rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Altro

Mondiale di Parapendio in Argentina, il pilota madonita Minutella si piazza al secondo posto

Ottanta i piloti partecipanti. L'atleta di Castelbuono è finito a soli 7 punti (pochi secondi in sette giorni di gara) dal primo concorrente, il pilota francese François Cormier. Terzo classificato il russo Gleb Sukhotsliy

La Rioja, citta dell’Argentina ai piedi delle Ande, ha ospitato dal 20 al 27 ottobre la World Cup La Rioja Argentina 2021, il mondiale che riunisce i migliori piloti di parapendio del momento provenienti da tutto il mondo. La combinazione di un clima semi-arido, terre pianeggianti a est e montagne a ovest creano splendide condizioni di vento per il parapendio con termiche di 13 m/s che hanno messo a dura prova sia i piloti che le vele. Giuliano Minutella tra gli 80 piloti partecipanti, si è aggiudicato il secondo posto a soli 7 punti, (pochi secondi in sette giorni di gara), dal primo concorrente, il pilota francese François Cormier, terzo classificato il russo Gleb Sukhotsliy.

Nato e cresciuto a Castelbuono, Giuliano è un madonita Doc. Tra i 150 piloti più forti al mondo, il suo palmarès comprende diversi titoli italiani: nel 2015 campione italiano classe sport; primo classificato Coppa Italia 2015 classe sport; Primo classificato Coppa Italia 2015 classe serial; Primo classificato Coppa Italia 2016 classe sport; Primo classificato nel 2016 classe sport trofeo 3 pizzi; Primo classificato Poggio Bustone cup 2018, sempre nel 2018 campione italiano classe serial; sedicesimo classificato coppa del mondo Argentina 2019; lo scorso agosto si è aggiudicato il secondo posto della Prealpi Tour Hike&Fly Race, la combinazione di trekking e volo in parapendio.

“Per me è una grandissima emozione arrivare al secondo posto in classifica, – ci racconta Giuliano Minutella – sono stati mesi di duri allenamenti oltre che sulle Alpi anche sulle mie Madonie, luoghi in cui sono nato e vissuto e sui Nebrodi, montagne dalla mia bella Sicilia che nulla hanno da invidiare a questi splendidi luoghi”. I piloti hanno gareggiato con condizioni meteo davvero proibitive tanto che gli organizzatori più volte hanno dovuto sospendere le gare a causa del forte vento. Il decollo avveniva dal Cerró De la Cruz, a un'altitudine di quasi 1200 m, 600 m sopra le pianure di fronte al sito di lancio. Volare lungo la linea di cresta e tornare in montagna è un percorso affascinante. Con forti termiche e diverse possibilità per l'impostazione di figure fantasiose; il sogno di ogni pilota da competizione. Alcuni piloti hanno raggiunto velocità superiori ai 100 km/h. “Per me arrivare tra i 10 era un obiettivo immenso – ci racconta Giuliano - ma arrivare secondo e rischiare di vincere è salire sul podio è incredibile”. Per Giuliano l’avventura più che la gara in se è stato programmare il viaggio per l’Argentina rincorrendo i visti al Consolato, i permessi e le autorizzazioni per entrare nel paese andino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mondiale di Parapendio in Argentina, il pilota madonita Minutella si piazza al secondo posto

PalermoToday è in caricamento