rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Altro

Pallanuoto, il Telimar cede sul finale a Siracusa: contro l’Ortigia finisce 9-8 

Il Club dell’Addaura, in vantaggio per buona parte del match, non è riuscito a vincere il derby siciliano

Il derby di Sicilia come sempre si gioca sul filo dei centesimi. Così, a spuntarla oggi alla Cittadella dello Sport di Siracusa è il Circolo canottieri Ortigia: 9-8 il risultato finale con il Telimar Palermo che alla penultima giornata del round scudetto del campionato di pallanuoto maschile di Serie A1 resta a quota 32 punti, scavalcato dal Trieste che la prossima settimana ospiterà proprio i biancoverdi. Il Club dell’Addaura va sul +2 nel primo quarto e riesce a contenere gli assalti degli aretusei, che accorciano, fino all’ultima frazione. Poi, negli ultimi otto minuti sono i padroni di casa a pareggiare i conti e portarsi in vantaggio a 20” dalla sirena finale, spinti anche dal pubblico sugli spalti della piscina Paolo Caldarella.  

Pressing molto alto per entrambe le compagini siciliane, che riescono ad impedire agli avversari di schierarsi in attacco. È Basic dalla distanza a sbloccare il risultato a poco più di 3’ dal termine del primo quarto. L’Ortigia prova a ristabilire equilibrio, ma Nicosia è bravo ad anticipare i biancoverdi in un paio di occasioni. Ne approfitta il TeLiMar per raddoppiare con Irving, ma la prima frazione si chiude sull’1-2 per la rete di Francesco Condemi arrivata a 6” dalla sirena.

Il Club dell’Addaura prova ad allungare, sfruttando un rigore con Irving in avvio del secondo tempo. Gli aretusei accorciano con Francesco Condemi, ma con un gran tiro da posizione 3 Occhione riporta i palermitani sul +2. La terza rete personale di Condemi e, poi, Rossi, entrambi su uomo in più, riportano la parità. Occhione e Klikovac, entrambi in superiorità, aggiornano il punteggio sul 5-5 prima dell’inversione di campo. Al rientro dall’intervallo lungo, il TeLiMar si porta di nuovo davanti con Basic su uomo in più, ma l’Ortigia con un rapido fraseggio con Vidovic e in controfuga con Cassia per la prima volta va in vantaggio sul 7-6. Occhione, alla sua tripletta personale in giornata, firma il 7-7 che chiude di fatto il terzo periodo.

Tanti tentativi da entrambe le parti nell’ultimo quarto, bloccati da una buona gestione della fase difensiva da parte delle due squadre. Poi, è Occhione a crederci sul finire dell’azione e da metà vasca fa schizzare la palla sull’acqua, beffando Tempesti per il 7-8. Reagisce subito l’Ortigia con Cassia in superiorità per l’8-8. Il TeLiMar sul finale spreca l’occasione di portarsi nuovamente in vantaggio. Con lucidità è la squadra di Piccardo a segnare con Rossi quando mancano 20”. Gli uomini di Baldineti su doppia superiorità ci provano, ma il match si chiude sul 9-8.

"Partita complicata, come ce l’aspettavamo – dice il difensore Telimar Davide Occhione, autore oggi di un poker –. Entrambe le squadre sono entrate in acqua agguerrite, perché entrambe volevano portare a casa questi tre punti preziosi. Dal canto nostro, abbiamo fatto vedere quanto siamo uniti e cosa siamo in grado di fare. L’abbiamo preparata bene in settimana e abbiamo provato a seguire tutte le direttive del coach. Siamo stati sfortunati all’ultimo minuto a fallire l’uomo in più, subendone un altro che ha portato poi l’Ortigia a passare in vantaggio nel momento decisivo. Per quello che si è visto oggi, sarebbe stato più giusto un pareggio. Ormai, però, è passato. E noi abbiamo di fronte un’altra importante sfida, quella di sabato in casa contro il Savona. E ci faremo trovare pronti".

"Complimenti ai miei ragazzi, che hanno giocato un ottimo derby, conducendo costantemente e - commenta il presidente Marcello Giliberti - andando sotto soltanto alla fine. Il pareggio sarebbe stato il risultato più equo rispetto all'andamento della partita, che avrebbe premiato il nostro ardore e la resilienza dell'Ortigia. Questa, resta in ogni caso per noi e per la nostra città una stagione da incorniciare, avendo sinora consolidato il titolo di vice campioni europei in Len Euro Cup, un quarto posto in Coppa Italia ed essendo fra le prime sei posizioni in Campionato, con il confronto diretto col forte Savona ancora da giocare nel prossimo turno".

Le formazioni
CC Ortigia: Tempesti, Cassia 2, Condemi F. 3, Condemi A., Klikovac 1, Ferrero, Di Luciano, Borgione, Mirarchi, Rossi 2, Vidovic 1, Napolitano, Piccionetti – Allenatore: Stefano Piccardo
TeLiMar: Nicosia, Del Basso, Turchini, Di Patti, Occhione 4, Vlahovic, Giliberti, Marziali, Lo Cascio, Irving 2 (1 rig.), Lo Dico, Basic 2, Washburn – Allenatore: Marco Gu Baldineti
Arbitri: Alessandro Severo, di Roma, e Luca Bianco, di Gavardo (BS) - Delegato: Claudio Marchisello di Catania 
Parziali: 1-2; 4-3; 2-2; 2-1. Superiorità: Ortigia 4/10; TeLiMar 2/10 + rigore. Note: Nessuno uscito per limite di falli. Spettatori 600 circa


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pallanuoto, il Telimar cede sul finale a Siracusa: contro l’Ortigia finisce 9-8 

PalermoToday è in caricamento