rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
publisher partner

Sushi che passione, ecco gli errori da non fare per mangiarlo in modo corretto

Ne abbiamo parlato con i titolari del più gettonato tra i ristoranti palermitani specializzati nella cucina del Sol Levante. Vi sveliamo dunque come gustare al meglio i vostri piatti...

Il sushi non è tutto uguale, chi dice il contrario mente. Ma è possibile riconoscere quando è fresco e di qualità? Filippo La Mantia, uno dei titolari di Sal Capone, il più gettonato tra i ristoranti palermitani specializzati nella cucina del Sol Levante, ci svela tutti i segreti per gustare al meglio i piatti nipponici. Lo chef giapponese Nobu Matsuhisa a riguardo non ha dubbi: "Preparare il sushi è un'arte, e l'esperienza è tutto". Esperienza che costituisce il punto di forza del ristorante - che ha tripla sede, una in via Catania 44, una in via Emilia 69 e una in piazza Sant'Oliva. 

Per gli appassionati di sushi è fondamentale, innanzitutto, capire se il piatto che si ha di fronte è davvero di buona qualità. Per riconoscerne la freschezza, occorre innanzitutto stare attenti all'odore e ovviamente al sapore. Per ciò che riguarda l'olfatto, il pesce non deve avere un odore forte e pungente. Dal punto di vista estetico, un buon sushi, dal sashimi al temaki, deve apparire compatto ma non calloso e non deve sfaldarsi in bocca o quando si prende con le bacchette. 

A fare la differenza è però, senza dubbio, mangiare il sushi in modo corretto. "Tra gli errori da non fare - continua La Mantia - c'è sicuramente quello di non abbondare con la salsa di soia. Il sushi deve essere appena unto per gustare al meglio il sapore del pesce". 

Piccole e semplici regole da tenere sempre a mente sia quando si va al ristorante che quando si ordina del sushi a domicilio. E con Sal Capone ordinare è davvero semplice. Lo si può fare 7 giorni su 7, sia a pranzo che a cena, grazie alla loro app, con consegne in tutta la città. Stessa possibilità anche per chi preferisce gustare i propri piatti fuori casa. "Momentaneamente - conclude il titolare - è possibile pranzare ogni giorno solo nella sede di via Emilia, nel weekend anche in via Catania". C'è poi sempre la possibilità di fare take away nella sede di piazza Sant'Oliva. 

Quando si parla di sushi e all you can eat, spesso non si può non pensare agli sprechi. Un'idea che Sal Capone combatte ma senza per questo rinunciare alla quantità. La formula pensata dai titolari è infatti sempre quella di un all you can eat (“tutto quello che puoi mangiare”) senza limite massimo di portate, ma con dei turni. I commensali ad ogni turno possono ordinare al massimo quattro portate, ma tutte le volte che vogliono fino a sazietà.

Video popolari

PalermoToday è in caricamento