← Tutte le segnalazioni

Degrado urbano

"E queste le chiamate piste ciclabili?": lettera di una cittadina disillusa e arrabbiata

Via Dante Alighieri · Noce

Si dice sempre che il mattino ha l'oro in bocca, e dopo la colazione che rigorosamente faccio, è il momento in cui, andando a lavorare, come ogni mattina, si può godere di tutto ciò che di bello offre la nostra città, sono una fans della mobilità sostenibile, ma vivo a Palermo e questa città vive una contraddizione continua tra quello che potrebbe essere nella sua essenza, perchè ne avrebbe le potenzialità, una capitale della cultura permanente e il suo degrado vissuto oltre da chi la visita e ne rimane sconvolto, anche e soprattutto da noi cittadini, che ci siamo assuefatti allo sporco e all'abbandono.

Ho da pochi giorni una bicicletta elettrica, dunque mi allineo e sostengo la possibilità di vivere una città con meno inquinamento, ma poi mi rendo conto che per i ciclisti le strade di Palermo sono pericolosissime, anche e soprattutto le piste ciclabili, realizzate ma non curate che presentano spesso delle voragini laterali corrispondenti agli scoli fognari, percorrendo la pista ciclabile di Via Dante c'è un altro problema gravissimo, gli alberi ai lati della strada non sono potati e le fronde nel percorrerle finiscono sugli occhi, la pista è stata creata in uno spazio esiguo delimitato da dei dissuasori creati per la separazione con la strada centrale e i relativi parcheggi, lo spazio di manovra è molto piccolo e si rischia otre che di cadere per evitare le buche dello scolo fognario anche e soprattutto nel percorrerla di accecarsi con le fronde degli alberi non potati, creando non indifferenti problemi, e rischiando di far cadere chi la percorre.

Adesso chiedo al mio Sindaco, che ha in mano la tutela della salute dei suoi cittadini come pensa di risolvere quanto appena descritto visto che è sempre maggiore il numero di bici e monopattini presenti in città, aumentati anche per il Bonus Mobilità del Governo, bellissima iniziativa che va supportata da cittá più sostenibili e sicure, in allegato la foto di questa mattina alle sette in via Dante che vi da il senso di quanto descritto dalla sottoscritta. E' uno sfogo che spero solletichi la sensibilità dei nostri amministratori, tutti desideriamo una città più vivibile, ma a Palermo sarebbe un sogno.

Liliana Cimino, una cittadina disillusa e arrabbiata

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (6)

  • Dopo il bonus mobilità dovrebbero provvedere a delle degne piste ciclabili. Se non si agevola all'uso di mezzi alternativi alla macchina ecc. nessuno beneficerà di una diminuzione dell'inquinamento e un minor dispendio di petrolio.

  • Purtroppo la nostra città, che qualcuno non so per quale motivo si ostina a definirla città Europea, vive nel degrado totale. In primis i cittadini che di civiltà ben poca ne conoscono e dopo ovviamente le istituzioni che preferiscono chiudere gli occhi e far finta di nulla. Purtroppo chissà in quale secolo a venire potrà migliorare questa città e questa meravigliosa terra che nessuno ha voglia di valorizzare e di far crescere. Con quale coraggio si possono definire " Piste Ciclabili " delle assurdità del genere ? Ma veramente non sono mai andati oltre CAPACI o CEFALU' ? Vadano a farsi un giro in europa per imparare qualcosa !!!

  • @Liliana ti mancava la bici! Purtrotto la situazione che hai descritto è solo la punta dell'iceberg. L'esempio già descritto da Gigi, di via Libertà, con una parte di corsie che vanno dalla Statua a piazza Croci, già abolite, ma regolarmente usate dai ciclisti, e il seguito invece lasciate attive ma sempre in mezzo ai pedoni. Solo questo fa capire con quanti studi logistici sono state pensate le "piste ciclabili" si con molto coraggio così le chiamano. Quando i nostri figli avranno i rispettivi figli già nonni, forse avremo dei miglioramenti.

  • Oltre all'inciviltà, farei notare chi il caro assessore Catania , ha annunciato altri 65 km di piste ciclabili. Faccio un'osservazione, a Palermo, cosa assurda e impensabile, esistono piste ciclabili sul marciapiede , mettendo a rischio i pedoni, e poi prima di fare le altre piste, metti in sicurezza e fai la manutenzione di quelle esistenti. E come lamentato da tanti cittadini; toglierle dal marciapiede.

  • Quanto da lei fotografato mi mette in risalto principalmente l' inciviltà dei suoi concittadini, poi non nego che la città non abbia bisogno di manutenzione che purtroppo non può essere che limitata grazie al federalismo fiscale che trattenendo i nostri tributi quasi tutti al nord ( lo so perché ci lavoro) hanno messo in ginocchio i comuni siciliani.

  • concordo. Io sono ciclista amatoriale e rischio di morire 4/5 volte ad uscita.

Segnalazioni popolari

Torna su
PalermoToday è in caricamento