Magazine
PASQUA

11 simboli di Pasqua, quali sono e il loro significato

Per ricordare la Resurrezione di Gesù Cristo

Quest’anno Pasqua sarà domenica 9 aprile. Nell’occasione torneranno protagonisti alcuni simboli che fanno parte di questa ricorrenza da sempre. Proprio per questo alcuni ci sono decisamente famigliari, ma ne ignoriamo il significato o alcuni aspetti. Qui di seguito ne vedremo 11 tra i principali che simboleggiano la Resurrezione di Gesù e fanno parte della tradizione.

La croce

Gesù ha vissuto in Palestina quando era una provincia dell'impero Romano. Venne condannato a morte per essersi proclamato Re dei Giudei. Morì in croce, uno strumento di tortura, che divenne il simbolo della Cristianità. Con il suo sacrificio Cristo ha salvato l’umanità dal peccato originale e gli ha garantito il perdono divino. Risorgendo ha dimostrato che si può credere nella vita eterna.

L’uovo (o il pulcino)

L’uovo di cioccolato a Pasqua non può mai mancare, per la gioia dei piccini e anche dei più grandi. L'uovo, insieme al pulcino, è portatore di un grande significato, quello della nascita di una nuova vita e di una rinascita. Se la tradizione dell’uovo con la sorpresa è recente, quella delle uova colorate risale già al Medioevo. L’uovo è presente ed è legato ad una simbologia importante anche nella tradizione balcanico greca dove viene cucinato sodo e colorato, solitamente di rosso, il colore della Passione, nel giovedì santo per essere poi mangiato a Pasqua.

La colomba e l’ulivo

Fu una colomba, al termine del diluvio universale, a portare a Noè un ramoscello d’ulivo, il simbolo che Dio aveva perdonato gli uomini. La colomba è un simbolo di pace, che rappresenta la speranza e la salvezza, quella che Gesù vuole che gli uomini realizzino in terra e per cui si è sacrificato sulla croce. Anche l'ulivo divenne un simbolo di pace e i cristiani se lo scambiano in occasione della Domenica delle Palme, in ricordo del trionfale ingresso di Gesù a Gerusalemme quando la folla in festa lo salutava con rami di palma e ulivo.

Le campane

Sono i rintocchi festosi delle campane, nel giorno di Pasqua, ad annunciare la Resurrezione di Gesù Cristo. Nel Venerdì Santo, invece, suonano a lutto per ricordare la sua morte.

Il coniglietto

Il coniglietto è uno dei simboli più noti della Pasqua e la sua versione al cioccolato è amatissima dai bambini. Insieme alla lepre, animale primaverile, è sinonimo di nuova vita e di rinnovamento, proprio perché cambia colore del pelo a seconda delle stagioni calde o di quelle fredde.

Il cero

Il Cero Pasquale viene acceso il Sabato Santo divenendo il simbolo di Gesù, luce del mondo. La Pasqua, Resurrezione, testimonia la vittoria di Cristo sulle tenebre.

L’agnello

L'agnello, animale mite, rappresenta il sacrificio di Gesù per l'uomo. La tradizione cristiana ha ereditato questo simbolo dagli Ebrei, che mangiano carne di agnello a Pasqua in ricordo del fatto che Dio, prima di inviare l'ultima piaga contro gli egiziani per ucciderne ogni primogenito, promise di salvare i capifamiglia ebrei che avessero segnato le porte delle loro case con sangue d'agnello.

L'acqua e il fuoco

Durante la notte di Pasqua secondo la tradizione cristiana viene acceso un fuoco fuori dalla Chiesa attorno al quale si raccolgono i fedeli.

Da lì viene acceso il cero pasquale, trionfo della luce sulle tenebre e della vita sulla morte. Con il battesimo, invece, tramite l'acqua l'uomo viene purificato dai peccati. La notte di Pasqua è la notte battesimale per eccellenza, le altre occasioni in cui viene officiato questo sacramanento è come se fossero un prolungamento della domenica pasquale.

Articolo originale su Today.it
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

PalermoToday è in caricamento