rotate-mobile
Sabato, 22 Giugno 2024
Calcio

Lascari-Cefalù, parola al ds Fiduccia: "I ragazzi hanno messo lo spirito giusto, ora non ci nascondiamo più"

Il dirigente giallorosso analizza il cammino della squadra: "Il gruppo ha sempre messo il cuore e ci sta portando lontano, sapevo che avrebbero fatto bene, adesso alziamo l'asticella". Sul mercato: "La valorizzazione dei giovani è prioritaria, gli infortunati in recupero i nostri nuovi acquisti, chi è andato via ha fatto altre valutazioni"

Partita con l'idea di disputare un campionato tranquillo la Polisportiva Lascari-Cefalù ha chiuso l'andata del girone A di Promozione al secondo posto in classifica a cinque lunghezze dalla capolista Resuttana San Lorenzo, dimostrando di essere una squadra dai valori importanti capace di battere tutte le compagini più quotate di questo torneo. Il direttore sportivo del club Rolando Fiduccia analizza il percorso di una squadra che nel girone di ritorno sarà uno dei convitati di pietra per l'alta classifica.

Il ds giallorosso parla in prima battuta del girone d'andata in cui il cammino della squadra è stato decisamente più altisonante rispetto all'obiettivo dichiarato in partenza: "Io a inizio anno chiedevo ai ragazzi la salvezza e il divertimento - afferma a PalermoToday - la squadra è andata al di sopra delle nostre aspettative anche se io avevo anche detto che ero convinto che avremmo fatto bene in quello che è un girone di ferro. Abbiamo giocato un buon calcio, facendo risultato con le grandi e anche quando non abbiamo vinto abbiamo comunque fatto bene avendo anche qualche rimpianto. Abbiamo chiesto ai ragazzi di mettere il cuore e credere nella maglia: hanno risposto alla grande, non possiamo che ringraziarli. Sono un gruppo compatto, erano amici prima, tra di loro si chiamano Fratelli: è questo che sta facendo arrivare questi grandi risultati. Anche nelle sconfitte sono loro a darci la carica per fare ancora di più. Non ci nascondiamo più dietro a un dito: la salvezza è molto vicina e quindi adesso che siamo in ballo dobbiamo ballare. Non ci tireremo indietro".

Fiduccia parla poi del campionato e delle prospettive del torneo in vista del girone di ritorno: "Il girone A è una mini-eccellenza, ci stiamo misurando con grandi realtà e grandi scuole calcistiche come Folgore e Alcamo - spiega - c’è un Casteldaccia che da anni sta programmano e poi c’è il Resuttana, che è la Formula 1 di questo girone, erano già fortissimi e si sono rinforzati. Con le altre ce la giocheremo fino alla fine: adesso alziamo l’asticella, puntiamo a fare bene poi le somme le tireremo sempre all’ultimo. Alla fine vedremo come sarà andata e programmeremo per fare meno errori possibili: non parlo oggi di play-off perché mancano ancora 13 partite e siamo nella mischia ma continuo a essere fiducioso nei ragazzi e in mister Zappavigna, che non so come ringraziare per il grande lavoro che svolge con la squadra che lo segue sempre con attenzione".

Il dirigente del Lascari-Cefalù parla poi del mercato invernale, nel quale la squadra è stata meno attiva rispetto alle concorrenti d'alta classifica perdendo due pedine come Di Franco e Calderone, ceduti ieri. In tal senso Fiduccia ribadisce la linea della società e attende con ansia i recuperi: "Sul mercato stiamo lavorando in uscita - ha spiegato - parliamo di profili che hanno sposato la causa fino a un certo punto per poi approdare altrove per avere di più. Noi abbiamo un’idea, un progetto e degli obiettivi, non facciamo passi più lunghi della gamba perché sarebbe solo dannoso. In entrata non faremo nulla: il nostro obiettivo è valorizzare tutti i giovani, giochiamo sempre con 3-4 under e i nostri ragazzi hanno debuttato tutti, ultimo il 2005 Ortoleva contro Fulgatore. Vogliamo che i nostri ragazzi crescano e siano il nostro futuro assieme ai grandi, ricordiamo che per grandi intendiamo ragazzi di 25-26 anni: i nostri punti di forza saranno solo loro. Noi stiamo sopperendo a grandi assenze, ci son mancati sei sette elementi ma abbiamo tre giocatori che per noi saranno come degli acquisti: Fiduccia il portiere, Zangara e Mocciaro. Fiduccia e Mocciaro non hanno giocato un minuto, Zangara ci ha provato facendo due apparizioni: loro sono i nuovi innesti e se va bene contro Castelbuono torneranno in rosa. Voglio ringraziare pubblicamente due ragazzi che ci hanno dato una grande mano sostituendo il portiere ovvero Gabriele Carnevale e Gianluca Insenna, due giocatori d’oro che ci hanno dato una mano pur sapendo che col recupero di Alessio ci sarebbe stato meno spazio per loro, sono stati due professionisti nel dilettantisimo".

In chiusura il dirigente giallorosso dice la sua in merito alla situazione Covid non mostrandosi preoccupato sotto il fronte calcistico: "Purtroppo è un periodo strano - conclude -  sembra che non se ne esca più. Penso e spero che non vengano bloccati i campionati: sicuramente ci saranno sempre da fare dei controlli da fare su tutta la linea ma spero che si vada avanti, seguendo le regole che ci sono ed evitando che magari qualcuno possa approfittare. Oggi mi preoccupa più l’aspetto legato all'umanità, il non riuscire ad uscire da questo momento terribile, che non  quello sportivo. A margine  - dice il ds -voglio fare in questa fase gli auguri a tutti i cittadini di Lascari e Cefalù, ai nostri tesserati e a tutti i tifosi che ci seguono e ci vogliono bene".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lascari-Cefalù, parola al ds Fiduccia: "I ragazzi hanno messo lo spirito giusto, ora non ci nascondiamo più"

PalermoToday è in caricamento