menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Davide Shorty a Sanremo con "Regina": ecco il testo della canzone che può vincere il Festival

Un brano che racconta la storia di una giovane donna, dei suoi amori e del suo farsi strada tra ostacoli e difficoltà. Insieme al cantautore palermitano nella serata finale delle Nuove Proposte di venerdì 5 marzo su Rai1 anche Folcast, Gaudiano e Wrongonyou

Non è del tutto sconosciuto al pubblico, perché il giovane cantautore palermitano ha già calcato un palco importante come quello di X-Factor. Ora Davide Sciortino, in arte Davide Shorty, è uno dei quattro finalisti del Festival di Sanremo 2021 nella categoria Nuove Proposte con "Regina", una canzone che racconta la storia di una giovane donna, dei suoi amori e del suo farsi strada tra ostacoli e difficoltà. Insieme a lui nella serata finale di venerdì 5 marzo su Rai1 anche Folcast, Gaudiano e Wrongonyou. 

"Regina", il testo 

Camminami di fronte
Così mi fai seguire le tue forme con lo sguardo
Guarda, c'è una casa all'orizzonte
E noi ci urliamo in faccia alla stazione singhiozzando
Entrambi con un ego enorme che ci mette in imbarazzo
Per sentirsi più al sicuro dal primo piano di un palazzo
Ed io ti amo, te lo giuro, infatti a volte sono pazzo
Se la testa ti va in fumo quando ti manca lo spazio

Questa pioggia è così fina che quasi non la senti
La strada è una piscina e quando meno te lo aspetti tu
Diventi una bambina con due genitori assenti
Ma cresciuta una regina con il sole tra i capelli
Aria, tu diventi aria (Oh oh)

Cos'è sto sguardo? Mi sembra quasi un rimprovero
Sono sempre il solito, a volte neanch'io mi tollero
Navigo la mente per frasi con senso logico
Panico come un coltello stretto dal manico
Trami e poi mi ami, mi chiedi se mai io sparirò
Mani nelle mani e come Dani adesso salirò
Sei nei miei piani e sai che ogni promessa è un debito
Anima latina, regina con regno a seguito
E inoltre una corona, hai pur bisogno di un palazzo
E a volte se ti senti sola e la tua vita è un po’uno strazio
Se la cosa ti consola, io ti sono sempre accanto
Dentro questa vita nuova che ha l'odore di un abbraccio

Questa pioggia è così fina che quasi non la senti
La strada è una piscina e quando meno te lo aspetti tu
Diventi una bambina con due genitori assenti
Ma cresciuta una regina con il sole tra i capelli
Aria, tu diventi aria
Aria, aria, oh oh

Questa pioggia è così fina che quasi non la senti
La strada è una piscina e quando meno te lo aspetti tu
Diventi una bambina con due genitori assenti
Ma ritorni una regina con il sole tra i capelli
Aria, tu diventi aria (Oh oh)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento