rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021

Gravidanza fisiologica o a rischio: come riconoscerle e cosa fare per la salute del neonato

Dalla gestazione, al parto, al primo vagito. Una mission quella dei neonatologi che deve fare spesso i conti con situazioni non facili per le quali servono massima cura e attenzione

"Un bambino è un amore diventato visibile". Parole semplici che sono realistica poesia quelle del filosofo Novalis, che dà il benvenuto a una nuova vita nel segno più profondo di ciò che essa rappresenta per i genitori ma anche per i medici che accompagnano la mamma nel suo momento più bello. Un momento che, però, può non essere sempre semplice e naturale e che per questo ha bisogno di massima cura e attenzione, dalla gestazione al parto. 

Fare nascere è il mestiere della equipe medica della Casa di Cura Candela, vera istituzione dal 1907 per le donne che si apprestano a diventare mamme, che è dotata di un punto nascita che accompagna la coppia nella straordinaria esperienza di diventare genitori, dal momento del parto al riconoscimento dei bisogni del neonato. Una mission gratificata ogni giorno dal primo vagito e dal sorriso della mamma che impara a conoscere passo passo il suo piccolo. In particolare, la Casa di Cura di via Valerio Villareale è dotata di due ambulatori, quello gratuito dedicato alla gravidanza fisiologica, che inizia dalla quarta settimana di gestazione e accompagna la paziente nel percorso delle 40 settimane fino al momento del parto, e l'ambulatorio della gravidanza a rischio, che tratta le eventuali patologie che potrebbero insorgere durante la gravidanza.

Il reparto di Neonatologia, guidato dalla dottoressa Maria Rosa Cinquegrani, è composto dal nido e dai posti di patologia intermedia. Il nido accoglie i neonati sani ai quali vengono erogati controlli clinici giornalieri, a garanzia dello stato di salute. Il Rooming In consente la degenza del piccolo accanto alla madre, skin to skin, per favorirne l’attaccamento e l’allattamento al seno, ed è supportato da personale infermieristico e ostetrico dedicato.

La patologia intermedia, dotata di attrezzature all’avanguardia, accoglie e cura neonati in born e out born, dalla 34esima settimana al primo mese, con patologia minima. Ai neonati vengono applicati i protocolli assistenziali indicati dalle società scientifiche di riferimento e gli screening obbligatori di legge (metabolico allargato, audiologico e visivo). Lo staff medico della Casa di Cura Candela è composto da neonatologi che garantiscono la guardia attiva H24, e si avvale della collaborazione di specialisti per valutazioni cardiologiche, ecografiche, dermatologiche e chirurgiche. Il reparto di neonatologia è, inoltre, sede formativa della scuola di specializzazione in pediatria. 

Ma come si capisce se una gravidanza è a rischio? Cosa serve davvero a un neonato? A risponderci sono gli eroi in camice bianco che ogni giorno permettono di affrontare al meglio quella grande avventura che è la vita. 

Video popolari

Gravidanza fisiologica o a rischio: come riconoscerle e cosa fare per la salute del neonato

PalermoToday è in caricamento