeccePrima-2

A prendere il posto di Gallo (foto allegata), in caso di infortunio o quando doveva recuperare, c'era un altro terzino legato al capoluogo: Antonio Barreca, torinese di nascita ma originario di Collesano, con mamma e papà nati entrambi nel comune madonita. Considerato a lungo come uno dei migliori prospetti nel ruolo di terzino sinistro, dopo un inizio promettente che lo ha visto diventare titolare nel Torino in A ed entrare nel giro dell’Under 21, Barreca non è riuscito a mantenere le promesse anche per via dei vari infortuni che lo hanno colpito. La sua carriera è stata un peregrinare senza fortuna che lo ha portato comunque a vestire maglie importanti come quelle di Monaco (squadra che ne detiene la proprietà) Newcastle, Genoa e Fiorentina, fino all’approdo in terra salentina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gallo e Di Mariano, la fascia sinistra del Lecce promosso in A è a trazione palermitana

PalermoToday è in caricamento