rotate-mobile
La storia

Una tredicenne palermitana talento dell'arrampicata: "Scalo pareti sognando le Olimpiadi"

Si chiama Lucrezia Nasta ed è stata selezionata dalla Nazionale under 16 in tutte e tre le discipline: boulder, lead e speed. Ha iniziato per gioco a 5 anni e non hai mai smesso, vincendo tutte le gare alle quali ha partecipato. "Faccio tanti sacrifici ma ne vale la pena. Ho nel mirino Parigi 2024 o Los Angeles 2028"

A soli 13 anni è già un'atleta della nazionale italiana. E' un talento nello sport dell'arrampicata, disciplina olimpica da Tokyo 2020. Si chiama Lucrezia Nasta, è palermitana e da quando ha iniziato a scalare le pareti nella palestra Scalart, all'età di cinque anni, non ha mai smesso. Una passione nata per caso, durante una festa tra amici. "Ho provato - racconta la giovanissima a PalermoToday - e mi è piaciuto. Così ho iniziato ad allenarmi. Provo adrenalina mentre scalo le pareti e mi diverto molto".

Un hobby che è diventato presto molto di più. Nel 2017 Lucrezia ha iniziato a fare le gare agonistiche nel girone macro Sud (di cui fanno parte le regioni che vanno dalla Basilicata in giù) e non ha mai perso una competizione. "Si tratta - racconta orgogliosa la mamma Roberta Vetro - di circa sei gare all'anno per un totale, fino al 2021, di circa 30 competizioni in cui si è sempre classificata al primo posto". 

L'anno scorso la giovane atleta palermitana ha vinto il campionato regionale femminile under 14 e si è guadagnata di diritto l'ingresso in quello nazionale. "Gareggerà con atleti - racconta ancora la madre - provenienti da tutte le regioni d'Italia che hanno la possibilità di allenarsi adeguatamente in tutte e tre le discipline dell'arrampicata (boulder, lead e speed)". A Palermo però è possibile allenarsi solo nel boulder. "Non esistono palestre - spiega - dove è possibile praticare le alte due discipline. Lo speed, per esempio, richiede una parete di 15 metri mentre Lucrezia si allena su una parete di 10 metri all'interno della caserma Scianna in corso Calatafimi. Il suo allenatore Giuseppe Macaluso ha trovato un escamotage: prima le fa scalare dieci metri e poi cinque".

Arrampicata sportiva, la tredicenne Lucrezia Nasta in Nazionale

Nonostante le difficoltà, grazie al talento e alla tenacia Lucrezia è riuscita ad arrivare quarta nella competizione combinata ovvero quella in cui si sommano i risultati di tutte le categorie ottenendo così la possibilità di fare la selezione della nazionale under 16 femminile di arrampicata. Selezione che ha brillantemente superato. "Era il mio obiettivo - dice Lucrezia - da quando ho iniziato, sono orgogliosa di averlo raggiunto". Un impegno notevole che la porta a prendere molti aerei per partecipare agli allenamenti. "Ci sono dei momenti in cui sono stanca e penso di non voler continuare - ammette - ma poi grazie all'aiuto di chi mi sta accanto supero i momenti di difficoltà e vado avanti". Far parte di una cosa così grande e importante implica infatti delle rinunce, notevoli per una tredicenne.

"Lascio i miei amici quasi tutti i weekend e la mia vita sociale ne risente - dice Lucrezia - ma sto iniziando a fare amicizia anche con gli altri ragazzi della nazionale. Questo sport mi ripaga dei sacrifici che faccio". Il prossimo aereo Lucrezia lo prenderà domani. "Andrò a Milano per il raduno di una delle tre specialità, il bouilder - spiega - e farò un allenamento con la nazionale per prepararmi alle Coppa Italia che si terrà il 5 e 6 marzo, sempre a Milano. Ci saranno tante partecipanti ma io gestisco abbastanza bene l'ansia".

L'obiettivo "finale" è decisamente più ambizioso: partecipare alle olimpiadi di Parigi 2024 o a quelle di Los Angeles 2028. "In vista di questi grandi appuntamenti - conclude la mamma di Lucrezia - sarebbe importante che l'amministrazione la sostenesse. Si lavora con molta difficoltà e con tanta tenacia. L'arrampicata è uno sport bellissimo e andrebbe valorizzato anche perchè siamo molto competitivi".  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una tredicenne palermitana talento dell'arrampicata: "Scalo pareti sognando le Olimpiadi"

PalermoToday è in caricamento