rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Sport

Suicidio Palermo, non basta Vazquez: risorge Denis, con l'Atalanta è 3-3

Non bastano le meraviglie di Vazquez, autore di una doppietta nel primo tempo. I rosanero vanno per due volte in vantaggio di due gol ma si fanno rimontare dalla furia bergamasca, che nella ripresa tornano in partita

Sognare, dilagare, accarezzare l'estasi e poi buttarsi lentamente via. C'è tutto questo nel pazzo 3-3 che matura sul prato dell'Atleti azzurri d'Italia. Troppo bello quanto immaturo questo Palermo, che tiene in vita un'Atalanta allo sbando e poi si fa riagguantare rischiando perfino la più clamorosa delle sconfitte. Sul 3-1 in tanti non avrebbero scommesso sull'"1X". Alla fine viene fuori un pareggio che lascia l'amaro in bocca a Iachini, ma è utile - se vogliamo guardarla così - ad allungare la lunghissima striscia utile del Palermo.

Per ritrovare l'ultima sconfitta bisogna risalire alla trasferta in casa Juventus, decisamente tanto tempo fa. In queste otto partite sono arrivate quattro vittorie e quattro pareggi. Sedici punti, quattordici gol fatti. Ma "pesano" in negativo le rimonte subite da Genoa, Torino e Atalanta, che avrebbero potuto proiettare il Palermo sul treno che viaggia verso l'Europa. Souvenir da Bergamo: primo tempo stellare. Squadra che va a cento all'ora, sempre in verticale, guidata in panca dal joystick di Iachini. Il tecnico marchigiano ha costruito una creatura perfetta, dove ognuno sa quello che deve fare.

I GOL: VIDEO

Per convincersene basti vedere l'1-0 del Palermo. Il terzo graffio consecutivo di Rigoni - fino a un mese fa bollato come fabbro-medianaccio - nasce da un'azione da sballo, cesellata dalla premiata ditta Dybala-Vazquez e spacchettata dall'ex centrocampista del Chievo. Palermo devastante, letale in contropiede: il 2-0 è una meraviglia. Dybala a centrocampo appoggia per Vazquez. I rosa si distendono benissimo. El Mudo avanza con discreta lbertà e a suioi fianchi ha due opzioni: Dybala o Barreto. Cosa fa? Si inventa uno splendido pallonetto che muore dolcissimo alle spalle di Sportiello. Il resto del primo tempo è un generosissimo rigore fischiato a Munoz e il 3-1 di Vazquez.

Il Palermo è un meraviglioso luna park, che però chiude all'improvviso. Già perché ci sarebbero altri 45 minuti. Nella ripresa è tutto un altro copione. I rosa - spaventati dal sistema di gioco più aggressivo dell'Atalanta - perdono metri e coraggio. Accorcia subito Moralez, poi il palo dice di no a Cigarini. Dai e dai gli uomini di Colantuono trovano anche il 3-3 col risorto Denis, dato in crisi da mesi. E dire che Bianchi in contropiede siglerebbe perfino il 4-3, ma la sua esultanza resta strozzata in gol per un fuorigioco. Cala il buio sull'Atleti azzurri, il Palermo torna a casa tra i rimpianti e chiude un 2014 memorabile. Forse va bene anche così.

LE PAGELLE

ATALANTA: Sportiello 5; Zappacosta 6, Stendardo 5,5, Benalouane 6, Dramé 6; Baselli 5 (55' Gomez 6,5), Cigarini 6, Carmona 5,5; Moralez 6,5; Boakye 5 (45' Bianchi 6), Denis 7 (82' D'Alessandro s.v.). A disp: Avramov, Del Grosso, Scaloni, Bellini, Migliaccio, Biava, Spinazzola, Molina, Cherubin. All: Stefano Colantuono.

PALERMO: Sorrentino 5,5; Munoz 5,5, Gonzalez 5,5, Andelkovic 5; Morganella 5,5, Rigoni 7, Maresca 6 (89' Belotti s.v.), Barreto 6 (68' Della Rocca 6), Lazaar 5,5; Vazquez 7,5, Dybala 6,5. A disp: Ujkani, Vitiello, Pisano, Joao Silva, Emerson, Bolzoni, Chochev, Terzi, Quaison, Feddal. All: Giuseppe Iachini.

I MIGLIORI TODAY

Vazquez 7,5: il pallonetto che uccella Sportiello è una perla che sarà difficile da dimenticare. Nel primo tempo fa quello che vuole, con una semplicità imbarazzante. Cala nella ripresa.

Rigoni 7: a segno per la terza partita di fila, accompagna e assiste i suoi compagni d'attacco, fa sentire i suoi muscoli in mezzo. E dire che un mese fa era finito in panca per fare spazio a Maresca. Adesso i due convivono che è una meraviglia.

Dybala 6,5: imprendibile, sgusciante, c'è sempre il suo zampino in ogni gol del Palermo. Anche nei tre di oggi.

I PEGGIORI TODAY

Andelkovic 5: si conferma l'anello debole della difesa del Palermo. Sul 3-3 dell'Atalanta è decisivo il solito intervento difettoso che libera Denis a due passi da Sorrentino.

Sorrentino 5,5: la combina grossa sul 2-3 di Maxi Moralez.

Munoz 5,5: rianima l'Atalanta quando sulla partita sta per calare il sipario. Anche se quel rigore nasconde tantissimi dubbi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Suicidio Palermo, non basta Vazquez: risorge Denis, con l'Atalanta è 3-3

PalermoToday è in caricamento