Lunedì, 27 Settembre 2021
Sport

Disastro Palermo, rosanero sconfitti pure a Bisceglie: inutile il primo gol di Luperini

Nel primo tempo i pugliesi colpiscono con Maimone e Monsour, niente reazione nella ripresa se non la rete del centrocampista allo scadere. Gli uomini di Boscaglia (un punto in 4 partite) restano impelagati nei bassifondi della classifica. E mercoledì arriva la Turris

Al peggio non c’è mai fine. Dopo Teramo e Avellino, anche il Bisceglie ridimensiona un Palermo sempre più allo sbaraglio. Allo stadio Gustavo Ventura si attendeva un cambio di marcia e invece al momento del triplice fischio è ancora una volta il Palermo ad abbandonare il terreno di gioco incerottato e sfiduciato. Bisceglie vittorioso 2-1. E viene da chiedersi a questo punto quali passi in avanti abbia visto Boscaglia in settimana, considerando che di miglioramenti non se ne sono né visti, né intravisti. Se non la prima rete in campionato (inutile) di Luperini allo scadere o qualche timida iniziativa.  Primo gol della stagione a parte però la classifica adesso inizia a fare davvero paura, il Palermo infatti è sempre più uncinato nei bassifondi della classifica e nel turno infrasettimanale di mercoledì pomeriggio ospiterà la Turris, una delle squadre più in forma del campionato.  

Il “non siamo ancora pronti per giocare a quattro” della vigilia si materializza in una prevedibile pre-tattica con l’unico intento di confondere gli avversari. Ma risultato alla mano verrebbe da dire che il bluff di Boscaglia non ha minimamente intaccato i piani dei padroni di casa. A Bisceglie il Palermo torna alle origini (4-2-3-1), rivoluzionando però l’undici di partenza. L’assetto tattico però non può sopperire alla mancanza di un vero bomber in attacco. E non è un caso se il primo gol della stagione l'abbia segnato un centrocampista. Al centro della difesa - non all'altezza - si è rivista la coppia Crivello-Lancini, con Almici a destra e Corrado a sinistra. Odjer e Luperini a centrocampo con i due esterni offensivi, Kanoutè e Valente scelti dal tecnico gelese proprio con l’intento di non dare punti di riferimento al 3-4-3 schierato dai padroni di casa.  Alle spalle del giovane Lucca c’è Rauti, scelte che parlano chiaro perché relegano ancora una volta in panchina Floriano, che continua a faticare – almeno dall’inizio – a ritagliarsi un ruolo da protagonista in questo Palermo, proprio come accaduto lo scorso anno col Bari. 

Il Palermo si illude (e illude) di aver finalmente trovato una quadra, quantomeno per modulo e interpreti e invece rientrerà negli spogliatoi già sotto 2-0. Gioco fluido e concreto, i rosa iniziano meglio dei padroni di casa, creano e sfiorano persino il vantaggio, prima con Rauti e poi con Luperini. Ma la beffa per gli uomini di Boscaglia si chiama Maimone e si materializza alla metà del primo tempo. L’ ex centrocampista della Sicula Leonzio beffa dal nulla Pelagotti con una conclusione violentissima (e bene angolata) dalla lunga distanza. Immobile il numero uno dei rosa che qualche istante prima stava per creare un mezzo pasticcio su una conclusione innocua di Rocco. Il Palermo prova a reagire ma dieci minuti più tardi farà i conti con un contropiede da manuale dei neroazzurri che spegnerà definitivamente le speranze dei rosa di andare al riposo sul punteggio di parità: sarà Mansour a mettere un punto esclamativo alla ripartenza del Bisceglie, mandando il pallone alle spalle di Pelagotti.

Atteggiamento passivo dei rosanero per gran parte della ripresa, il Palermo infatti si "sveglierà" troppo tardi, grazie alla rete di Luperini. Al ritorno dagli spogliatoi Boscaglia corre ai ripari affidandosi all’esperienza di Saraniti e Santana, entrambi mandati in campo al posto di Lucca e Kanoutè. Nessun cambio invece per gli uomini di Bucaro, forti del doppio vantaggio sugli ospiti. Scelte che premieranno ancora una volta i padroni di casa, bravi ad amministrare il vantaggio sino al gol di Luperini, trovato soltanto allo scadere della partita.  Il Palermo chiuderà a trazione anteriore con Silipo e Floriano, ma la reazione dei rosa arriverà troppo tardi per poter impensierire concretamente gli uomini di Bucaro. Bisceglie vittorioso 2-0 ed ennesimi tre punti conquistati contro una neo-promossa. 

Il tabellino di Bisceglie-Palermo 2-1

Marcatori: Maimone 18’ ; Monsour 32’; luperini 87’

BISCEGLIE: Russo; De Marino, Priola (C), Vona, Giron; Maimone, Cittadino, Pelliccia; Rocco (Musso 72’), Vitale (Padulano  62’), Mansour (55’Sartore). Allenatore: Bucaro

A disposizione: 22 Spurio, 9 Manfrellotti, 10 Padulano, 13 Zagaria, 14 Cigliano, 15 Ferrante, 18 Musso, 20 Lauria, 21 Casella, 24 Sartore, 25 Tarantino.

PALERMO: Pelagotti, Almici, Lancini, Crivello (C), Corrado (Floriano 72’), Odjer (Broh 66’), Luperini, Kanoute (Santana 45’), Rauti, Valente (Silipo 75’), Lucca (Saraniti 45’). Allenatore: Boscaglia.

ARBITRO: Marco Ricci

Ammoniti: Maimone 20’;  Vitale 30’ ; Odjer 47’; Pelliccia 55’; Santana 66’; Silipo 77’. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Disastro Palermo, rosanero sconfitti pure a Bisceglie: inutile il primo gol di Luperini

PalermoToday è in caricamento