← Tutte le segnalazioni

Degrado urbano

Porticciolo di S.Erasmo: prima il recupero e l'inaugurazione ma poi... il nulla

Via Padre Messina Giovanni · Palermo

Il 10 ottobre 2019 il taglio del nastro nel nuovo porticciolo di Sant’Erasmo, riqualificato grazie all’Autorità di Sistema portuale del Mare di Sicilia occidentale, guidata da Pasqualino Monti, e all’architetto Sebastiano Provenzano che ha redatto il progetto da 2,8 milioni di euro. Presenti alla cerimonia inaugurale padre Vincenzo Marchese che benedetto l’opera, e le varie autorità: il presidente della Regione, Nello Musumeci, il sindaco Leoluca Orlando, il contrammiraglio Roberto Isidori.

"Un’area sottratta al degrado, un recupero che era un’urgenza, per dare continuità al 'mare verde' del Foro Italico, per integrare i pescatori in un’area finalmente dignitosa, per riqualificare un angolo rilevante e delicato come quello che si allunga fino a Villa Giulia. Siamo tornati, dopo appena otto mesi, a visitare 'l'area sottratta al degrado' - dicono dall'associazione Comitati Civici Palermo - e quello che abbiamo visto non ha bisogno di tante parole, perché le immagini parlano da sole. Ci chiediamo chi abbia supervisionato i lavori delle maestranze, chi abbia controllato la qualità e l'idoneità dei materiali utilizzati, chi abbia certificato l'esecuzione a regola d'arte dei lavori eseguiti. Quanto spreco di denaro pubblico! 2,5 milioni di euro ed alla prima mareggiata si sono distrutti i marmi collocati sulla banchina. Tombini letteralmente sprofondati davanti all'edificio di Padre Messina, la fontana non funzionante e con evidenti cedimenti, il verde non curato, come sempre succede nella nostra città".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento