Altro

Len Euro Cup, il TeLiMar pareggia in casa contro il Budapest Vasutas Zuglo: chiude il secondo turno con il primo posto nel girone

La gara con gli ungheresi, nella piscina olimpica comunale con la tribuna chiusa al pubblico a causa del mancato rinnovo dell’agibilità, si è conclusa con un 17-17. Il Club dell’Addaura è primo però per differenza reti

TeLiMar ancora imbattuto dopo undici partite in questo straordinario inizio di stagione. Con il passaggio ai quarti di finale della Len Euro Cup raggiunto matematicamente grazie alle due vittorie sul Team Strasbourg e sul VK Sabac, oggi alla piscina olimpica comunale con gli ungheresi del Budapest Vasutas Zuglo ci si giocava il prestigio del primo posto nel girone: 17-17 il risultato finale che, con la differenza reti a vantaggio dei padroni di casa, permette al Club dell’Addaura di chiudere in vetta alla classifica questa tre giorni di pallanuoto internazionale a Palermo, con la tribuna chiusa al pubblico a causa del mancato rinnovo dell’agibilità.

Per la prima volta in questo weekend è il TeLiMar a dover inizialmente rincorrere gli avversari, che in avvio del match si portano in vantaggio con Csapo su uomo in più. I palermitani rispondono con Vlahovic, ma i magiari si portano sul +2 con Gyarfas in più e Tatrai a uomini pari per l’1-3. Il primo tempo si chiude sul 2-3 per la rete di Basic. I gialloblu provano ad allungare con Batizi, ma ribattono subito i ragazzi di Gu Baldineti con un gran tiro dalla distanza da parte di Del Basso. Botta e risposta tra le due compagini: a Pasztor risponde Vlahovic in più. Il TeLiMar si porta poi per la prima volta in vantaggio con Vlahovic e Occhione, ma Csapo in superiorità riporta il punteggio in parità sul 6-6. Matya Meszaros per il 6-7, a cui ribatte Vlahovic in più. La fine della prima metà del match vede i magiari sopra di un goal, per la rete di Kovacs.

Gli ungheresi provano di nuovo ad allungare con Agh su uomo in più, ma Irving in superiorità accorcia le distanze. È una partita dai ritmi serrati e ne approfittano gli uomini di Kemeny per tornare sul +2 con Pazstor. Il TeLiMar fallisce un rigore con Vlahovic che non va oltre il palo, ma i palermitani non si perdono d’animo e con Lo Cascio in superiorità numerica vanno sul 9-10. Nagy per il 9-11, a cui risponde Lo Dico per il 10-11. Pasztor segna la rete del 10-12, ma Marziali in doppia superiorità firma la rete dell’11-12 su cui si chiude la terza frazione di gioco.

Il quarto tempo si apre con il tiro dai cinque metri trasformato da Pastor. Vlahovic in più e Marziali in controfuga, però, tengono testa ai magiari, che vanno sul 13-14 con Agh. Poi, le reti in sequenza di Giliberti, Nagy su doppio uomo in più, Basic, Gyarfas e Di Patti per arrivare al 16-16. Sul finale, il TeLiMar ha l’occasione di passare in vantaggio con Irving, che su rigore non sbaglia, ma a 56” Gyarfas fissa il risultato finale su un più che giusto pareggio.
Espulsi per limite di falli: Kovacs, Csapo, Csaba Meszaros (BVSC) nel terzo tempo, Tatrai (BVSC), Del Basso (TeLiMar) e Szabo (BVSC) nel quarto tempo. Espulso per proteste Occhione (TeLiMar) nel quarto tempo.
 
"Ci tenevamo tantissimo a chiudere con la terza vittoria in casa questa tre giorni difficilissima, ma il pareggio alla fine è stato giusto, perché abbiamo commesso qualche errore di troppo – ammette Davide Occhione -, ma ci poteva stare perché siamo alla nostra prima esperienza internazionale e dobbiamo fare tesoro di tutte le occasioni che abbiamo per confrontarci con squadre più blasonate. Sappiamo che d’ora in poi sarà un cammino lungo e duro in Len Euro Cup, ma stiamo lavorando bene e siamo in un’ottima condizione fisica e mentale, che ci dobbiamo portare dietro anche in Campionato, con le prossime sfide contro Savona e Trieste che si prospettano davvero toste".
 
"Il big match contro i forti ungheresi del Vasutas Zuglo Budapest - commenta Marcello Giliberti, presidente TeLiMar - è stata una bella battaglia, tonica, ben giocata da entrambe le parti dopo il tour de force degli ultimi 15 giorni con impegnative trasferte europee e turno di Campionato. Complimenti ai miei ragazzi, che sono rimasti sempre in partita e che negli ultimi 30 secondi hanno avuto la palla in mano per vincere il match. Il pareggio finale è, però, probabilmente il risultato più giusto che accontenta tutti e che ci consente di chiudere il girone da primi per la differenza reti. Unico rammarico l'assenza del pubblico. Spero che finalmente da domani il Servizio Sport del Comune affronti adeguatamente e per tempo la situazione, affinché questa sia l'ultima volta che giochiamo a porte chiuse, sia che si tratti del nostro Campionato di A1, che della Len Euro Cup".

Il tabellino

TeLiMar: Nicosia, Del Basso 1, Turchini, Di Patti 1, Occhione 1, Vlahovic 5, Giliberti 1, Marziali 2, Lo Cascio 1, Irving 2 (1 rig.), Lo Dico 1, Basic 2, Washburn - Allenatore: Marco Gu Baldineti
Zuglo: Kardos, Nagy 2, Csapo 2, Szabo, Batizi 1, Agh 2, Meszaros C., Gyarfas 3, Kovacs 1, Pasztor 4 (1 su rig.), Tatrai 1, Meszaros M. 1, Gyorke – Allenatore: Kristof Kemeny
Arbitri: Andreas MOIRALIS (GRE) and Tiozzo (CRO)– Delegato LEN: Peter Stavropoulos (GRE)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Len Euro Cup, il TeLiMar pareggia in casa contro il Budapest Vasutas Zuglo: chiude il secondo turno con il primo posto nel girone

PalermoToday è in caricamento