rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Calcio

Nostalgia Cappioli: "A Palermo ero un idolo, il campione che aveva lasciato la A per andare in C"

L'uomo simbolo della rinascita rosanero attualmente vive a Bali, in Indonesia, dove convive con la sua compagna indonesiana Ratna: "Quella parentesi fu la più bella della mia carriera dopo gli anni di Roma"

"Qual è stato il momento più bello della mia carriera dopo la Roma? Alla fine quando ho lasciato la Serie A per andare al Palermo". A parlare è Massimilano Cappioli, uomo simbolo della rinascita rosanero. Cinquantaquattro anni, Cappioli attualmente vive a Bali, in Indonesia, dove convive con la sua compagna indonesiana Ratna. In una lunga intervista concessa a ilposticipo.it, l'ex centrocampista romano ha parlato della sua esperienza vissuta a Palermo all'alba degli anni Duemila.

"Mi sono messo in gioco per riportare il club in B - ha detto Cappioli -. Abbiamo vinto il campionato. Sono diventato un idolo. A Palermo mi hanno trattato come un leader". Cappioli fu acquistato da Franco Sensi nell'estate del 2000, quando aveva 32 anni, ed era reduce da una brillante carriera in Serie A culminata con una presenza in Nazionale.

Fu il protagonista indiscusso della promozione in B. L'anno prima aveva giocato nel Perugia del suo mentore Mazzone nella massima categoria. "Per la gente di Palermo - ha sottolineato Cappioli - ero un campione che aveva lasciato la A per andare in C. Ho fatto 15 gol importantissimi". In tutto in maglia rosanero l'ex centrocampista ha giocato due stagioni: per lui 56 partite condite da 17 marcature, di cui due ad Ancona nell'ultima annata palermitana, in B, targata 2001-02.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nostalgia Cappioli: "A Palermo ero un idolo, il campione che aveva lasciato la A per andare in C"

PalermoToday è in caricamento