menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Oscar Hiljemark

Oscar Hiljemark

Cagliari-Palermo, le probabili formazioni: bocciatura per Hiljemark

Nella notte di Halloween i rosanero volano in Sardegna per salvare la panchina di De Zerbi e tirarsi fuori dalle sabbie mobili. Andelkovic insidia Goldaniga

Una difesa dimezzata, un attacco orfano di Trajkovski, Balogh, Bentivegna e Sallai (per squalifica) e una squadra con il morale sotto i piedi. Sono questi i tanti problemi di mister De Zerbi in vista del match di lunedì sera contro il Cagliari. Perdere, con ogni probabilità, vorrebbe dire salutare il tecnico bresciano e cambiare per la terza volta guida tecnica dopo appena undici partite.

Il Sant’Elia non è affatto un campo semplice per il Palermo che soltanto due volte è riuscito ad andar via dalla Sardegna con un bottino di tre punti. Inoltre, il Cagliari, nonostante prenda tanti gol (9 nelle ultime due partite di campionato) in casa, finora, è sempre riuscito a segnare almeno due reti, senza tralasciare il fatto che i rossoblù ad oggi sono una delle squadre con la più alta media di tiri nello specchio. Motivo per cui De Zerbi potrebbe confermare il modulo visto contro l’Udinese. Il Palermo dovrà prestare particolare attenzione a Marco Borriello (in estate vicino ai rosa) e all’ex Di Gennaro che in Sardegna sembrerebbe aver trovato la sua dimensione ideale. L’ultimo incontro fra queste due squadre risale al 17 maggio 2015. In quell’occasione i rosanero si imposero a Cagliari per 1-0, condannando matematicamente il club sardo al purgatorio della serie B.

LEGGI ANCHE - DE ZERBI: "VINCERE PER RIACQUISTARE AUTOSTIMA"
 
QUI PALERMO. “Giocherà chi dimostrerà di star bene mentalmente. Chi non se la sente si faccia da parte”. Al termine dell’incontro perso contro l’Udinese, De Zerbi è stato abbastanza chiaro. Quella di lunedì potrebbe essere la sua ultima partita sulla panchina rosanero, per cui, con ogni probabilità il tecnico bresciano si affiderà a chi finora ha dato maggiori garanzie. Il modulo dovrebbe essere quello visto proprio contro l’Udinese (4-2-3-1) con qualche piccola, ma significativa variazione. In porta, Posavec ci sarà. Goldaniga e Cionek confermati in difesa (e Andelkovic che dovrebbe recuperare), con Pezzella a sinistra e Rispoli a destra. Hiljemark, con ogni probabilità guarderà la partita dalla panchina. De Zerbi si affiderà nuovamente a Gazzi, accompagnato da Bruno Henrique. Diamanti, ovviamente ci sarà. La sostituzione di giovedì sera è un chiaro segnale che il fantasista rosanero giocherà dall’inzio. Quaison, nonostante De Zerbi abbia più volte dichiarato di non essere pronto per i novanta minuti, potrebbe essere il colpo a sorpresa del tecnico bresciano, con Aleesami (nell’inedito ruolo di esterno d’attacco) a supporto dell’unica punta Nestorovski.
 
QUI CAGLIARI. Nonostante i tredici punti in classifica, mister Rastelli non dorme affatto sonni tranquilli. Le cinque sberle prese in casa contro la Fiorentina, e i quattro gol presi contro la Lazio hanno "mascherato" i tredici punti conquistati in campionato. Il Cagliari subisce, ma è bravo anche a ripartire, attaccare e far male. In avanti giocheranno Sau e Borriello. Di Gennaro dietro le punte. 
 
LE PROBABILI FORMAZIONI

Palermo (4-2-3-1):
Posavec; Rispoli, Goldaniga, Cionek, Pezzella; Bruno Henrique, Gazzi; Quaison, Diamanti, Aleesami; Nestorovski.
Cagliari (4-3-1-2): Storari; Pisacane, Ceppitelli, Bruno Alves, Capuano; Isla, Tachtsidis, Padoin; Di Gennaro; Sau ,Borriello.
BALLOTTAGGI PALERMO: Goldaniga-Andelkovic 50%-50%; Pezzella-Chochev 50%-50% (se dovesse giocare il bulgaro, Aleesami tornerebbe in difesa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento