rotate-mobile
Calcio

Ha fatto firmare al Papa la maglia del Palermo: la storia del collezionista rosanero

Qualche giorno fa ha fatto autografare ad Ignazio Arcoleo, visibilmente emozionato, la casacca indossata nella stagione 1971/72. In passato è riuscito a coinvolgere perfino il Pontefice. Lui è Antonio Perrone: possiede oltre 300 cimeli che ricostruiscono la storia del calcio

Nella sua collezione privata ci sono più di 300 maglie autentiche, la maggior parte indossate ed autografate. Antonio Perrone, trentaduenne palermitano, è un collezionista di maglie di calcio. Una passione smisurata per questo sport lo ha condotto a raccogliere le t-shirt dei calciatori, dal lontano 2003. "Ho iniziato quasi venti anni fa – racconta ai microfoni di Palermotoday - quel tipo di calcio non esiste più. E' un peccato non poter più assaporare quel tipo di atmosfera, il calcio è cambiato troppo". 

Tifosissimo rosanero, in occasione del centoventesimo anniversario del club ha fatto personalizzare la maglia celebrativa per Miccoli e Amauri: le due storiche icone rosanero avevano espresso tutto il loro apprezzamento per la casacca attraverso i social. "Avevo notato i commenti di Miccoli e Amauri sull'account ufficiale del club rosanero – ci spiega al telefono Antonio - volevano anche loro una maglia e così ho deciso di personalizzare due t-shirt e regalarle a due grandi campioni della nostra storia". Un suo amico collezionista è riuscito a regalargli la maglietta più antica della sua collezione, quella indossata da Ignazio Arcoleo nella stagione 1971/1972.

Questa casacca è stata autografata personalmente dall'ex allenatore rosanero, che si è emozionato alla vista di quel reperto: "Ho incontrato mister Ignazio Arcoleo in un campetto, lui stava individualmente allenando un ragazzo – spiega Antonio ho aspettato finisse la seduta di allenamento e sono rimasto ad ascoltarlo per tutta la durata. E' stato emozionante carpire i consigli che dava a questo giovane calciatore, sono tornato indietro nel tempo. Alla fine dell'allenamento ci siamo fermati a parlare. Era emozionato, quasi accarezzava la maglietta, forse ricordando quelle stagioni rosanero. Siamo stati mezz'ora a parlare di calcio, mi ha raccontato della finale di Coppa Italia contro il Bologna, percepivo tutta la sua amarezza. Ormai il calcio è solo social e business, non ci sono più i sentimenti di una volta".

arcoleo maglia palermo

Un rigore concesso a Bulgarelli e trasformato da Savoldi salvò i bolognesi, che si avviarono ai supplementari e trionfarono ai rigori, lasciando così l’amaro in bocca ai palermitani giunti fino a Roma e agli stessi giocatori del Palermo. Tra questi, autore del discutibile fallo da rigore allo scadere, c’era proprio Ignazio Arcoleo. Nel 2019, prima del fallimento della società di viale del Fante, Antonio Perrone si è addirittura recato in Vaticano e ha consegnato a Papa Francesco la maglia rosanero personalizzata e autografata dai calciatori: 

"Ero andato in visita ai Musei Vaticani, lì ho notato una parete enorme dove sono affissi tutti i palloni e le maglie donate dai club di tutto il mondo al Pontefice, grande appassionato di calcio – ha spiegato Antonio ho notato che mancava quella rosanero e mi son detto quasi quasi gliela regalo io. Così ho deciso di farla personalizzare col suo nome, poi ho fatto autografare la maglietta dai giocatori, aspettandoli all'uscita del Tenente Onorato di Boccadifalco. Quindi l'ho portata a Roma e gliel'ho regalata".

Alla fine della chiacchierata, Antonio si sofferma anche sul presente rosanero: "Bisogna avere fiducia in Corini, è una splendida persona, mite, pacata. Ha un metodo di lavoro totalmente differente rispetto a Baldini: si è trovato con una squadra non sua a pochi giorni dall’inizio della stagione. Ci vuole tempo, bisogna dare fiducia al mister perché è un allenatore bravo. So che noi palermitani pretendiamo subito i risultati, ma occorre avere pazienza. Io sono convinto che abbiamo una società forte, presente, che ci garantirà un ottimo futuro". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ha fatto firmare al Papa la maglia del Palermo: la storia del collezionista rosanero

PalermoToday è in caricamento