Sabato, 24 Luglio 2021
Sport

Un Bagheria da applausi sconfitto dalla capolista Geraci

Un bel Bagheria non riesce a fare lo sgambetto alla capolista Geraci. Mercoledì turno infrasettimanale contro il Don Carlo Misilmeri

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

SANTA FLAVIA – Quando un risultato non è specchio fedele di quanto visto in campo….affermazione questa che calza a pennello per l’incontro che ha visto opposto il Bagheria al Geraci. Chiunque infatti guardasse solo ed esclusivamente il risultato finale penserebbe ad un dominio incontrastato della formazione ospite ma invece il film della partita è stato decisamente diverso. Per un’ora intera il Bagheria ha infatti tenuto testa alla corazzata Geraci, squadra formata per il salto di categoria assieme al Gangi, sfiorando più volte il vantaggio e non perdendosi d’animo nemmeno quando si è ritrovata anche sotto di due reti. La formazione nero-azzurra deve recitare il mea culpa per non avere saputo capitalizzare le occasioni create prima per potere passare in vantaggio e successivamente per riaprire le sorti di un incontro il cui esito sembrava pendere decisamente dalla parte della formazione ospite. Il Bagheria si presentava all’appuntamento privo degli infortunati De Lisi e Mirabelli con Centineo che veniva avanzato a centrocampo mentre in difesa faceva il suo esordio Angelo Restivo che assieme a Gagliano andava a formare la coppia centrale di difesa. Gli ospiti fin dal primo minuto hanno pigiato sull’acceleratore ma così facendo si esponevano al contropiede del Bagheria.

E proprio al primo giro di lancette il Bagheria ha la palla buona per il vantaggio ma Leo Tomasello non impattava a volo la sfera in maniera piena dentro l’area di rigore consentendo al portiere Fagone di distendersi sulla sua sinistra ed abbrancare la sfera. Passano appena due minuti ed ancora il Bagheria si fa pericoloso dalle parti di Fagone sempre con Leo Tomasello che però perde l’attimo giusto per battere a rete consentendo il recupero della formazione ospite. Il Geraci sgridato dalla panchina dall’ex Angelo Vedda capisce di avere di fronte un degno avversario e comincia a fare girare la sfera in maniera più veloce e così al 16’ su cross di Venuti, Calabrese impatta di testa da distanza ravvicinata ma Buttacavoli si supera respingendo a mani aperte una palla destinata in fondo al sacco. Il Geraci capisce che è il momento di affondare ed al 20’ ancora Calabrese chiama alla parata Buttacavoli che vola sulla sua destra e manda in angolo un’altra insidiosa conclusione del centravanti ospite.

Il Bagheria tuttavia malgrado la pressione operata dagli ospiti si mostra molto bene organizzato in difesa mentre a centrocampo Graziano ed Aiello si danno un gran da fare per cercare di arginare le giocate di Konate e Alosi i due uomini faro degli ospiti. Al 40’ Graziano dopo una bella percussione ci prova con un tiro dalla distanza ma la sfera si perde fuori di poco. Al 43’ palla gol per gli ospiti che con Salerno che però angola troppo la conclusione mandando la sfera di poco fuori. Si va al riposo sul risultato di zero a zero con le due formazioni che si rammaricano per le occasioni create. Nella ripresa il Geraci continua a premere alla ricerca del vantaggio che per poco non arriva al 3’ ma Nave riesce a salvare quasi sulla linea una palla indirizzata in fondo al sacco. È il preludio al gol che arriva un quarto d’ora dopo. Calabrese lavora un pallone lungo l’out di destra e arrivato sul fondo riesce a rimetterla in mezzo dove arriva come un falco Salerno che d’interno la piazza sotto la traversa portando gli ospiti in vantaggio. I locali non demordono e reagiscono con Agiato che mette in difficoltà la difesa ospite con le sue serpentine ma manca del tocco conclusivo. E così proprio mentre il Bagheria sta intensificando gli sforzi per pervenire al pari arriva la seconda rete ospite con Venuti che sfrutta un’indecisione tra Buttacavoli e Restivo per insaccare nella porta rimasta sguarnita. Partita finita? Nemmeno per sogno. Passa appena un minuto ed il Bagheria ha una palla gol clamorosa per tornare in partita ma Di Maggio, da poco subentrato a Centineo, calcia debolmente una sorta di rigore in movimento consentendo agli ospiti di tirare un grosso sospiro di sollievo. Al 37’ ancora il Bagheria si propone in avanti con Nave che, dopo una bella galoppata sulla fascia, mette in mezzo il pallone che però non trova il tap-in vincente di un compagno.

