Sport

Calcio a 5 femminile, il P5 "schiaccia" le Formiche

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Che confusione... come una bomba. Un boato, tanti striscione, il fragore degli applausi. Era quasi un obbligo, una scommessa. Oggi sul suo palcoscenico, che è il Palaoreto, la prima vittoria per la FUTSAL P5. Si inaugura, così, la stagione casalinga dopo il primo successo esterno.
Tutti ai propri posti di combattimento e come unico obiettivo: colpire ed affondare. La prima in casa ha inizio alle 16 di Domenica 5 Ottobre 2014.
Le gialloblù attraversano il tunnel d'accesso e fanno ingresso al campo. Il sipario che si apre ed ha inizio il secondo atto.

Tensione, movimenti del corpo incontrollati, il carico di adrenalina alla vista degli spalti gremiti di tifosi accorsi in tanti per questa prima gara giocata in casa. All'avvio subito le palermitane vogliono incantare la tifoseria facendosi avanti. Primi minuti carichi di scambi veloci, azioni ma poche conclusioni e gioco concentrato nell'area "comune", il centrocampo. Qualche minuto ancora e la FUTSAL P5 bussa alla porta avversaria con tiro di Puleo. Subito dopo la grande prodezza di Tuzzo che toglie dal sette una palla destinata ad entrare in rete. Scossa, la panchina palermitana incita le proprie compagne in campo e si assiste ad un'incursione di Bruno che spaventa la difesa ma senza, purtroppo, concretizzarsi. Allora le Formiche di La Bianca tentano di sorprendere la numero 22 Tuzzo tra i pali che, complice la propria difesa mal posizionata, incassa il goal che porta in vantaggio la squadra ospite. Al 14′ Cerruto segna l' 1 a 0.

Ma c'è tanto da giocare e tanto tempo ancora per poter emergere. Inizia, così, l'assedio targato P5. Ci prova Patti, prima, con un pallonetto che spiazza quasi il portiere siracusano ma al 16′ Spanó su tiro della compagna Bruno, respinto da Basile, segna il goal che da respiro alla propria squadra. Le squadre si distendono e questo, però, mette in allarme la Tuzzo che dovrà impegnarsi al 20′ con una super parata alla propria destra, palla che sfila fuori accompagnata dall'urlo di stupore proveniente dagli spalti. Ma a ristabilire l'ordine e la calma provvedono Bruno, che sfiora la rete del vantaggio, e più tardi l'Abbasta con un tiro potente respinto dalla Basile.

Numerosi i tentativi gialloblù di passare in vantaggio, tra cui un clamoroso palo di Avella. Da qui il gioco rallenta. Le palermitane devono prender fiato. Approfittando del leggero calo di attenzione, le siracusane provano a far male ma tali tentativi sono vanificati dalla gasatissima Tuzzo che con agilità riesce ad intervenire senza far variare il risultato. A questo punto, mister Orlando vuol dar sprint alla squadra ed effettua un cambio. Entra in campo la numero 17, l'atomica Ciriminna. È lei che al 9′ della ripresa sigla il 2 a 1 con un goal strepitoso: con spalle alla porta riesce, nonostante fosse braccata dal difensore avversario, a mandare in rete la palla sul sette con un'abile torsione di testa.

Grande lavoro da parte di tutte. Anche dalle ragazze rimaste fuori dal terreno di gioco, pronte a sostenere le proprie compagne. Spanó, con esperienza e forza, sfiora più volte la rete; Patti che, con entrate su palla decisive, annienta le avversarie; Ravvolgi che si mostra concentrata in questa gara che è per lei il debutto in A con le nuove compagne d'avventura; Bruno che, con tenacia, vince contrasti; infine, tutte le altre che dalla panchina sono pronte a dare il proprio contributo tenendosi pronte a dare il meglio. Nel versante opposto tanta la voglia di portar a casa i tre punti. A dimostrazione di ciò, la grinta con la quale le siracusane andavano in tackle aggressivo. È per questo che hanno, comunque, reso non facile la vittoria alle "casalinghe".

Manca una manciata di secondi e cresce la tensione. Ma il fischio finale e lo scadere del tempo segnato dal tabellone fa esplodere il Palaoreto e le giocatrici, tutte insieme, si tuffano sotto la tifoseria. E' così che si conclude la seconda giornata di campionato, festeggiando per la vittoria ottenuta e guardando già alla prossima partita. Ingrediente fondamentale: la consapevolezza di dover ottenere risultati migliori.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Calcio a 5 femminile, il P5 "schiaccia" le Formiche

PalermoToday è in caricamento