Sabato, 12 Giugno 2021
Animali

Strage di randagi a Casteldaccia Tredici cani trovati avvelenati

L'ultimo episodio riguarda una cagnetta che portava in grembo 12 cuccioli. Gli animali uccisi con un comune veleno e poi gettati nei contenitori dell'immondizia. Pronta la denuncia ai carabinieri da parte di un volontario

L’ultima cagnetta è morta ieri pomeriggio, portava in grembo 12 cuccioli. Ma sono già 13 i cani morti avvelenati negli ultimi cinque giorni a Casteldaccia. A trovare la cagnetta priva di vita è stato Calogero Olivieri, uno studente che lavora come volontario in uno dei canili del paese. “L’ho trovata che era morta da poco tempo – racconta Calogero a GeaPress –, ero andato in giro a cercarla ma l’ho trovata vicino casa mia. La segnalazione della morte degli altri animali mi è stata fatta da alcuni contadini che hanno trovato alcuni cani privi di vita nei loro terreni”.

Pare che le bestiole siano state uccise con un veleno facilmente reperibile con pochi euro. Gli animali spesso poi vengono gettati nei cassonetti dell’immondizia. Il giovane volontario oggi presenterà una denuncia ai carabinieri. “Non riesco a capire cosa ci sia dietro a questi episodi – conclude – perché gli animali stazionavano alla periferia del paese e non andavano mai in centro. Non davano fastidio a nessuno”. Tranne a chi ha deciso, barbaramente, di avvelenarli.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strage di randagi a Casteldaccia Tredici cani trovati avvelenati

PalermoToday è in caricamento