Sport

Bertolo, "acquisto" che non ti aspetti: "Grazie Mangia, mi ha dato fiducia"

L'argentino rigenerato dall'arrivo del nuovo allenatore. "Ma io sono sempre stato lo stesso, adesso voglio solo giocare". Il Siena? "Bella squadra, ma dobbiamo vincere"

Nicolas Bertolo, centrocampista del Palermo

Mangia vuol dire fiducia. Parola di Nicolas Bertolo, il principe dei rigenerati dal nuovo allenatore del Palermo. Rispolverato in occasione della gara col Cagliari (condita col gol del 2-0) e riproposto all'Olimpico con la Lazio, l'argentino è una delle rivelazioni di questo inizio di stagione.

C'E' SOLO UN BERTOLO. "Ma io sono sempre lo stesso Bertolo - dice il centrocampista - anche con Delio Rossi mi trovavo bene, solo che la squadra andava bene e io andavo in panchina". Con Mangia però è arrivata una maglia da titolare. "E io sono molto felice, ringrazio il mister che è un trascinatore e mi ha trasmesso fiducia, ma anche il presidente e il direttore sportivo per avermi tenuto a Palermo. Adesso voglio continuare a dare il massimo". Per la verità un altro Bertolo rispetto alla prima esperienza a Palermo, si era visto anche al Real Saragozza. "Un anno che mi ha restituito autostima".


UN SOLO OBIETTIVO: GIOCARE. A destra, a sinistra, dietro le punte, ovunque, ora Nicolas vuol tenersi stretto il posto tra gli undici. "Penso che l'allenatore sappia dove impiegarmi al meglio. Col Cagliari e a Roma abbiamo fatto due grandi partite. E' un periodo positivo per tutti". E le due sostituzioni non sono pesate più di tanto. "Coi sardi - ammette - ero stanco ed emozionato, con la Lazio il mister ha deciso così, ma va bene così". Un paio di presenze e già una rete ma Bertolo non ha obiettivi particolari. "Mi interessa solo giocare e dare il meglio per la squadra". E quando Alvarez tornerà a disposizione? "Io cercherò sempre di allenarmi al massimo, poi l'allenatore farà le sue scelte".

VINCERE COL SIENA. Ora arrivano i toscani allenati da quel Sannino, tecnico della prima squadra del Varese l'anno scorso con Mangia che guidava la Primavera. "Ma nel calcio non ci sono segreti. Si sa ormai tutto di tutti - afferma l'argentino - il Siena gioca bene come ha dimostrato a Roma e col Lecce. Sarà dura ma noi siamo forti in casa e dobbiamo vincere".

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bertolo, "acquisto" che non ti aspetti: "Grazie Mangia, mi ha dato fiducia"

PalermoToday è in caricamento