rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Calcio

Marineo sogna con Cocuzza: “Ho fatto una scelta di vita, qui c’è entusiasmo e serietà”

L’attaccante palermitano dopo aver iniziato la stagione con la Pro Favara ha sposato la causa biancorossa: “Ho trovato una società con persone perbene e un grande gruppo, spero di poter contribuire ad un traguardo storico come la Coppa Italia”

Dopo aver iniziato la stagione sempre nel girone A di Eccellenza con la Pro Favara (che ha anche guidato da allenatore per due partite) l’attaccante Salvatore Cocuzza, uno dei grandi veterani del calcio siciliano, è approdato all’Oratorio San Ciro e Giorgio di Marineo, che si è regalata un colpo importante per continuare a sognare dopo una prima metà di stagione di livello molto alto. Il centravanti palermitano aggiunge così una nuova tappa alla sua lunga carriera che lo ha portato a vestire maglie importanti come quelle di Messina, Akragas, Catanzaro, Marsala e Igea Virtus per citarne alcune.

In prima battuta Cocuzza spiega le ragioni che lo hanno spinto ad accettare questa nuova sfida: “La mia è una scelta di vita -afferma a PalermoToday - dopo tanti anni in cui la mia carriera mi ha portato a girare sentivo il bisogno di tornare a casa e stare vicino alla mia famiglia e a mia figlia quindi ho preso una decisione precisa. Marineo mi aveva fatto un’ottima impressione quando ho avuto modo di giocarci contro: ho potuto percepire l’entusiasmo nell’aria e la serietà dell’organizzazione. Quando sono arrivato le mie sensazioni sono state confermate: quando ho trovato una società seria con persone perbene e un gruppo fantastico. Sono molto felice di questa scelta”.

L’attaccante biancorosso esprime poi le sue considerazioni in merito al livello del campionato spiegando quello che sarà necessario per essere competitivi: “Quest’anno il campionato è veramente di livello alto - sottolinea - ed è un piacere vedere che ci sono sei-sette squadre di livello alto. Il livello si è alzato e questo è importante perché negli anni passati non era così. Dovendo fare delle considerazioni tecniche penso che il Canicattì abbia qualcosa in più, per me è la squadra più quadrata che gioca buon calcio ed hanno una rosa valida con molti giocatori che conosco e penso sia un passo avanti: parliamo comunque di un campionato difficile ed il bello è questo, non si può dare nulla per scontato e sarà un torneo entusiasmante fino alla fine. Per arrivare a fare bene sarà necessario continuare ad avere ciò che Marineo ha avuto fino a dicembre, la fame, la compattezza, l’unione e non sottovalutare mai l’avversario: ci siamo accorti e si è visto che in questo campionato si può vincere contro la prima come perdere contro l’ultima”.

Cocuzza si sofferma poi su quelle che sono le difficoltà che un calciatore incontra in un momento di stop come quello attualmente imposto dal Covid, mostrandosi comunque fiducioso circa la ripresa: “La difficoltà principale è quella del ritmo partita - spiega - perché ti viene a mancare: ti puoi allenare quanto vuoi ma se non giochi è tutto diverso. Noi speriamo di poterci togliere subito questo dente e tornare in campo al più presto anche perché non penso che la situazione non possa sfuggire di mano come successo in passato. Ci sono i vaccini, siamo più preparati e soprattutto dobbiamo pensare che con questa brutta bestia ci dobbiamo convivere. Per un’atleta giocare è fondamentale sia per ragioni fisiche e di salute sia perché noi viviamo di questo”.

In chiusura Cocuzza, che ha debuttato in biancorosso nell’ultima partita del 2021 persa contro il Canicattì, parla del prossimo impegno del Marineo, chiamato alla storica semifinale di Coppa Italia contro il Mazara che si svolgerà tra il 16 e il 19 gennaio: “Chiaramente dover ripartire dopo una sosta è sempre complicato - conclude - dover rientrare dopo tanto tempo e dover giocare in tre giorni è ancora più complicato. Sarà fondamentale in tal senso saper gestire bene le forze con degli impegni così ravvicinati. Io sono arrivato qui con questo gruppo che è arrivato in semifinale di Coppa Italia: spero soltanto di poter essere utile e aiutare i miei compagni a raggiungere un obiettivo grandioso che sarebbe storico per la società. Faremo di tutto per arrivare sino alla finale”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Marineo sogna con Cocuzza: “Ho fatto una scelta di vita, qui c’è entusiasmo e serietà”

PalermoToday è in caricamento