← Tutte le segnalazioni

Altro

Coronavirus: "Contagi aumentati quando le scuole erano chiuse, che senso ha lasciare gli studenti a casa?"

Caro sindaco Leoluca Orlando ho appena letto le sue dichiarazioni sulla chiusura della scuola e non riesco a comprenderle. Avrà sicuramente notato che l'aumento dei contagi, durante un periodo in cui le scuole sono state chiuse, è stato verosimilmente causato dell'eccessivo affollamento creatosi per lo shopping delle vacanze e dal desiderio di socialità della cittadinanza. La scelta più banale è chiudere le scuole che sono, come già dimostrato, luoghi sicuri, quando, invece, dovremmo: incrementare la sorveglianza, da parte delle forze dell'ordine davanti alla scuole per evitare assembramenti, cosa che si vede raramente; implementare la sicurezza sui mezzi di trasporto; promuovere al più presto possibile la vaccinazione del personale scolastico.

Penso che la scuola debba essere considerata un bene di prima necessità come il cibo. Abbiamo investito milioni di euro per rendere sicure le scuole. Chiudere le scuole ha portato all'insensata amputazione dell'anima di molti dei nostri bambini, amputazione che si è manifestata con l'incremento dell'abbandono scolastico da parte di bambini "fragili" dal punto di vista socio-economico e con il rischio, già ben documentato, di danni sul piano psicologico e relazionale. Amputazione per la quale non esiste protesi. Stiamo uccidendo proprio lo spirito che questa istituzione pretende di infondere. Questa non è una questione di principio ma è una necessità di vita. Lasciamo che i nostri bambini continuino il loro percorso educativo senza distruggerlo ma proteggendolo ed abbracciandolo. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (10)

  • Il problema non sono i ragazzini a scuola , il problema sono i genitori che accompagnano i ragazzini, e sono migliaia , con assembramenti davanti le scuole; e li ha visti tutte le mattine. Quindi cari genitori spiegate ai figli che la scuola essendo “sicura”, purtroppo non lo è per colpa vostra , che probabilmente siete anche quelli che affollano i negozi e centri commerciali. Chi è causa del suo mal pianga se stesso.

  • Concordo! Bravissimo, siamo stufi di decisioni prive di logica e frutto solo della paura

  • *gli studenti positivi

  • Ma lei forse dimentica che al 13/11 quando si parlava di nuovo di chiudere le scuole ed il sig Orlando aveva già firmato l’ordinanza la regione lo fermò subito perché gliel’ho studenti positivi erano 0,44% a Palermo e sempre il 2/12 il rapporto medio era al 1,25% in tutta la sicilia su 451000 circa di alunni i positivi erano 1836 quindi cosa c’entrano le scuole con gli aumenti di questi giorni? Ultimi giorno di scuola23 dicembre

    • Gentile signora, le ripeto, il negazionismo non aiuta. Qui nessuno ha detto che la causa dell'aumento dei contagi è stata la scuola ma non può negare che l'apertura potrebbe aumentare tale rischio. Ovviamente c'è chi sostiene tutt'oggi che il covid 19 non esiste, oppure è un complotto etc.....ma di fatto la realtà negli ospedali covid e il decesso quotidiano di centinaia di persone sono ben visibili agli occhi di tutti, quanto meno si faccia raccontare da chi ha vissuto l'esperienza in prima persona e poi mi saprà dire se è un bene o no prendere precauzioni. Potrei avvalorare le sue ragioni qualora non ci fossero stati nemmeno i mezzi per garantire la continuità degli studi, invece grazie al progresso oggi è possibile avere un'alternativa temporanea valida, pertanto anziché lagnarci cerchiamo di essere più solidali e pazienti, meno complottisti e disfattisti. Grazie e cordiali saluti.

  • Beh forse questo articolo non tiene conto di scuole con intere classi messe in quarantena perchè molti alunni riscontrati positivi, causando successivamente il contagio a persone più "fragili" e sappiamo ciò cosa potrebbe comportare. Rimango basito leggendo questo articolo fondato su dati inesatti (la scuola non causa aumento di contagio), che tradotto si intenderebbe, aprite le scuole perchè tanto i contagi sono aumentati ugualmente......quindi potremmo aprire anche teatri, cinema etc.... perchè non mi pare che a causa di queste attività ci siano state impennate di contagi. Ma che senso ha?Occorrerebbe semplicemente un pizzico di consapevolezza e pazienza in più. Sembra che con questo vaccino la luce sia vicina alla fine del tunnel, quindi perchè forzare i tempi? A che pro? i molti negazionisti non aiutano di certo nell'afrontare al meglio questo periodo....forse dovreste scrivere un articolo su di loro. Incuranti e menefreghisti di qualsiasi regola e di chi sta loro vicini. Infine concludo, in merito alla soluzione indicata nell'articolo per prevenire gli assembramenti degli studenti, ovvero le "forze dell'ordine" a vigilare su tutte le scuole.......stupenda trovata. Gentile scrittore, lei quanti agenti riterrebbe opportuno schierare in tutta Italia per prevenire ciò in tutte le scuole? Ma lei, durante le scuole scuole in presenza, è mai transitata davanti un liceo, un istituto tecnico o professionale? ....evidentemente NO!!!! Più che pretendere la presenza delle forze dell'ordine su cui è facile puntare eventualmente il dito per "controlli insufficienti", sarebbe opportuno che ognuno di noi di facesse un'esame di coscienza sul chiedersi il perchè di molti ragazzi non siano rispettosi delle norme e quindi comprendere la gravità della situazione......qui conta tanto il ruolo di GENITORE. Preferisco stringere i denti il tempo necessario che serve purchè molta gente "fragile" non corra rischi per la propria vita solo per la fretta di alcuni di tornare alla normalità come se il virus fosse ormai debellato. Meditate, per favore

    • Lo stato e la regione dovevano avere il coraggio di dire alle persone che il Natale e le altre feste ce lo dovevamo fare ognuno a casa nostra senza organizzare pranzi o cenoni e fare un lockdown generale ma ci sarebbe stata una rivolta e adesso invece parlate di chiudere le scuole

      • Ma infatti le feste sono state da zona rossa quindi con forti restrizioni. Mi fa dubitare quindi che lei non ha rispettato la normativa prevista considerato che non sapeva nulla. E dire che è stato divulgato in tutti i modi.

Segnalazioni popolari

Torna su
PalermoToday è in caricamento