Automobilismo, doppio successo Porsche: Mannino e Stagno dominano Cefalù-Gibilmanna

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Agli archivi del motorismo Nazionale con la firma del pilota Palermitano Natale Mannino, la seconda salita del Santuario Cefalù Gibilmanna; organizzata dal Comitato cefaludese "I Normanni", con la collaborazione dell'Automobile Club Palermo. La classicissima dal passato illustre svoltasi Domenica 26 Giugno, sullo spettacolare quanto impegnativo percorso di Km 11+800, che dalla rinomata Cefalù si inerpica fino alle porte dello splendido Santuario di Gibilmanna, luogo mistico immerso tra la fitta vegetazione del parco delle Madonie.

Entrata nel vivo nella giornata di Sabato, con le due tornate di prove ufficiali cronometrate, annunciava sfide al cardiopalmo in tutti i raggruppamenti ed i migliori driver arrivati da ogni parte d'Italia, non hanno smentito le attese richiamando le attenzioni delle migliaia di spettatori che si sono riversati sulle balze del mitico tratto, per assistere quella che è stata la sesta prova del Campionato Italiano Velocità in Salita riservata alle Auto storiche. A vincere meritatamente l'ipotetica classifica generale ed il combattuto 3° raggruppamento con il crono di 7'14,12 è stato il velocissimo Natale Mannino, al volante della Porsche 911 SC, Team Guagliardo, con i colori del sodalizio Monrealese "A.C. Festina Lente".

Alle spalle del driver Palermitano, nella virtuale classifica assoluta con il primato nel 4° raggruppamento, il Lombardo Andrea Pezzani, su Lucchini Sport BC, della scuderia Valdesa Classic Motor Club. Secondo posto nel medesimo raggruppamento e terzo nella sempre ipotetica generale per il toscano Piero Lottini, su Osella PA 9/90, portacolori della scuderia Bologna Squadra Corse. Nel 2° Raggruppamento si impone Claudio La Franca, su Porsche Carrera RS, mentre nel primo non smentisce i pronostici della vigilia il giovane pilota di Collesano Pierluigi Fullone, al volante della BMW 2002 TI. 5° Raggruppamento ad appannaggio della splendida Fiat Abarth SE 033 Formula, della scuderia Bologna Squadra Corse, condotta dalla brava Gina Colotto.

Tra le vetture Nazionali (moderne), aggregate alla competizione a timbrare il tesserino è stata la volta del noto rallysta Antonio Stagno, alla guida della spettacolare Porsche 997 GT3 ex Delecour del Motor Team Guagliardo, con le tinte della Palermitana Island Motorsport. Piazza d'onore e vittoria tra le monoposto E2M, per l'esperto driver Trapanese Dino Blunda, su Speed Race Suzuky, della A.C. Festina Lente. A completare il podio assoluto con il primato tra le Gruppo A ci ha pensato un giovanissimo figlio d'arte orgoglio del nostro Salvatore (Totò) Riolo, il "Gioielliere Volante" di Cerda; lui si chiama Ernesto (per gli amici Ernest), autore di una gara da incorniciare al volante della Peugeot 106 Kit A 1.6 della factory I.M. Motorsport, con i colori della vincente scuderia Messinese di Gioiosa Marea CST Sport capitanata da Luca Costantino.

Classifiche di Raggruppamento (Storiche): 3° Raggr. 1° Natale Mannino, Porsche 911 SC 7'14.12; 2° Sandro Filippone, Porsche 911 7'27.63; 3° Salvatore Caristi, Fiat 128 Berlina 7'33.11; 4° Raggr. 1 Andrea Pezzani, Lucchini Sport BC 7'15.38; 2 Piero Lottini, Osella PA 9/90 7'21.10; 3 Angelo Diana, BMW M3 7'34.73; 5° Raggr. 1 Gina Colotto, Abarth SE 033 Formula 8'52,75; 1° Raggr. 1 Pierluigi Fullone, BMW 2002 TI 7'48.89; 2 Tiberio Nocentini, Chevron B19 7'50,48; 3 Antonio Piazza, BMW 2002 7'57,14; 2° Raggr. 1 Claudio La Franca, Porsche Carrera RS 7'24.56; 2 Raffaele Picciurro, Porsche Carrera RS 7'51,36; 3 Mauro Lombardo, Porsche Carrera RS 8'08, 09.

Classifica Nazionali (Moderne): 1° Antonio Stagno, Porsche 997 7'12.58; 2° Dino Blunda, Speed Suzuky 7'24.89; 3° Ernesto Riolo, Peugeot 106 Kit 7'31.17; 4° Filippo Vara, Renault Clio 1600 7'33.97; 5° Filippo Monteleone, Renault Clio 7'42.75; 6° Antonino Pizzo, Citroen Saxo VTS 7'50.53; 7° Salvatore Scibilia, Fiat Uno Turbo 7'51.73; 8° Cosimo Pirajno, Peugeot 106 Rally 7'53.64; 9 Carmelo Buemi, Peugeot 106 16V 7'57.17; 10° Angelo Miccichè, Formula Gloria B5 7'58.77.

Fonte: Sebastian Feudale

Torna su
PalermoToday è in caricamento