← Tutte le segnalazioni

Degrado urbano

In via Libero Grassi la collinetta della vergogna: ecco l'inventario dei rifiuti

Via Libero Grassi · Zisa

Mi ritrovo a scrivere l'ennesima segnalazione, ormai uguale, da tempo immemore. Le foto allegate parlano fin troppo bene.Tra gli infiniti rifiuti, ormai facenti parte di una collinetta, predilgo il materasso celeste, che sta lì insieme ad altri da almeno tre anni.

Posso fare un inventario: tantissimi sportelli di frigoriferi, tantissimi materassi, tantissime carcasse di televisori, tantissime ante di armadi, resti metallici, telai di moto, carcasse di animali morti, ingombri cartacei e plastici. A completare il collage, le stracolme campane per la raccolta di vetro e plastica, sono oramai irraggiungibili, perché la gente abbandona il potenziale differenziato ai loro piedi.

L'area interessata è costituita oltre che dalla zona prospiciente il marciapiede di via Libero Grassi, dove galleggiano i contenitori della nettezza urbana (che vengono svuotati con estrema difficoltà) anche dalla molto più vasta area insita in un terreno abbandonato che percorrendo tutto il vicolo Siccheria, lambisce la via Scoto e torna sulla via Grassi, vanificando la praticabilità dei marciapiedi che sfiorano la pericolosa rotonda viaria, costringendo il passante a camminare proprio sulla rotonda destinata alle auto.

Obbligo del Comune, a tale proposito, sarebbe quello di recintare a proprie spese quella zona (covo di drogati e gioia di sbarazza cantine), addebitando eventuali spese ai potenziali proprietari o ultimando gli atti di esproprio di tali terreno. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento