menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Papera di Pelagotti, rosanero sbranati nella tana dei "lupi": Avellino-Palermo 1-0

I rosanero erano partiti bene all'Adriano Lombardi, affondando più volte il colpo senza però trovare mai il gol. A cambiare le sorti del match è stato un palermitano in maglia biancoverde, Silvestri, che ha insaccato il pallone scatendo la festa in terra irpina

Palermo kamikaze all’Adriano Lombardi. Gli uomini di Boscaglia si rendono protagonisti di un buon primo tempo, sembrano potersela giocare a viso aperto contro gli irpini, ma poi Pelagotti combina la papera più clamorosa della carriera, spianando la strada ai padroni di casa e regalando una gioia indimenticabile al palermitano Silvestri. Avellino vittorioso 1-0. Ha del clamoroso quanto visto quest’oggi: un pallone smanacciato a centrocampo da un calciatore palermitano (all’andata fu D’Angelo a castigare il Palermo) e una frittata indigesta di uno degli uomini più rappresentativi di questo Palermo, riportano sul pianeta terra una squadra che sembrava aver trovato una quadra dopo l’ottima partita giocata con la Ternana. Questa volta però l’ennesimo mancato decollo dei rosa porta la firma (e i guantoni) di Alberto Pelagotti, perché in fondo gli uomini di Boscaglia non avevano affatto deluso nel corso della prima frazione di gioco. Il riscatto adesso si chiama Bisceglie, prossimo avversario dei rosanero.

E’ un primo tempo maschio e di intensità quello che si è giocato sotto la pioggia incessante dell’Adriano Lombardi. E’ mancata la rete, ma non sono mancati invece i tanti scontri a centrocampo a testimonianza di quanto le due squadre ci tenessero alla posta in palio. La partita è gradevole, si gioca a calcio. L’undici di Boscaglia parte col piglio giusto, schiacciando gli irpini nella propria metà campo. Bene soprattutto i tre centrocampisti dei rosa, con Broh preferito ad Odjer al fianco di De Rose e Luperini. Bravo l'ultimo arrivato in casa Palermo sia in fase di impostazione che in fase offensiva, come quando nei primissimi minuti del match ha sfiorato il vantaggio impegando Forte con una violenta conclusione dalla distanza. Risposte incoraggianti arrivano anche dalle corsie laterali, con Valente a destra e Kanoutè a sinistra, con quest’ultimo leggermente più ispirato del solito. L’Avellino ha bisogno di tempo, ma alla fine viene fuori e si ritaglia il suo quarto d’ora di gloria, impegnando più volte Pelagotti.

Lo stesso Pelagotti, che bene aveva risposto fino a quel momento alle minacce dei "lupi", macchierà indissolubilmente la sua prestazione cinque minuti dopo l’inizio della ripresa con una papera che ha veramente del clamoroso. Il palermitano Silvestri smanaccia un pallone apparentemente innocuo da centrocampo, Pelagotti si addormenta e regala al terzino dei biancoverdi la rete più rocambolesca della sua carriera. Palermo ancora sotto shock, che sembra pagare a caro prezzo l’errore del suo estremo difensore. Così Boscaglia prova a dare una scossa, affidandosi all’esplosività di Rauti entrato in campo al posto di Broh. I rosa sono costretti a rincorrere, così dopo Rauti arriva anche il momento di Silipo e del recuperato Almici. Ma non è facile per gli uomini di Boscaglia mettere in difficoltà una squadra che nonostante il vantaggio continua ad affacciarsi con insistenza dalle parti del portiere rosa. Il Palermo chiude comunque a trazione anteriore con l’ingresso in campo di Floriano, ma al triplice fischio è festa biancoverde.

Il tabellino di Avellino-Palermo

Marcatori: Silvestri 49’;
AVELLINO: Forte, Silvestri L., 6 Miceli (C.), Illanes; Ciancio (81’ Rizzo), D'Angelo, Aloi, Carriero, Tito (75’Adamo); Fella (67’ Bernardotto), Maniero (75’ Santaniello). Allenatore: Braglia. A disposizione: Pane, Rizzo, Bernadotto, Silvestri M., Santaniello, De Francesco, Dossena, Rocchi, Adamo, Baraye.

PALERMO: Pelagotti; Accardi (C.) (Crivello), Palazzi, Somma, Doda (68’ Almici); Luperini, De Rose, Broh (59’ Rauti); Kanoutè (68’ Silipo), Saraniti, Valente (Floriano). Allenatore: Boscaglia.

ARBITRO: Matteo Gualtieri (Asti).
NOTE - ammoniti: Carriero 14’; Illanes 17’; De Rose 83’

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento