← Tutte le segnalazioni

Altro

Dai tetti di Independence Day a quelli dello Sperone, la lettera di Dalì agli "arrustituri" di Pasqua

Redazione

Riceviamo e pubblichiamo

Caro direttore, 
si ricorda la scena del film Independence day, quella in cui a decine salivano sui tetti dei grattaceli chiedendo agli alieni di portarli con se’? Ignari ed ignoranti, andavano tutti incontro a morte certa. Ebbene, la gente sui tetti dei palazzi palermitani mi ha fatto pensare a quella scena. E allora lei mi scuserà se utilizzerò il loro linguaggio, quello sbracato, svirgolato e un po’ sboccato. Probabilmente risulterò volgare, probabilmente vilipenderò le pagine del suo giornale e forse farò storcere il naso ai cultori del vernacolare. Il fatto è che devono capire, o con le buone o con le cattive. Perciò, ecco la mia lettera apertissima (come le vocali del nostro slang) alla gente sui tetti. 

“Picciuatti, zio, signo’ ... u Palieimmu ... a mme cumpari, carissim amici. Acchianastivu ncapu e’ tietti p’addiviittirivi, picchì vi siddió a starivi a casa, picchi a’ rrustuta un si tuacca. Vi sintistivu scaitti, vi facistivu i seiffi mentr’arrustiavavu, facecavu i tocch’ i birra, abballavavu chi mugghieri e i picciuttieddi. Ma un siti scaitti, no. Siti fissa, sintit’ammia. Siti scimuniti e siti tinti. Scimuniti, se, picchì accussì v’ammazzati chi vostri manu; tinti, se, picchì ammazzati puru all’avutri. E siti fissa, picchì ncucciastivu  tempu nianti. Vi sintevavu i miegghiu, dra’ ncapu parevavu i patruna ru munnu, mancu avissivu fattu ... ma chi facistivu? Un facistivu scantari a nuddu. Tutti nna firassimu a pigghiari a’ rarigghia, u vinu, i canzuna e fari chiddu chi facistivu vuatri. Ma nuatri (i luacchi ca nni stamu a casa) avemu u rispiettu. A canusciti sta paruala? U rispiettu! Vi ci faciti a vucca, vi ci vunciati u piettu, v’annacati tutti, ma un sapiti nzocche’, u rispiettu.

E unnè buastra a cuippa, no. A cuippa è ri tutti l’omini r’onuri ca v’insignaru ca u rispiettu è suvicchiaria, è farisi vasari i manu,  è sputruniari, è cumannari u riuni.  E no! U rispiettu è natra cuasa: è sapiri stari ‘ncapu a tiarra (e no ‘ncapu e’ tietti), è caminari a testa avuta (e no ammucciarisi picchì t’incuaccianu dra’, ghiavutu), è fari chiddu che è giustu fari (e no ‘nzoccu ti piaci fari); è taliari un cristianu ca divisa mentre t’addumanna “unni sta iennu?” e dirici “grazie” pu travagghiu ca sta faciennu. Vuatri scappastivu com’ i succi, picchì unn’aviti rispiettu i nuddu e nuddu v’arrispiatta. E un finiu ca! A ’nonna, u papà: un ci pinzati a iddi? Iddi un si saibbanu, si ci ven’ a frieve si ponnu stuari u mussu. Giustu è? I manicati e i vivut’... a vuaghia: i putiti fari quann’eghhè. Ma i cristiani no, chiddi quannu muarinu, muarinu. Avutru chi tinti! Avutru chi fissa! Avutru chi scimuniti! Chi cristiani siti? 

Oillando,  OIillando... u sinnacu unn’e’ tintu quannu vi rici ri unn’esciri i rintra (s’iddu v’abbannuno’ nna sti anni, è navutru riscuissu); e u sprieggiu un ciu faciti a iddu. Mancu i sbirri su tinti. Sunnu i nummari unu, i megghiu amici c’aviamu, picciuttazzi paati picca ca cummattinu cu buavutri pi saibbarivi, a buatri stissi, e’ vostri figghi, e’ vostri patri, e’ matri... a tutti. Peicció, chi faciemu? ....Ora ci su l’avutri fieste: ancora cu sta vriuagna? Sissignori: chista è vriuagna! Ni facistivu vriugnari a tutti, u sapiti? Pura a vostra buiggata si nni vriugnó, ne ccuntu ca siti tutti i stissi... Amunì, un c’è nienti, abbasta c’afiniti però. Amunì, ca n’allistiamu cu sta camurria e ni amu a fari i bagni. Puru nuatri unn’afiramu chiu’, pi chistu arristamu a casa! 

Grazie direttore, pubblicare questa lettera non deve essere stato facile.

Eusebio Dalì

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (4)

  • Vede che non avevo torto, invece di scusarsi, chiede pure soldi per le interviste. Mi ascolti ,non perda tempo con questa "gente".

  • Egregio Dalì, encomiabile la lettera, Ma chisti sinni stannu futtiennu ri Lei e di tutti. Non me ne voglia , ma questa è Palermo, e queste sono le persone. Non c'è recupero che tenga , e neanche il quartiere, il quartiere non è questa gente.

  • Ottimo,però io farei di più. Leggerla ad alta voce, registrarla ed andarla trasmettendo con gli altoparlanti nelle borgate di merda.

  • waoh! mi è stato pure un po' difficile leggere alcune parole, però quel che é detto, è buono! Very GOOD!

Segnalazioni popolari

Torna su
PalermoToday è in caricamento