rotate-mobile
publisher partner

Docenti siciliani a confronto con Cambridge: ecco come imparare con facilità l'inglese a Palermo

In città l'evento di formazione rivolto ai docenti con esperti provenienti anche da Cambridge

Carlo Magno sosteneva che "conoscere una seconda lingua significa possedere una seconda anima". Impossibile contare quante anime ci sono a Palermo, da sempre crocevia di popoli e culture. Studiare le lingue - in particolare l'inglese che è quella più comunemente parlata - è poi essenziale soprattutto guardando al mondo del lavoro. Farlo con facilità e divertendosi è certamente un quid in più. 

Da quasi 50 anni l'International House Palermo Language Centre supporta i siciliani che vogliono o necessitano di usare l'inglese nella propria vita, dai bambini agli adolescenti, fino agli adulti. Un'idea di cui è stata precursore Patricia Durden, direttore della scuola, che da sempre collabora con scuole pubbliche e università. Corsi, incontri, formazione ed esami che si tengono presso le due sedi di via Quintino Sella, 70 e di via Enrico Albanese, 15.

In particolare in un lavoro come quello degli insegnanti, che devono essere sempre pronti a confrontarsi con i giovani e con le esigenze di un mondo scolastico sempre più internazionale, conoscere l'inglese non è solo bello e utile ma quasi obbligatorio. Per questo motivo, l'Ih, che è tra l'altro centro autorizzato per gli esami Cambridge Assessment English e centro off-site ufficiale per gli esami Ielts in collaborazione con British Council Italia, ha organizzato venerdì 20 gennaio un evento di formazione, destinato ai docenti, che ha raccolto tutti gli esperti linguistici che operano nelle province di Palermo, Caltanissetta, Trapani e Agrigento.

Lezioni dal vivo e sessioni interattive per imparare idee di metodologia didattica da portare in classe. "Qui a Palermo ho continuato - racconta Patricia Durden - un percorso iniziato in passato. Mi sono sempre dedicata alle metodologie di insegnamento per aiutare i docenti a fare bene il loro lavoro in classe". "Siamo felici - dice Marco Faldetta, It e Marketing manager IH - di vedere dopo tanto tempo tutti gli insegnanti qui. Se tutti i partecipanti sperimenteranno le tecniche di oggi con i propri studenti domani in classe, avremo fatto un buon lavoro"

Docenti siciliani che si confrontano con quelli dell'università di Cambridge, presente all'evento di formazione con Simon Brown. "Milioni di persone in tutto il mondo - dicono dalla IH - usano le Cambridge english qualifications come Pet, First, Advanced, Celta e Tkt come traguardo per i propri obiettivi di studio e lavoro". "La nostra collaborazione - racconta Brown - è importante perché abbiamo la possibilità di stare vicini ad alunni e docenti sul territorio che affrontano una prova Cambridge che oggi è indispensabile per le loro competenze linguistiche. Obiettivo è quello di essere competitivi dalla scuola all'università fino al mondo del lavoro". 

I sistemi educativi europei già da una decina di anni hanno iniziato a concepire la scuola come luogo di apprendimento di competenze pratiche. Dalla collaborazione alla consapevolezza digitale, dalla creatività fino al pensiero critico: si tratta di abilità del 21st Century skills e developing responsible Global citizens, indispensabili per i cittadini di domani. "Il progetto DRCG (Developing responsible global citizens - Sviluppo di cittadini globali responsabili) serve proprio a questo. Palermo è al centro della scrittura di questi protocolli per i cittadini europei del futuro. Ne siamo veramente orgogliosi". 

Alla fine della giornata è stato rilasciato un attestato riconosciuto dal Miur per la formazione del personale della scuola. Ma l'IH promette: "Ne organizzeremo tanti altri in futuro. Stay tuned". 

Video popolari

PalermoToday è in caricamento