rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Calcio

Palermo nella tana dell'Ascoli con Verre: Corini dà fiducia alla formazione anti Bari

Il tecnico rosanero, in conferenza stampa, ha lasciato intendere che confermerà l'undici che al Barbera ha sconfitto i pugliesi. L'ex Samp è stato convocato visto che è arrivata l'ufficialità: il calciatore romano si è aggregato al gruppo e potrebbe avere una chance di debutto a partita in corso

Proseguire nel cammino positivo, evitando di commettere gli errori della trasferta di Perugia. Il Palermo di Eugenio Corini domani pomeriggio affronterà, fuori casa, l’Ascoli. Una partita che appare alla portata dei rosanero, alla luce del percorso di crescita intrapreso, ma che inevitabilmente nasconde delle insidie. La squadra di Bucchi, infatti, non vince in casa dal 24 ottobre 2022: in quella circostanza i marchigiani si imposero 2-1 sul Cagliari. Al di là del trend casalingo, certamente non strepitoso, c’è anche il dato relativo alle ultime dieci gare: i bianconeri hanno vinto una sola volta, a Cosenza. Per i rosanero, invece, quattro trasferte consecutive senza sconfitte, con una vittoria e tre pareggi: i tre pari, peraltro, sono maturati tutti da una situazione di svantaggio. Ciò a conferma dell'identità del gruppo, che si sta consolidando sempre più.

Ecco perché il Palermo, domani, potrà provare a portare a casa bottino pieno: gli uomini di Eugenio Corini arrivano da sette risultati utili consecutivi e l’ultima vittoria casalinga contro il Bari ha certificato la crescita del collettivo. La squadra fa passi in avanti partita dopo partita e la compattezza della squadra potrebbe diventare un’arma in più per Corini. Inoltre, il mercato può certamente fornire altre carte all’allenatore bresciano: da pochi minuti è ufficiale l’acquisto di Valerio Verre, che figura tra i convocati. Il calciatore ha scelto di indossare il numero 26 per la sua seconda esperienza in rosanero.

Corini dovrà fare a meno di Claudio Gomes e Bettella, mentre si rivede dopo una lunga assenza Alessio Buttaro: ““Mi dispiace per Bettella – ha dichiarato l’allenatore in conferenza stampa - è stato fondamentale per noi, purtroppo ha subito una distrazione muscolare. Però non è così grave, speriamo di recuperarlo in due o tre partite. Sta crescendo Orihuela, Buttaro è recuperato, c’è anche Lancini. Claudio Gomes sta lavorando, penso che serviranno ancora un paio di partite prima di rivederlo in campo con noi”.

Sul fronte formazione, Corini ha lasciato intendere che darà continuità all’undici che ha battuto il Bari in casa, con Tutino pronto a subentrare nella ripresa: “L’idea è quella di consolidare l’atteggiamento delle ultime partite, Tutino sta crescendo di condizione e come conoscenza dei nostri meccanismi. Voglio dare continuità anche nelle scelte”.

Dunque, non ci sono dubbi di formazione per l’allenatore bresciano: nel secondo tempo potrebbe esserci spazio per Verre, che potrebbe dare ulteriore qualità alla manovra.

Qui Ascoli

Christian Bucchi, alla vigilia, ha invocato l’apporto del pubblico per la sfida contro il Palermo: “Finalmente torniamo a casa – ha affermato il tecnico bianconero - e sono sicuro che il nostro stadio domani sarà pieno, bollente: sappiamo quanto siano importanti i nostri tifosi, ci spingono e ci danno la carica necessaria per scendere in campo. Sono sicuro che in questo girone di ritorno faremo grandi cose. Del Palermo preferisco non parlare perché dobbiamo preoccuparci di quello che dobbiamo fare noi – ha proseguito l’allenatore - . La prestazione di Ferrara ci ha ridato un po’ di serenità, abbiamo ritrovato nella qualità del gioco e nello spirito le nostre prestazioni e questo è stato sicuramente importante”.

Infine, Bucchi ha commentato i due nuovi ingressi in rosa arrivati dal mercato, Proia e Forte: “Due giocatori fortemente voluti, hanno le qualità tecniche e morali per stare bene in questo gruppo e in questa società. Per Forte parla il curriculum, ho avuto il piacere di lavorare con lui a Perugia: è un uomo d’area ma anche un grande combattente, non molla mai. Per Proia i numeri identificano le sue qualità: è un centrocampista di inserimento che ha nella fase realizzativa la sua peculiarità”.

Alcuni precedenti

Nel match Ascoli-Palermo del 4 maggio 2019 si registra l’ultima vittoria ottenuta dal vecchio Palermo: la gara coincide anche con l’ultima trasferta, 1-2 per i rosanero con reti di Moreo e Haas. Molti tifosi rosanero ricorderanno certamente un Ascoli-Palermo piuttosto “infuocato”: era il 7 gennaio 2001, il Palermo era allenato da Sonzogni e giocava in serie C1: arbitrava un giovanissimo Nicola Rizzoli, la gara finì 3-3. I rosanero, però, vincevano al Del Duca 3-1 sino a tre minuti dalla fine: nel finale Rizzoli ha espulso Giampietro e diede due rigori ai marchigiani, scatenando l’ira dei rosanero in campo. Il primo rigore, inoltre, fu totalmente inventato: 13 anni dopo proprio lui diventerà il fischietto principe del mondo, con quel Germania-Argentina, finalissima di Brasile 2014, nella notte più sognata della carriera.

Le probabili formazioni

ASCOLI (3-5-2): Leali; Simic, Botteghin, Quaranta; Adjapong, Collocolo, Proia, Falzerano, Falasco; Dionisi, Forte.

PALERMO (3-5-2): Pigliacelli; Mateju, Nedelcearu, Marconi; Valente, Segre, Damiani, Saric, Sala; Brunori, Di Mariano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo nella tana dell'Ascoli con Verre: Corini dà fiducia alla formazione anti Bari

PalermoToday è in caricamento