menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Dario Mirri e Tony Di Piazza

Dario Mirri e Tony Di Piazza

Corsa al nuovo Palermo, Di Piazza sposa il progetto Mirri: "Documenti consegnati"

L'italo americano e l'imprenditore palermitano hanno creato una società ad hoc: la Hera Hora Srl, composta dalla Damir (50%), lo stesso Di Piazza (40%) e Mirri (10%). "Trasmesso tutto via Pec, adesso lasciamo decidere al sindaco"

Tony Di Piazza e Dario Mirri fanno sul serio. Come anticipato da PalermoToday nei giorni scorsi l'imprenditore italo-americano ha sposato il progetto di Dario Mirri (e di Rinaldo Sagramola) per l'acquisizione del nuovo Palermo. E' stata creata una società ad hoc - la Hera Hora Srl - che vede la Damir azionista di maggioranza, Di Piazza al 40% e Dario Mirri al 10%.

"La Damir, Tony Di Piazza e Dario Mirri, in qualità di soci della Hera Hora Srl - si legge in una nota - comunicano che alle ore 18.43 del 23 luglio è stata trasmessa via pec tutta la documentazione necessaria per partecipare alla Procedura Esplorativa per l’acquisizione di manifestazione di interesse da parte di società sportive per l’iscrizione della squadra di calcio della Città di Palermo al campionato di serie D 2019/2020. La documentazione consegnata - conclude la nota - comprende tutte le parti richieste dall’avviso pubblico del 12 luglio 2019 e successivamente dalla Federazione Italiana Giuoco Calcio".

Di Piazza - nato a San Giuseppe Jato e residente a New York - aveva annunciato le sue intenzione attraverso un video su YouTube: "Cari tifosi del Palermo - dice Di Piazza - come promesso anche io voglio esserci alla rinascita della nostra squadra. Riconoscendo il tempo che serve per seguire adeguatamente il Palermo in questa rinascita e per non stravolgere la mia vita e il lavoro nelle mie aziende, ho deciso di appoggiare il gruppo locale composto da Mirri e Sagramola che hanno già mostrato serietà, trasparenza, competenza e appoggio finanziario al club. Con l’apporto dei tifosi, puntiamo a seguire il modello inglese che vede in ogni partita dei veri e propri eventi con bambini e famiglie all'interno dello stadio. Adesso lasciamo decidere al sindaco, forza Palermo”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento