Automobilismo, Palermo Exhibition Rally: due giorni "targati" Island Motorsport

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Una due giorni all’insegna degli equipaggi “targati” Island Motorsport, indiscussi protagonisti del Palermo Exhibition Rally, terzo appuntamento del Campionato Siciliano Rally Circuit, andato in scena lo scorso fine settimana presso l’autodromo “Vincenzo Florio” di Torretta.

In virtù di una performance da incorniciare, il giovane portacolori Alessio Profeta, alla seconda esperienza al volante della Peugeot 207 S2000, ha centrato il primato assoluto sotto una pioggia battente. Il ventenne siciliano, navigato dal coetaneo Alfonso Chiappara, si è imposto in quattro delle cinque prove speciali in programma conquistando, in tal modo, la prima vittoria in “carriera” tra le quattro ruote, dopo aver maturato un palmares di rilievo nel karting, disciplina propedeutica per definizione.

"Non potevo sperare in miglior risultato - ha sottolineato Profeta - Gara molto dura, tanto per le difficili condizioni climatiche, a tratti quasi proibitive, quanto per la mia precaria forma fisica (un forte stato influenzale accusato sin dalla vigilia ndr). Ciò che più contava era quello di non commettere errori. Ci siamo riusciti e credo sia stato questo a far la differenza. Voglio, infine, complimentarmi con Francesco per l’ottimo piazzamento conseguito".

Già, Francesco Profeta, fratello maggiore di Alessio, presentatosi al via a bordo della fida Renault Clio Rs della Ferrara Motors e coadiuvato alle note da Antonio Manganella, si è reso autore di una corsa tutta in rimonta, centrando il terzo gradino del podio. La top ten, invece, è stata completata dal rientrante Alberto Carrotta che, dopo una “pausa” quasi trentennale, al volante della Citroen DS3 R3 preparata da Ignazio Megna e affiancato nell’abitacolo, per la prima volta, da Daniele Orobello ha fatto sua la classe R3T. La rentrée di Carrotta, noto rallista in attività a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta, si è concretizzata grazie alla partnership con Sicilia Motori, rivista di settore, OM Group, Tempo srl e Sparco.

"Come già anticipato alla vigilia, avevo espresso il desiderio di provare una vettura da competizione moderna, anche per fare un paragone con i modelli della mia generazione - ha raccontato Carrotta - Di certo non è stato facile, vista la lunga sosta, un’auto tutta da scoprire in corso d’opera e il meteo ballerino. Inoltre, ho evitato di alzare i ritmi, onde evitare inutili rischi. Tutto sommato, mi sono divertito. E un grande merito va anche a Daniele, mio copilota. Bravo tanto nel dettarmi le note, quanto nel trasmettermi serenità e sicurezza".

Sono stati della partita, infine, anche il preparatore Francesco Fontana e l’esperto Giacomo Giannone, con la “storica” Volkswagen Golf Gti, in evidenza prima di essere “rallentati” dalla rottura della pompa dei freni (avvenuta nel corso del terzo tratto cronometrato) e la conseguente perdita di ben oltre tre minuti.

Classifica finale Palermo Exhibition Rally 2016
1. Profeta A.-Chiappara (Peugeot 207 S2000) in 36’56”1; 2. Licata-Di Malta (Renault Clio S1600) a 1’49”3; 3. Profeta F.-Manganella (Renault Clio Rs) a 4’23”1; 4. Tripolino-Beninati (Mitsubishi Lancer R4) a 4’27”2; 5. Milici-Marino (Peugeot 106) a 4’36”; 6. Gianfilippo-Di Paola (Citroen Saxo) a 4’40”7; 7. Siragusa-Campione (Renault Clio Rs) a 5’07”9; 8. Cataldo-Saladino (Peugeot 106) a 5’13”9; 9. Cassata-Portera (Peugeot 106) a 5’17”6; 10. Carrotta-Orobello (Citroen DS3 R3) a 5’24”1.
 

Torna su
PalermoToday è in caricamento