Al 41’ con il Bagheria proteso in avanti arriva la terza rete degli ospiti con l’inesauribile Konate che sfrutta un assist di Calabrese e fissa il risultato. Nel post gara ci raggiunge mister Mineo che nonostante il risultato è contento della prestazione dei suoi: “Purtroppo un episodio ha deciso la partita, anche sull’1-0 avevo il sentore di riacciuffare la gara, ma un mezzo pasticcio difensivo ci ha tagliato le gambe e ci è costato il 2-0. Noi questa gara l’abbiamo preparata bene e penso che per 80 minuti abbiamo tenuto testa, però il Geraci è una squadra attrezzata per vincere e quando non sfrutti due-tre palle gol poi vieni punito.Differenze tra Geraci e Gangi? Sono due squadre diverse, il Geraci ha una squadra che ha tutti i giocatori stipendiati dalla società e quindi sono professionisti, hanno una concezione diversa di affrontare il campionato rispetto a noi che facciamo tutti dopo-lavoro, ma anche al Gangi.”

Mister Mineo poi analizza il momento della sua squadra: “Stiamo crescendo sotto il punto di vista della prestazione, della compattezza e anche delle motivazioni. Nonostante lo 0-3 ho visto un buon Bagheria, ma sono molto soddisfatto di queste ultime prestazioni. Restivo? Con lui mettiamo peso specifico nel reparto arretrato a livello di esperienza e personalità” Mercoledì turno infrasettimanale contro il Don Carlo Misilmeri: “Sfida molto dura, il Misilmeri è una grandissima squadra che ha tante individualità, ma ha anche un gruppo molto forte che sta facendo un bellissimo campionato. Noi cercheremo di fare la nostra partita, penso che recupereremo De Lisi che non ho voluto rischiarlo con il Geraci” Dunque il Bagheria esce sconfitto dal campo ma con l’onore delle armi davanti ad una formazione che sicuramente dirà la sua per la vittoria finale del girone di Promozione ma non senza rammarico. Prima di andare sotto infatti la formazione locale ha dimostrato di potere essere un valido avversario contro una formazione che faceva dell’esperienza la sua arma vincente. Bisogna fare tesoro di quanto di buono si è visto durante tutto l’arco dell’incontro sia prima che dopo essere andati sotto….i ragazzi di Mineo quindi non erano dei fenomeni quando sono usciti con i tre punti dal campo di Sant’Agata e non sono diventati dei brocchi ora che hanno perso con il Geraci. Ma ora gambe in spalla perché mercoledì sarà di nuovo campionato visto che la Lega Dilettanti ha anticipato la nona giornata del torneo prevista in calendario per il 4 novembre a giorno 1 data in cui il Bagheria tornerà in trasferta in quel di Misilmeri contro la locale formazione allenata dall’ex Giampaolo Lo Bue che ieri non è andata oltre il pari casalingo con la Folgore Sant’Agata.

Bagheria 0 Geraci 3

Bagheria C.d.V.: Buttacavoli, Nave, Accomando, Restivo, Gagliano, Centineo (20’st Di Maggio), Aiello, Graziano, Tomasello S. (36’st Mineo), Agiato (48’st Lo Piparo), Tomasello L. (27’st Napolitano). All. Mineo Geraci: Fagone, Zafonte (11’st Monte), Arena, Konate (48’st Di Gangi), Inserauto, Bertolino, Salerno (27’st Tarantino), Cannizzaro, Calabrese, Alosi, Venuti (33’st Moscato). All. Vedda

Arbitro: Lipari di Trapani.

Marcatori: 17’st Salerno; 32’st Venuti; 41’st Konate.

Articolo Giulio Galioto

Interviste Manuel Busetta

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un Bagheria da applausi sconfitto dalla capolista Geraci

PalermoToday è in caricamento