Earth Day Italia

Attenzione al pesce sottocosto, c'è qualcosa che non va

La Coldiretti ribadisce la pericolosità del pesce venduto agli angoli delle strade. La Guardia costiera ha proceduto al sequestro di tonnellate di pesce avariato; a Palermo delle partite di baccalà erano scadute da un anno.

Il motto è sempre lo stesso, diffidare di coloro che vendono pesce agli angoli delle strade a prezzi stracciati, perché seppur il portafoglio è felice si mette seriamente in pericolo la propria salute e quella degli altri che disinformati acquistano tranquillamente i prodotti ittici. Questi casi andrebbero denunciati per evitare ogni pericolo.

In questa battaglia al pesce avariato interviene anche la Coldiretti. Il presidente dell’associazione siciliana, Alessandro Chiarelli e il direttore Giuseppe Campione intervengono in relazione al sequestro che in questi giorni ha portato al blocco di oltre una tonnellata di pesce scaduto e in cattivo stato di conservazione. La Guardia Costiera di Palermo, Trapani e delle altre città siciliane sono riuscite in questo modo ad evitare che questi prodotti finissero, con il miraggio di un risparmio economico, sulle tavole dei consumatori.

A Palermo il caso clou: a due grossisti sono stati sequestrati decine di chili di baccalà scaduto addirittura da un anno. Il pesce tipico delle feste natalizie, senza alcun dubbio, avrebbe causato danni alla salute di coloro che lo avessero mangiato.  I due esponenti di Coldiretti dichiarano :” per questo è importante ribadire che bisogna fare i propri acquisti solo dove si possono ottenere garanzie di qualità, salubrità e certezza della provenienza.  Il pesce è un alimento importante per l’alimentazione – concludono  Alessandro Chiarelli e Giuseppe Campione – e un prodotto vitale per l’economia siciliana che bisogna liberare dal malaffare.”

Inoltre lanciano degli utili consigli per la scelta del pesce al momento dell’acquisto: 
Acquistarlo, laddove possibile, direttamente da chi garantisce la freschezza del pescato. • Verificare sul bancone l’etichetta. • Accertarsi che la carne abbia una consistenza soda ed elastica, le branchie un colore rosso o rosato e umide e gli occhi non siano secchi o opachi, mentre l’odore non deve essere forte e sgradevole. • Per molluschi e mitili, è essenziale che il guscio sia chiuso. • Meglio non scegliere i pesci già mutilati della testa e delle pinne.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Attenzione al pesce sottocosto, c'è qualcosa che non va

PalermoToday è in caricamento