rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Calcio

Cus, Pietro Adragna dopo la retrocessione: “Per senso di responsabilità rimetto il mio mandato”

Il responsabile calcistico della polisportiva universitaria ha affidato la decisione sul futuro al presidente Randisi: “A prescindere dalla scelta i colori giallorossoneri restano nelle mie vene, il fallimento c’è stato solo nel risultato”

La sconfitta di domenica scorsa contro il Dolce Onorio Marsala ha sancito la retrocessione del Cus Palermo dall’Eccellenza dopo una stagione oggettivamente difficile caratterizzata anche da passaggi molto sfortunati. Il responsabile della sezione calcistica della polisportiva Pietro Adragna in una lettera pubblicata sui suoi account social ha deciso di rimettere il suo incarico nelle mani del presidente Randisi ritenendo ciò un atto di responsabilità dopo il risultato del campo.

“Senso di Responsabilità. Chi più di un Responsabile ha il dovere di avvertirlo? - apre così la lettera Adragna - Quando quattro anni or sono Vanni Randisi, diventando Presidente dell’intera Polisportiva, decise con il Consiglio Direttivo di affidare a me il ruolo di Responsabile di Sezione Calcio che lui stesso aveva fino ad allora ricoperto, ne ho assunto tutti gli onori del caso. Gliene sono ancora grato. Oggi che dopo sei anni consecutivi, sette totali, è sancita la seconda retrocessione della storia di questa Sezione Sportiva dalla massima categoria dilettante, proprio quel senso di responsabilità mi impone l’onere di sentirmi per primo sul banco degli imputati”.

“A sentenza emessa il minimo che io possa fare e riaffidare a Vanni - prosegue -sempre prodigo di consigli durante il tragitto ma mai e per nessun motivo invasivo nell’autonomia delle scelte del gruppo dirigente di Sezione, la scelta di chi ricoprirà il ruolo in futuro. Indipendentemente da quello che deciderà, che io sia Responsabile o meno, i colori giallorossoneri ormai scorrono nelle mie vene, non è certo questione di incarichi. Ma nella vita ci vuole anche senso del decoro”.

La lettera prosegue con l’analisi del percorso stagionale compiuto dal Cus con Adragna che in tal senso sottolinea come l’operato sia stato coerente con i valori perseguito dalla sezione calcistica della polisportiva: “ In cuor mio però, e credo di poter parlare anche a nome di Dario Biondo, Claudio Fiscelli e Carlo Carollo - continua-  avverto solo il fallimento del risultato, non di tutto il resto. Nonostante i nostri limiti abbiamo comunque mantenuto chiara la nostra identità. Abbiamo ritenuto di dover correre un rischio sportivo rinunciando a logiche sconsiderate quando si parla di Dilettantismo, offrendo la possibilità a ragazzi giovani e giovanissimi di confrontarsi ai livelli più alti. Grazie al lavoro sempre più proficuo del nostro settore giovanile, egregiamente gestito da Claudio Fiscelli stesso ed Andrea Bruno, siamo riusciti a portare in pianta stabile a far parte della prima squadra ragazzi cresciuti nel nostro vivaio già dalla categoria degli Esordienti, garantendo loro di trovar seduti accanto nello spogliatoio non mestieranti in cerca di qualche spicciolo, ma uomini. Per crescer, e per farlo bene, serve anche e soprattutto questo”.

Nella chiusa della lettera Adragna sottolinea come questa pagina non tolga nulla alla storia e alla dimensione della squadra: “Otto anni fa nell’allora unica, fino a ieri, retrocessione di questa Sezione Sportiva - conclude - scrissi che con la massima categoria dilettante ognuno di noi e di tutti coloro che erano passati al Cus perdevano un pezzetto della poesia, ma nessuno dei versi da loro scritti. Oggi non mi sento di ribadire il concetto; ieri nessuno di loro e di noi ha perso nulla perché quei versi descrivevano, allora come oggi, una storia fatta di valori, di rispetto, di identità e di continuità le cui pagine vengono scritte da 75 anni. L’intento per altri 75 anni almeno ancora resterà quello di continuare a testimoniare l’essenza più genuina e profonda dello sport. Questo siamo noi del Cus. Chi c’è stato, chi c’è e chi ci sarà. Ad maiora semper!”

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cus, Pietro Adragna dopo la retrocessione: “Per senso di responsabilità rimetto il mio mandato”

PalermoToday è in caricamento