rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Calcio

Il Palermo non sa più vincere, solo un pari a Campobasso: rosanero al settimo posto

Al termine di un match a tratti rocambolesco la squadra di Baldini conquista un solo punto allo stadio Romagnoli. I siciliani vanno avanti per un minuto e, dopo un gol fantasma annullato giustamente a Odjer, subiscono il 2-1. A evitare la sconfitta la zampata di Brunori che sigla il suo decimo gol stagionale

Pomeriggio amaro per il Palermo che a Campobasso torna con un punto al termine di una partita rocambolesca nella quale i rosanero sono riusciti a fatica a strappare il pareggio. Al Nuovo Romagnoli i rosanero passano in vantaggio nel primo tempo prima di essere raggiunti appena un minuto dopo. Nella ripresam dopo un gol fantasma (giustamente annullato) a Odjer, i padroni di casa trovano il vantaggio che mantengono fino all’88’ dopo un forcing matto e disperatissimo conseguenza dell’incapacità del Palermo di mordere la partita. I rosanero - nel giorno in cui Bari, Avellino e Monopoli vengono sconfitte - perdono un’occasione e restano settimi.

Baldini in partenza decide di schierare la linea difensiva con quattro stopper mettendo Buttaro e Perrotta sulle fasce. A partire decisamente meglio nelle prime fasi di gioco è il Campobasso che alza subito il baricentro rendendosi pericoloso. I rossoblù dopo due minuti trovano addirittura la via del gol con Bontà, il cui gol di testa sugli sviluppi di un cross dalla sinistra di Liguori viene annullato tra le proteste per fuorigioco. Tre minuti dopo, sempre su un cross da sinistra stavolta firmato da Pace, Merkaj calcia a botta sicura nel cuore dopo la corta respinta della difesa, non trovando lo specchio della porta. L’inizio del Palermo, pur in crescendo, è timido, ma nonostante questo sono i rosanero a passare in vantaggio.

Al 17’ De Rose gioca la classica palla lunga con preghierina verso l’area: la sfera, dopo un tentativo di spizzata di Luperini, finisce sui piedi di Brunori. Il centravanti rosanero resiste alla carica di Menna e anticipa Zamarion con un tocco morbido che si insacca in rete per quello che è il suo nono gol stagionale. Per il Palermo la gloria, come nella biografia di Dino Zoff, dura solo un attimo. Passa un minuto scarso quando Merkaj si beve Perrotta e Somma, entra in area e mette in mezzo per Emmausso che insacca il più comodo dei tap-in. Dopo la fiammata iniziale la partita sostanzialmente si spegne. Il Campobasso tiene il baricentro alto senza però incidere: il Palermo prova ad aggredire senza trovare né trame né transizioni. La contesa diventa aspra e tutt’altro che godibile: due tentativi velleitari di Fabriani e Candellori per i padroni di casa e un colpo di testa di Odjer su uno schema da calcio d’angolo dopo un cross di Valente sono gli unici episodi degni di menzione.

E' evidente che al Palermo serva una scossa e Baldini decide di darla subito gettando nella mischia Silipo al posto di un Felici volitivo ma senza shining. Dopo un inizio alla stregua del finale della prima frazione è proprio il numero 10 rosanero a propiziare quello che è l’episodio copertina del match. Su punizione il fantasista mancino disegna una parabola venefica respinta da Zamarion. Sulla palla si avventa Odjer che colpisce a botta sicura verso la porta. L’estremo difensore blocca appena in tempo ma l’arbitro convalida il gol tra le proteste. Dopo quattro minuti di capannello il signor Longo su input dell’assistente annulla il vantaggio rosanero.

La partita si riaccende e stavolta in modo definitivo con entrambe le squadre a caccia dell’affondo. Al 61’ il Palermo ha una ghiotta occasione in contropiede ma Valente preferisce mettersi in proprio con una conclusione dal limite che non impensierisce Zamarion. Cudini decide di fare la sua prima mossa cambiando il centravanti con Rossetti al posto di Liguori e inserendo il terzino sinistro Vanzan al posto di Emmausso, con Pace che viene spostato sulla linea degli attaccanti: una scelta che si rivelerà azzeccata. Al 67’ il numero 11 rossoblù si divora un contropiede condotto magistralmente da Candellori calciando alto a tu per tu con Pelagotti. Il tempo della redenzione per l’esterno mancino è subitaneo. Al 70’ infatti, dopo aver ricevuto palla in area, incrocia il sinistro: la marcatura di Buttaro non è particolarmente aggressiva, la presa di Pelagotti tutt’altro che ferrea.

Il gol non può far altro che galvanizzare il Campobasso e mettere al Palermo una pressione che con il passare dei minuti cresce esponenzialmente. Nella parte finale del match Cudini perde Merkaj e lancia l’olandese Bolsius; Baldini configura l’assalto al pareggio inserendo Giron, Floriano e Soleri al posto di Perrotta, Luperini e Valente. I cambi scuotono il Palermo che si getta furiosamente alla caccia del pari. All’80’ Brunori lavora palla in area su assist di Floriano e conclude alto di poco; tre minuti dopo De Rose scheggia dal limite la traversa. Cudini prova ad irrobustire le fila inserendo Giunta e Magri al posto di Bontà e Dalmazzi ma le occasioni del Palermo sono il preludio al gol del pari che arriva all’86'. Soleri strappa palla a Vanzan dal limite entra in area e appoggia per Brunori che da solo timbra il 2-2 e la doppia cifra stagionale.

Nel finale il secondo giallo rimediato da Menna apre per un attimo la speranza di poter fare bottino pieno ma nei restanti 8 minuti, compresi i 5 di recupero, non succede più nulla. Il Palermo torna a casa con un punto che certamente non può far sorridere al termine di una partita nella quale il piglio non è stato certo brillante, al di là di qualche sporadica fiammata.

Il tabellino

Campobasso (4-3-3): Zamarion; Fabriani, Menna, Dalmazzi (83’ Magri), Paci; Bontà (83’ Giunta),Candellori, Persia; Emmausso (62’ Vanzan), Liguori (62’ Rossetti), Merkaj (73’ Bolsius). All. Cudini

Palermo (4-2-3-1): Pelagotti 5; Buttaro 5,5, Somma 5,5, Marconi 5,5 (77’ Giron 5,5), Perrotta 5,5; Odjer 5,5, De Rose 5,5; Felici 5,5 (45’ Silipo 5,5), Luperini 5,5 (77’ Soleri 6,5), Valente 5,5 (77’ Floriano 6); Brunori 6,5. All. Baldini 5

Arbitro: Longo (Paola)

Reti: 17’ Brunori; 18’ Emmausso; 70’ Pace, 86’ Brunori

Ammoniti: 28’ Brunori, 35’ Bontà, 39’ Baldini 45’ Persia, 53’ Menna, 56’ Paci, 60’ Marconi

Espulsi: 56’ Tenkorang (dalla panchina), 88’ Menna

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Palermo non sa più vincere, solo un pari a Campobasso: rosanero al settimo posto

PalermoToday è in caricamento