Mercoledì, 27 Ottobre 2021
Calcio

L'Oratorio San Ciro e Giorgio vuole continuare a stupire, il ds Tantillo: "Il nostro obiettivo è fare bel calcio"

Il direttore sportivo del club di Marineo ha parlato della gara di domenica contro la Parmonval: "Il pareggio ci sta stretto, abbiamo dominato". Sul prossimo impegno con l'Akragas: "Rispetto sì paura no, faremo la nostra partita"

Reduce dal pareggio interno contro la Parmonval, in questo inizio di stagione l’Oratorio San Ciro e San Giorgio di Marineo ha dimostrato di essere una delle compagini più ostiche del girone A di Eccellenza dando delle dimostrazioni importanti come il 5-0 alla Don Carlo Misilmeri nell’andata del derby in Coppa Italia. Il direttore sportivo della squadra Francesco Tantillo analizza l’inizio di stagione e le prospettive del club biancorosso.

Tantillo è tornato sulla partita di domenica in casa contro la Parmonval non nascondendo la sua amarezza per un risultato che poteva essere diverso: “Il pareggio ci sta stretto - afferma Tantillo a PalermoToday - penso si sia visto in campo. Noi abbiamo prodotto tantissime occasioni e abbiamo dominato. Poi Piscopo che purtroppo era in giornata no, aveva già procurato il rigore poi parato da Ceesay e poi ha commesso un fallo ingenuo. Li forse l’arbitro poteva essere meno severo ma resta il fatto che l’espulsione ci ha tolto i nostri equilibri e alla fine la Parmonval è riuscita a pareggiare con un corner deviato, di fatto un autogol. Resta comunque il fatto che abbiamo dominato la gara, come era già successo a Mazara domenica scorsa contro la Mazarese e anche nelle partite contro Misilmeri.

Il ds biancorosso ha poi spiegato quali sono i target della società in questa stagione: “Noi in prima battuta - prosegue - abbiamo pensato a costruire un gruppo importante e lo abbiamo affidato ad un tecnico validissimo come mister Tumminia, un allenatore molto preparato che sa fare calcio. Non abbiamo ragionato non tanto sul target della D ma a costruire un gruppo di ragazzi capace di far divertire giocando bene al calcio, cosa che si può fare anche in queste categorie.  L’obiettivo è arrivare alla salvezza il prima possibile: il buongiorno si vede dal mattino, noi cerchiamo di arrivare il prima possibile a tutto questo”.

Per quanto riguarda il mercato Tantillo ha spiegato i criteri di costruzione della squadra in estate, lasciando la porta aperta ad un possibile nuovo arrivo: “Abbiamo costruito la squadra andando per gradi. Siamo partiti dalla difesa -afferma - confermando ragazzi che hanno fatto bene come Ciccio Maggio e Michele Di Maggio. Sempre nello stesso reparto abbiamo preso Lamin Ceesay che per noi è il miglior portiere dell’Eccellenza e Stefano Procida che è un profilo di esperienza. A centrocampo abbiamo preso un giovane come Rama, poi abbiamo ingaggiato Bognanni dando spessore a centrocampo. In attacco abbiamo preso Sanyong dal Paternò ma in questo momento cerchiamo un'altra punta da affiancargli per completare il reparto e su questo stiamo lavorando”.

Il direttore sportivo dell’Oratorio San Ciro e Giorgio ha alla fine parlato della sfida all’orizzonte contro l’Akragas, senza mostrare timori reverenziali: “Rispetto per tutti paura di nessuno - conclude - è il nostro mantra. Noi andiamo ad Agrigento sapendo di incontrare una grande squadra: la rispettiamo ma non ci tireremo indietro. Se il risultato arriverà saremo felici, se non dovesse arrivare rivedremo quali sono stati i nostri errori e ricominceremo a lavorare”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Oratorio San Ciro e Giorgio vuole continuare a stupire, il ds Tantillo: "Il nostro obiettivo è fare bel calcio"

PalermoToday è in caricamento