rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Calcio

Palermo, contro il Campobasso Doda e Dall'Oglio out: scatta l'ora di Somma e Odjer

Per la trasferta di domani pomeriggio al Nuovo Romagnoli, mister Baldini lancia dal primo minuto lo stopper romano (al debutto assoluto in stagione) e il centrocampista ghanese. "Più della classifica mi preoccupa la tenuta emotiva della squadra"

Dopo la rimonta subita nel derby contro il Messina, il Palermo va a Campobasso per ritrovare certezze e soprattutto i tre punti. Per la trasferta di domani pomeriggio al Romagnoli, mister Baldini dovrà fare a meno di Lancini squalificato e degli infortunati Doda e Dall’Oglio: Somma e Odjer hanno ricevuto l’investitura ufficiale per la titolarità ma è lecito aspettarsi qualche altra variazione sul tema rispetto all’11 di mercoledì. La partita, in programma domani pomeriggio alle 17,30 sarà trasmessa sia su Sky Sport al canale 256 sia in streaming sulla piattaforma Eleven Sports.

Il tecnico del Palermo Silvio Baldini ha spiegato di non essere preoccupato dalla situazione di classifica, con il Palermo settimo a meno quattro dal Monopoli secondo: “Mi sembra eccessivo preoccuparmi dopo tre partite -ha affermato - se uno fa questo mestiere e si preoccupa non può trasmettere alla squadra delle cose positive. È normale che il Palermo deve cercare di arrivare più in alto possibile ma ci sono tantissime gare: adesso dobbiamo pensare al Campobasso poi quando arriveremo alla fine vedremo cosa avremo ottenuto. In questo momento più della classifica devo preoccuparmi soprattutto di capire come mai siamo passati da un primo tempo bellissimo a un quarto d’ora venti minuti d’affanno: devo capire il perché di questi cali affinché non accadano più. Poi alla fine uno si può anche preoccupare di arrivare settimo o ottavo e non secondo”.

L’allenatore del Palermo è tornato poi sul derby di tre giorni fa dando la sua chiave di lettura in merito alla rimonta subita: “L’idea che mi son fatto è semplice - ha spiegato - i ragazzi si sono fatti travolgere dall’episodio negativo: è bastato questo e la squadra si è smarrita. Anche il Monterosi ha cambiato modulo come il Messina, venivano a incastrarsi su di noi: questo ci doveva facilitare la partita perché non c’era bisogno di fare scalate per prenderli uno contro uno. È bastato invece questo episodio per farci venire l’angoscia di non fare risultato e quando ti capita poi lo paghi: anzi solitamente queste partite si perdono, noi abbiamo pareggiato”.

In merito alla tenuta mentale della squadra e all’impatto che può avere il mental coach nel risolvere le difficoltà il tecnico si è così espresso: “La prima cosa è che quando sono stato chiamato qui - ha detto - perché la squadra aveva dei momenti negativi in partite sulla carta favorito in cui perdeva anche contro squadre neopromosse: mi spiegavano che la squadra si smarriva in quelle partite che sulla carta sembravano più facili. Questo non deve essere una scusante: bisogna far capire che con il lavoro, con l'applicazione e con la voglia di dimostrare di star indossando una maglia importante e che dunque non devi paura di dimostrare chi sei anche quando gli avversari ti fanno gol, il lavoro del mental coach diventa fondamentale. Con i ragazzi ha un bel rapporto, anche quando non è qui lui si sente sempre con i ragazzi per cercare di dare delle indicazioni, ad esempio su dove focalizzare la propria attenzione. I giocatori come tutte le persone sono fragili e indipendentemente da dove si trovano possono andare in difficoltà: la chiave di lettura di queste situazioni è nel cercare le soluzioni e non i problemi".

In merito ai singoli Baldini ha confermato l’assenza di Doda e Dall’Oglio, usciti acciaccati dalle ultime sedute di allenamento: “Doda ha avuto un problema distorsivo e non è recuperabile fino a martedì - ha spiegato - deve fare le cure, poi vedremo. Dall’Oglio è da Catanzaro che non è disponibile, l’ematoma che ha non è regredito e gli da dolore: col Messina era in panchina perché voleva stare coi compagni ma non era utilizzabile. Speravamo di recuperarlo ma venerdì il dolore è stato troppo forte”.

Il tecnico ha annunciato l’utilizzo dal primo minuto di Somma e Odjer: “Somma si è allenato benissimo, sicuramente giocherà, gliel’ho già detto. Ha dimostrato grande professionalità e voglia: adesso tocca a lui, non penso possa avere difficoltà, anzi sono convinto che farà una grande prestazione. Odjer domani giocherà dal primo minuto perché gli altri le hanno giocate tutte fino ad ora, devo pensare al posto di chi giocherà. È un ragazzo che si è sempre allenato bene e ha sempre dimostrato in allenamento di voler essere presente”.

In merito a possibili varianti di modulo il tecnico massese ha risposto così:” Sul modulo abbiamo dimostrato  che quando riusciamo a fare la manovra con fiducia e una certa fluidità -ha sottolineato - le situazioni da gol arrivano. La squadra deve sapere che non è tanto il modulo quanto lo spirito che ti dà la possibilità di fare grandi cose. I moduli li ho provati tutti, il migliore è quello che fa sentire alla squadra in ogni momento la possibilità di far gol. Coprendo il campo in un certo modo se facciamo le cose semplici e con fiducia possiamo creare tante occasioni da gol".

Qui Palermo

Con Lancini squalificato e Doda e Dall’Oglio indisponibili il tecnico deve ridisegnare giocoforza la squadra. Somma prenderà certamente il posto dello stopper bresciano agendo al centro della difesa assieme a Marconi. Sulle fasce Giron potrebbe partire dall’inizio a sinistra, a destra Accardi in vantaggio su Buttaro. Sulla mediana Odjer giocherà sicuramente: a fargli spazio potrebbe essere De Rose che è sempre partito dall’inizio nelle ultime partite. Più che probabili variazioni anche nel reparto avanzato: Luperini e Valente, anche loro impegnati dall’inizio nelle prime tre partite dell’era Baldini-bis potrebbero rifiatare: pronti in quel caso Fella e Felici. In attacco pronto Brunori.

Qui Campobasso

Squadra decisamente più propositiva rispetto a quelle affrontate in precedenza, i rossoblù arrivano alla sfida contro il Palermo reduci dal pareggio contro un’altra squadra in zona play-off, il Taranto. Cudini ritrova il difensore Menna e capitan Bontà a centrocampo, dopo la squalifica scontata nel turno scorso. In porta giocherà Zamarion (fresco di rigore parato a Saraniti); in difesa da destra verso sinistra pronti Fabiani, Menna, Sbardella (visti i problemi dell’altro stopper titolare Dalmazzi) e Pace, favorito su Vanzan. A centrocampo con Bontà e Candellori è pronto Tenkorang. Tridente d’attacco composto da destra verso sinistra da Emmausso, in gol contro il Taranto, Rossetti, capocannoniere della squadra con sette reti e Liguori.

Le probabili formazioni

Campobasso (4-3-3): Zamarion; Fabiani, Menna, Sbardella, Pace; Bontà, Candellori, Tenkorang; Emmausso, Rossetti, Liguori.

Palermo (4-2-3-1): Pelagotti; Accardi, Somma, Marconi, Giron; Odjer, Damiani; Floriano, Fella, Felici; Brunori.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo, contro il Campobasso Doda e Dall'Oglio out: scatta l'ora di Somma e Odjer

PalermoToday è in caricamento