Boxe, ragazzo di Ballarò vince al Madison Square Garden: "E' il re di New York"

Cristian Cangelosi, 20 anni, ha trionfato al "Ring Masters Usa boxing". La soddisfazione del papà: "Non è stato facile, quanti sacrifici..."

Cristian Cangelosi

Qualcuno lo ha già soprannominato "il re di New York". Lui è Cristian Cangelosi, 20 anni, un ragazzo palermitano di Ballarò che ha realizzato il suo sogno in America: ovvero diventare un campione di boxe. E c'è chi è pronto a scommettere. "E' stato l’unico palermitano nella storia a combattere al Madison Square Garden di New York". Sì, perché Cangelosi, proprio nell'arena più prestigiosa del mondo, ha coronato il suo capolavoro venerdì notte battendo ai punti l'avversario più quotato Kalief Lindo nei 69 chili welter, dopo aver dominato il secondo round e parte del terzo, per proclamarsi così campione "Ring Masters Usa boxing".

E dire che tutto ha avuto inizio per una scommessa sul sovrappeso di Cristian tra lo zio, Salvo, e il papà, Giuseppe. Il primo convince il nipote ad iniziare la boxe, trascinandosi anche il fratello più piccolo, Alessio. Ma il papà inizialmente è riluttante. "Strada facendo - racconta adesso il padre a PalermoToday - Cristian ha raggiunto un buon peso forma e ha fatto capire che c'era una certa predisposizione per il pugilato. E così è inizata questa avventura, alla corte del maestro Franco Tomaselli, direttore tecnico della polisportiva Nino Castellini. I miei due figli hanno bissato successi su successi, uno dietro l'altro, come il campionato regionale e il titolo italiano di categoria, fino a quando sono stati convocati in nazionale per rappresentare l'Italia e il nostro pugilato in Europa e nel mondo conquistando il podio nelle rassegne internazionali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una vita piena di sacrifici come insegna... Rocky Balboa. Come ad esempio "uscire col buio pesto prima dell'alba - aggiunge il papà - poi gli allenamenti speciali nella piscina olimpica di Palermo per aumentare la velocità di braccia e la resistenza". Fino al grande salto negli States. "Ho sopportato la lontananza di Cristian e Alessio investendo i miei risparmi per rendere possibile e coronare il sogno di questi ragazzi, conclude il padre -. Cristian qualche mese fa è riuscito a vincere il torneo Metro, uno dei tornei di boxe dilettantistici piu importanti d'America, prenotando un biglietto d'ingresso per il top tournament che è il Ring Masters Usa boxing al Madison Square Garden. Guardando questi successi la mente ripercorre alcuni step del suo cammino e quello del fratello in questo sport. E ora ripenso a quando erano piccoli. Entrambi faranno vedere al mondo di che pasta sono fatti. Gente che suda, che lavora, che conosce il sacrificio, i patimenti, le rinunce. E che ha rispetto per se stessa e per le proprie origini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: scatta il coprifuoco dalle 23

  • Coronavirus, Musumeci gela tutti: "Prima o poi arriveremo alla chiusura totale"

  • Conte firma il nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata l'ordinanza di Musumeci

  • In strada contro il Dpcm: ai Quattro Canti scoppia la guerriglia

  • Covid, via libera dalla Regione al disegno di legge per la ripresa delle attività economiche

  • Arancine, panelle e blatte: chiusa rosticceria abusiva nel cuore di Boccadifalco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento